2012.11.13 – IN SERBIA SI CANTA PER SAN MARCO

Print Friendly, PDF & Email
 

Una dichiarazione d’amore negli accordi distorti di una canzone heavy metal.
 
[includeme src=http://www.youtube.com/embed/EBi0QojpyOw frameborder=0 width=400 height=400]
 
da un articolo de IL MATTINO DI PADOVA (curato da Raixe Venete)
 
«Par San Marco, par ła Serenissima» cantano in lingua veneta i belgradesi Rain Delay, giovane band acclamata dalla critica di settore come una delle migliori del panorama serbo.
Una presenza fissa nelle playlist delle radio locali, qualche apparizione alla tv di stato, e un piccolo esercito di fan disseminato tra i mille paesini dei Balcani («non c’è villaggio della Serbia dove non abbiamo suonato»).
Su di loro è stato anche girato un documentario, attualmente in circolazione nei festival studenteschi della capitale.
Il titolo sintetizza gli otto anni di vita della band in due semplici parole: “San Marco”.
E uno dei pezzi più intensi di “Slumber Recon”, ultima fatica dei Rain Delay, si chiama proprio “Par ti, San Marco”: un inno a Venezia e alla sua storia millenaria.
Mentre il precario presente della città fa da sfondo al brano che ha suggerito il titolo dell’album, “Veneto Slumber Recon”.
Canzoni nate sorseggiando bicchieri di Cabernet rigorosamente veneto, in una sala prove sulla cui parete troneggia il gonfalone col Leone Alato.
«Quella bandiera mi rappresenta» dichiara orgoglioso Dušan Pešić, cantante e chitarrista del gruppo.
27 anni, studente in legge, una cintura rossa di karate e una potenziale carriera di pallamanista «interrotta dall’aggressione NATO del 1999», Dušan ha vissuto tutta la vita a Belgrado, città che non ha intenzione di abbandonare.
Ma a chi gli chiede quale sia la sua patria risponde senz’ombra di esitazione: «Io sono un veneziano.»
.
Essere veneziani non è mai stata una questione di sangue.
Chiunque, da qualsiasi paese del mondo, può diventare veneziano se abbraccia un certo tipo di sguardo, un particolare stile di vita.
Quali sono le ragioni per cui ti definisci veneziano?
«Semplicemente, dalla prima volta che ho messo piede a Venezia nel 2002, mi sono sentito a casa.
Ho sentito di trovarmi in un posto dove sarei stato al sicuro da qualunque cosa.
I veneziani secondo la tradizione sono protettori degli artisti e dell’arte stessa, quindi forse il motivo è questo.
Non trovo le parole per spiegare il sentimento che provo quando vedo la bandiera veneta, o quando ascolto l’inno “Na bandiera, na łengoa, na storia”. Ad ogni modo, mi sento bene.
Mettiamola così: anagraficamente, per nascita, sono serbo; culturalmente, per scelta, sono veneziano.»
.
“Par ti, San Marco” è cantata in un veneto perfetto.
Come hai imparato così bene questa lingua?
«Due talenti che possiedo sono un discreto orecchio, senza il quale non potrei fare il cantante, e una buona comprensione di quasi tutte le lingue straniere.
In più, ho avuto un grosso aiuto dalla mia cara amica Claudia Schiavon.
Lei è la cantante di una grande band metal veneta, gli An Ocean Between Us, e mi ha aiutato a tradurre il testo.
Da solo non credo davvero che ce l’avrei fatta.
Ho fatto di tutto per entrare in sintonia col suono della vostra lingua: sono andato alla ricerca di madrelingua veneti in Serbia e perfino in Istria, ho guardato video su YouTube, e finalmente sono riuscito, con molta a fatica, a preparare una prima versione della canzone.
L’ho cantata a Claudia durante la mia ultima visita in Veneto, in un incantevole campiello nel sestiere di Dorsoduro, e lei ne è stata assolutamente soddisfatta.
Credo che i serbi (diversamente da italiani, spagnoli, francesi, russi o americani) non abbiano un accento così forte quando parlano una lingua straniera.
La cosa più difficile è stata impadronirmi di quella strana “r” morbida tipica della laguna, che nel mio caso suonava più come la “r” inglese.
Ho trovato che come la pronunciavo io non suonasse affatto bene, così ho deciso di usare piuttosto la “r” rotante.
In combinazione con la “l” morbida (ł), credo di essermi avvicinato alla pronuncia del veneto centrale parlato a Padova.
Ho imparato queste cose dall’introduzione al “Dizionario Veneto-Inglese” di Lodovico Pizzati, che ho ricevuto in regalo dalla mia ragazza.»
 
