HOME PAGE NEWS

Image format not supported: image/webp
Si è verificato un problema con il file:/var/www/virtual/mlnv.org/htdocs/news/wp-content/uploads/2022/06/putin-geopolitico1-300x169.webp
BASTA CON LE MINACCE E L’USO DELLA FORZA.
Tanto per non sembrare superflui e ricordare all’italia quali sono i cuoi obblighi rispetto alla Legge.
Nel settore dell’uso della forza, l’affermazione del principio di autodeterminazione ha avuto una duplice conseguenza.
Da un lato, esso ha ampliato la portata de divieto di cui all’art.2 pag. 4, della Carta delle Nazioni Unite, proibendo agli Stati di ricorerre alla minaccia, o all’uso della forza contro il Popoli che invocano il diritto di autodeterminazione.
Dall’altra parte, i Movimenti di Liberazione in lotta per l’autodeterminazione hanno il diritto di ricorrere alla forza per reagire contro lo Stato che impedisce con la forza l’esercizio del diritto di autodeterminazione.
(Ricordate gli indiani d’America… il Popolo del Dombass… il Popolo Veneto… gli altri Popoli della forzata unità d’italia… e quanti altri)
Continua

Dimostrate di essere sempre dei falsi, ecco perchè non ci si può fidare di voi governanti italiani.
Ma da che pulpito arriva la predica del capo del governo italiano e del presidente della repubblica italiana.
Vi rifate al diritto internazionale solo quando vi fa comodo e vi lavate la bocca con le vostre menzogne.
Occupate da poco più di cento cinquant’anni la nostra Patria, che non è l’italia ma la Serenissima Repubblica di Venezia, ancora oggi esistente.
Il Popolo Veneto sussite e vive ancora sulle proprie terre, non come dice la vostra corte costituzionale, che non esiste più perchè avrebbe scelto di diventare popolo italiano.
Siete ben a conoscenza della falsità del referendum truffa architettato per giustificare l’occupazione della nostra Patria.
E’ il popolo italiano che non esiste perchè esiste lo stato italiano, ma non la nazione italiana.
Siete ancora qui a sparare a zero sulla Russia, che manda i propri uomini e i propri mezzi a difendere dal genocidio i Popoli del Dombass, che democraticamente hanno scelto di essere liberi e sovrani, autodeterminati com’è loro diritto, con valore jus cogens del diritto internazionale.


VERITA’?
Il bisogno di verità è legato all’aspetto etico per l’esigenza di onestà intellettuale, buona fede e sincerità.
La non contradditorietà sta alla base del presupposto per cui la ricercata verità dev’essere coerente con tutte le altre convinzioni.
Ma siamo ad una svolta epocale.
L’avverarsi di alcune rivelazioni di papa Pacelli (1876-1958), come il crollo dell’Unione Sovietica e l’elezione di un pontefice polacco, rende credibili e talora allarmanti le “ispirazioni profetiche” che riguardano il presente e il prossimo futuro.
Soprattutto l’ingovernabilità dell’Italia, l’invasione dei popoli provenienti dall’est e dai Paesi africani sono o non sono realtà?

ECCO GLI ULTIMI ARTICOLI:

2022.08.16 - PERCHE' PER NOI VENETI E' UN DOVERE NON ANDARE A VOTARE.
Nessuna anteprima disponibile
Nessuna anteprima disponibile
Nessuna anteprima disponibile
Nessuna anteprima disponibile
Nessuna anteprima disponibile
Nessuna anteprima disponibile
Nessuna anteprima disponibile
Nessuna anteprima disponibile
Nessuna anteprima disponibile
2022.07.29 - LE ELEZIONI ITALIANE QUI SONO ILLEGALI.
Nessuna anteprima disponibile
Nessuna anteprima disponibile
Nessuna anteprima disponibile
Nessuna anteprima disponibile
2022.07.14 - IL NEOLIBERISMO COMPRA VENEZIA – SPECIALE BYOBLU
Nessuna anteprima disponibile
Nessuna anteprima disponibile
Nessuna anteprima disponibile
2022.07.04 - MONS. CARLO MARIA VIGANÒ
Nessuna anteprima disponibile
Nessuna anteprima disponibile
Nessuna anteprima disponibile
Nessuna anteprima disponibile
2022.05.28 - CASTELFRANCO VENETO - MARCIA PER L'INDIPENDENZA - UFFICIO DOGALE
2022.05.26 - SERATA INFORMATIVA A ONE' DI FONTE
2022.05.25 – INCONTRO CON IL DOGE
2022.05.18 - RIUNIONE A TORBE DI SOSPIROLO (BL)
2022.05.19 - ECCO I NUOVI CAMALEONTI
Nessuna anteprima disponibile

UNA SEMPLICE PICCOLA PAROLA DI ORIGINE VENETA:hello, Hallo, Hola, Bonjour, Ola, Helo, مرحبا, Բարեւ Ձեզ, Salam, Kaixo, হ্যালো, Прывітанне, halo, Здравейте, ahoj, 你好, 你好, 안녕하세요, Bonjou, Bok, Hej, שלום, Saluton, Tere, Hei, გაუმარჯოს, こんにちは, Γεια σας, હેલો, नमस्ते, nyob zoo, Halo, Dia duit, halló, ಹಲೋ, ជំរាបសួរ, ສະບາຍດີ, salve, sveiki, Sveiki, Здраво, हॅलो, Hallo, سلام, Olá, Alo, привет, Здраво, ahoj, Pozdravljeni, Hallå, hujambo, สวัสดี, வணக்கம், దూరంగా ఉండేవారిని పిలుచుటకు వాడే ఓ శబ్ధ విశేషము, Merhaba, Привіт, Helló, خوش , chào, העלא
dal veneto: s’ciavo (schiavo)
Salutare dicendo “schiavo” può sembrare strano, ma così come altre espressioni di saluto – ad esempio “servo suo” – è il retaggio di un rispetto profondo che si rinnovava ad ogni incontro mettendosi simbolicamente a disposizione dell’altro come un servo, come uno schiavo.


NON SCUSARTI MAI PER QUELLO CHE SEI
“Molte persone, specialmente quelle ignoranti, ti vogliono punire per aver detto la verità, per essere stato leale e per essere te stesso.
Non scusarti mai per essere stato leale o per essere anni avanti al tuo tempo.
Se sei nel giusto e se lo sai parla liberamente.
Di quello che pensi.
Anche se sei l’unico rappresentante di una minoranza, la verità è ancora la verità”.
Gandhi


 

image_pdfimage_print