[includeme src=http://www.youtube.com/embed/LXg5TRp2xf4 frameborder=0 width=400 height=400]
 
Cantare in veneto per un madrelingua serbo non dev’essere una cosa semplice.
Se ci hai speso tanta fatica immagino tu abbia pensato che fosse importante.
Perché la lingua ha così tanto peso nel vostro omaggio al popolo veneto?
«È sempre meglio rivolgersi alle persone nella loro lingua madre, e nonostante il mio messaggio in “Par ti, San Marco” possa apparire a molti oscuro e complicato, volevo che il tributo a San Marco e alla Serenissima fosse completo nel ritornello.
Ci sono poi tre ulteriori motivi che mi hanno spinto a utilizzare il veneto.
Il primo è che nessun’altra band metal del mondo l’aveva mai fatto (almeno credo, ma potrei sbagliarmi); il secondo che milioni di persone in Serbia e nel resto del pianeta non sanno nulla di questa lingua, e contribuire alla sua diffusione è per me un dovere e un onore; il terzo, e più importante, è che mi è venuto naturale, perché semplicemente amo cantare in veneto.
Ha un suono melodioso e incantevole.
Non vedo l’ora di tornare a cantare in “łengoa Veneta” per il prossimo album dei Rain Delay.»
.
In “Par Ti, San Marco” si parla anche di maschere veneziane. Cosa ti ha affascinato di questo tema?
Innanzitutto questa canzone è dedicata alla Repubblica di Venezia, alla sua gente (passata, presente e futura) e al suo patrono San Marco, perché mi ha ispirato come artista, perché ha resistito al tempo e alla storia, perché il suo popolo è meraviglioso, ha saputo creare e conservare un’arte immensa e farsi portatore di una bellezza straordinaria.
L’ispirazione per il pezzo mi venne due anni fa, quando il mondo era dominato dalla psicosi creata da quella grottesca menzogna chiamata “influenza suina”.
A Belgrado molte persone si misero a indossare maschere per protezione.
La mia ragazza (presente nel disco con lo pseudonimo di “Selena Shiseido”) era così spaventata dalla situazione da domandarsi se non dovesse portare anche lei una maschera di quel tipo.
Viveva in preda al terrore: un terrore basato sulle bugie.
Io volevo solo scappare con lei nell’unico posto al mondo dove la gente indossa maschere “par divertirse, e mai par via de la paura”, come dico nella canzone.
Il verso in inglese “niente mi trattiene dal chiudere il libro e impugnare la spada” è invece un riferimento al cambio di bandiere quando la Serenissima passava dal tempo di pace al tempo di guerra.
Mentre il verso successivo “niente… eppure tutto” spiega che se dovessi andare a combattere un’altra guerra, e perciò abbandonare gli studi, perderei molte cose che non potrei mai riavere indietro.
.
La prima strofa, in veneto, non parla però né di Venezia né di maschere, ma apre uno scorcio su una scena di vita familiare: un padre che riposa e una madre persa nei suoi pensieri.
Cos’ha a che vedere questo con la Serenissima?
«Come dicevo, è complicato.
In quei versi introduttivi descrivo l’atmosfera di casa mia, in un momento in cui sto affrontando alcune decisioni difficili a livello personale, per esempio riguardo al fatto di abbandonare gli studi, una cosa a cui pensavo molto al tempo in cui scrissi questo testo.
È una scena che a casa mia si ripete spesso: mio padre che schiaccia un pisolino dopo una mattinata di duro lavoro; mia madre, un po’ preoccupata, che fa i mestieri domestici; e io che esco per andare al mio allenamento di jiu-jitsu, con la testa piena di pensieri.
Per qualche misterioso motivo, la mia più grande fonte di ispirazione in momenti simili è il Leone Alato.
Questa rappresentazione biblica di San Marco con le ali d’angelo mi dà forza e mi illumina in tutte le mie “battaglie”, che si tratti di jiu-jitsu, di una rissa da strada in cui vengo coinvolto mio malgrado (A Belgrado ci sono alcuni quartieri violenti), o di qualsiasi altra sfida che la vita mi metta davanti.
Molti altri aspetti di questa canzone sono spiegati nel documentario sui Rain Delay, intitolato “San Marco”.
Questo film, diretto da Filip Cerović, è stato presentato a Belgrado all’inizio di giugno.
Speriamo di poterlo distribuire presto in qualche festival veneziano, o magari in una delle vostre televisioni locali.
Credo che per il pubblico veneto sarebbe piuttosto interessante.»
 
[includeme src=http://www.youtube.com/embed/-1P2nyqgDNc frameborder=0 width=400 height=400]
 
“Veneto Slumber Recon” si apre con un’immagine molto poetica: un disperato grido d’allarme lanciato attraverso l’etere da un balcone illuminato dalla luna.
Il messaggio dice: “la città sta affondando.”
Cosa significa?
«Spiegare questo brano è probabilmente una delle domande più difficili che abbia mai ricevuto da un giornalista, come ho già avuto modo di dire in una recente intervista fattami da Claudio Hutte per la web tv VeNETvision.
La Venezia di oggi è la scena principale della canzone, il posto dove si svolge l’azione.
Fino al momento in cui una voce mi scuote, facendomi capire che forse, mentre io credo di stare dormendo (per strada, in Fondamenta della Salute) in una città che affonda, di fatto sto solo sognando di essere lì, mentre nella vita reale c’è un’occasione che a sua volta sta “affondando” proprio in quel momento.
Mi chiama per svegliarmi prima che sia troppo tardi.
Ma il destino è stato gentile con me, non permettendo che io mi svegliassi, perché credo che il proseguire di quel sonno abbia avuto una ragione.
In ogni caso, per i veneziani vale esattamente l’opposto.
Loro sono proprio quelli che devono svegliarsi prima che sia troppo tardi.»
.
In questo pezzo sia la musica che le parole esprimono un forte sentimento di nostalgia.
È qualcosa di legato soltanto alla tua esperienza personale, o anche al rimpianto per la Venezia del passato?
«Al tempo in cui ho scritto questa canzone, provavo nostalgia per la mia passata relazione con una persona, la stessa con la quale ebbi l’”occasione” di cui parlavo nella risposta precedente.
La seconda parte del brano, in lingua serba, descrive i miei rapporti con questa persona, ma allo stesso tempo spiega come il destino avesse altri piani per me.
Sinceramente non conosco “la Venezia del passato”, né sono sicuro di aver capito a quale “passato” tu ti riferisca.
Naturalmente la situazione della città era molto migliore prima che la laguna fosse devastata dall’inquinamento e dallo sfruttamento ambientale, ma queste sono cose di cui chiunque può rendersi conto.
Ad ogni modo sarei più propenso ad affrontare il futuro, e lasciare il passato alle poesie e ai libri di storia.»
.
Un famoso giornalista italiano, Indro Montanelli, una volta scrisse: “salvare Venezia è già difficile, farlo con i veneziani contro è impossibile.”
Cosa ti senti di dire, dall’altra sponda dell’Adriatico, per convincere i veneziani a prendersi cura della loro città e della loro cultura?
«Molti veneziani oggi non si rendono conto di quello che hanno e di quello che sono.
Due miei amici, uno di Mestre e l’altro degli Alberoni, parlano in continuazione delle cose che non vanno a Venezia: l’invasione dei turisti, i problemi del trasporto pubblico …
Sinceramente non so cosa pensare di questioni come il Mose o roba del genere.
Funzionerà?
Mi auguro di sì.
Nonostante sia piuttosto informato su questi temi, non vorrei addentrarmi nelle faccende politiche della vostra regione.
Su un altro versante, i Rain Delay possono fare la loro parte per preservare la cultura veneziana cantando la gloria della città, suonando e diffondendo “Par ti, San Marco” come una sorta di inno alternativo del popolo veneto (potrebbe diventare una canzone patriottica per il pubblico metal del Veneto).
Ma soprattutto, vogliamo ricordare a queste persone l’esistenza della loro lingua e della loro cultura.
Questo è il mio desiderio più profondo.»
Tommaso Stoppa
 

1.543 pensieri su “2012.11.13 – IN SERBIA SI CANTA PER SAN MARCO

  1. Pingback: maxbet
  2. Pingback: sbobet
  3. Power Requirements: This Machine Will Run On Normal 110 V Household Current. The Power Cord Will Run Out Of The Back Of The Machine. No Special Adaptor Or Wiring Is Needed. It Is A Good Idea To Plug The Power Cord Into A Power Surge Protector Since There Is A Computer Board Inside This Machine. Price: $21.95 The “slot machine” term derives from the slots on the machine for inserting and retrieving coins. “Fruit machine” comes from the traditional fruit images on the spinning reels such as lemons and cherries. For the first time, self-made billionaire Tilman Fertitta is sharing the common sense principles that rocketed his hospitality empire to the top in his much anticipated debut book, “Shut Up and Listen”? Clients-Services Slot Machine Cash-Out Ticket Printer Paper – Two Packs
    http://xn--9r2b13phzdq9r.com/bbs/board.php?bo_table=free&wr_id=62097
    We’d like to collect additional information about how you approach the game, such as your player tags, size, and clothing. By entering this site you swear that you are of legal age in your area to view adult material and that you wish to view such material. Lets play Strip Poker Card Games on the Party Beach 57 sec New high quality hd xxx porndic,ffffound girl,wichsparade,सेक्सी पिक्चर चाहिए,buri gay,gyno bondage,anggita sari,in die muschi pinkeln,katarina kozlova tags hd porn and sex movies. Along came Polly. All over the poker table… Don't have an account yet? Dirty Little Step Sis Lily Jordan Gets Pov Fucking After A Strip Poker Game Please note that you can change your preferences and or decline certain types of cookies to be stored on your computer while browsing our website. You can also remove any cookies already stored on your computer at any time, however, doing so may break certain parts of our website and prevent you from accessing specific content.

  4. Наша команда опытных исполнителей готова предложить вам передовые системы утепления, которые не только обеспечат надежную протекцию от зимы, но и подарят вашему собственности современный вид.
    Мы функционируем с последовательными материалами, подтверждая долгий время эксплуатации и великолепные выходы. Теплоизоляция фронтонов – это не только сокращение расходов на тепле, но и трепет о природной среде. Сберегательные подходы, какие мы производим, способствуют не только жилищу, но и сохранению природы.
    Самое первоочередное: [url=https://ppu-prof.ru/]Стоимость утепления фасада[/url] у нас начинается всего от 1250 рублей за квадратный метр! Это бюджетное решение, которое преобразит ваш домик в реальный тепловой локал с минимальными затратами.
    Наши пособия – это не единственно теплоизоляция, это составление области, в где каждый компонент выражает ваш уникальный образ действия. Мы примем во внимание все ваши требования, чтобы переделать ваш дом еще еще более гостеприимным и привлекательным.
    Подробнее на [url=https://ppu-prof.ru/]официальном сайте[/url]
    Не откладывайте занятия о своем доме на потом! Обращайтесь к экспертам, и мы сделаем ваш домик не только уютнее, но и моднее. Заинтересовались? Подробнее о наших предложениях вы можете узнать на сайте компании. Добро пожаловать в обитель уюта и качества.

  5. Наша группа профессиональных специалистов подготовлена предоставить вам инновационные подходы, которые не только снабдят надежную покров от холодильности, но и подарят вашему собственности оригинальный вид.
    Мы практикуем с современными материалами, подтверждая продолжительный период эксплуатации и великолепные результаты. Теплоизоляция наружных поверхностей – это не только экономия ресурсов на обогреве, но и забота о окружающей среде. Энергоспасающие технологические решения, какие мы применяем, способствуют не только жилищу, но и сохранению природы.
    Самое центральное: [url=https://ppu-prof.ru/]Стоимость утепления фасада с декоративной штукатуркой[/url] у нас открывается всего от 1250 рублей за м2! Это бюджетное решение, которое изменит ваш домашний уголок в реальный уютный район с скромными затратами.
    Наши примеры – это не просто изоляция, это составление области, в где каждый аспект отразит ваш свой манеру. Мы примем во внимание все ваши желания, чтобы осуществить ваш дом еще больше гостеприимным и привлекательным.
    Подробнее на [url=https://ppu-prof.ru/]https://www.ppu-prof.ru/[/url]
    Не откладывайте занятия о своем ларце на потом! Обращайтесь к экспертам, и мы сделаем ваш домик не только теплее, но и по последней моде. Заинтересовались? Подробнее о наших делах вы можете узнать на портале. Добро пожаловать в пространство удобства и качества.

  6. I am curious to find out what blog platform you have been using?
    I’m having some small security issues with my latest site and I would like to find
    something more safe. Do you have any solutions?
    I saw similar here: Sklep internetowy

  7. Hi! Do you know if they make any plugins to assist with Search Engine Optimization? I’m trying to get my blog to rank for some targeted keywords but I’m not seeing very good results.
    If you know of any please share. Thanks! You can read similar article here: E-commerce

  8. Наша группа профессиональных специалистов подготовлена предлагать вам прогрессивные системы утепления, которые не только предоставят устойчивую защиту от холодильности, но и подарят вашему жилью стильный вид.
    Мы эксплуатируем с самыми современными составами, подтверждая прочный запас работы и превосходные эффекты. Теплоизоляция фронтонов – это не только сбережение на обогреве, но и забота о окружающей природе. Сберегательные технологии, которые мы производим, способствуют не только личному, но и сохранению природных богатств.
    Самое основополагающее: [url=https://ppu-prof.ru/]Утепление стен снаружи цена за м2[/url] у нас открывается всего от 1250 рублей за м2! Это доступное решение, которое метаморфозирует ваш дом в фактический уютный район с минимальными издержками.
    Наши произведения – это не всего лишь изолирование, это созидание пространства, в где каждый элемент преломляет ваш собственный манеру. Мы примем в расчет все все ваши пожелания, чтобы переделать ваш дом еще больше приятным и привлекательным.
    Подробнее на [url=https://ppu-prof.ru/]https://ppu-prof.ru[/url]
    Не откладывайте занятия о своем ларце на потом! Обращайтесь к профессионалам, и мы сделаем ваш обиталище не только теплее, но и более элегантным. Заинтересовались? Подробнее о наших сервисах вы можете узнать на портале. Добро пожаловать в пределы спокойствия и высоких стандартов.

  9. However, growing your email list isn’t easy. You’ll need email signup forms that empower you to capture the emails of those who visit your webpage. In addition to making your email signup form visible, give customers a reason to subscribe. In many cases, you can get customers to sign up for email by offering an exclusive discount code or promotion in return for signing up. Then, to keep your subscribers in the long-term, make sure you’re providing value through your email marketing campaigns, whether in the form of high-quality content or exclusive offers. If you’re a Rapid Rewards® Member, follow these steps to subscribe: Give your copy room to breathe by spacing out the copy, images, and form fields on your sign up form. This makes it easier for your subscribers to read and sign up, and helps your sign up form feel more professional, which can increase trust with your subscribers.
    https://www.mom-ent.co.kr/bbs/board.php?bo_table=free&wr_id=1519662
    This email features a mini game inspired by the famous “Where’s Waldo”. If the game gets too hard, subscribers can press an “emergency” button. This example shows that interactive emails allow room for engaging your customers in a more creative way, and you can trust us on this one — high engagement always pays off. Behavioral triggers are a powerful way to personalize interactive emails. These triggers can be based on actions such as website visits, abandoned shopping carts, or email opens. For example, if a subscriber frequently opens emails related to outdoor gear but has never made a purchase, you can send them an interactive email with a quiz to help them find the perfect outdoor adventure based on their preferences. This not only engages the subscriber but also guides them toward a purchase.