IL TRANELLO DEI REFERENDUM

Spread the love

Ieri sera ho partecipato a una riunione a cui ero stato invitato insieme ad altri “gruppi” che sostengono il referendum di Alvise, che è un referendum alternativo a quello del partito italiano lega nord/lega italia di Zaia.
Si critica il referendum di Zaia e del suo partito e se ne propone uno  di alternativo sull’indipendenza con un occhio alla Catalogna e alle altre realtà mondiali sottolineate con enfasi dal rappresentante del CLNV … (il loro percorso è dunque il referendum).
“Portatemi venticinquemila autodeterminati” e poi mi arrangio io, ha poi più volte esordito il rappresentante del CLNV … come se l’autodeterminarsi fosse un mero atto di sottoscrizione e non un risveglio di coscienza, una partecipazione più consapevole del Cittadino Veneto.
Alvise, com’è suo solito, ha sentenziato sul proprio operato criticando “il non fare” degli altri, cioè le “ciacole che resta ciacole”, mentre lui, da buon imprenditore “deve sempre portare a casa qualcosa a fine giornata” … lui produce fatti mentre gli altri continuano con le chiacchiere (continuo allora a non capire perché non siamo già indipendenti).
Io ho dovuto lasciare presto la riunione (non ne conosco l’esito) sia per la stanchezza dell’impegnativa giornata avuta ma anche per il riproporsi di una contrapposizione verbale alla mia persona e al MLNV sia da parte di Quaglia (Life), (mi qua go quatordexe persone de la Life e non se pol perdare tempo con un personajo simile), del rappresentante del CLNV e da parte di alcuni del gruppo di Alvise, uno in particolare la cui limitatezza intellettuale trova spesso sfogo nel tentativo di zittire gli altri.
Insomma le mie richieste di chiarimento non hanno trovato risposte adeguate, anzi non sono state per nulla chiarite, neppure quando si fa riferimento ad un governo di transizione.
Ancora una volta, si tenta di coinvolgere il MLNV in iniziative allo scopo di fare numeri e quindi si usa un referendum con due ovvi quesiti (a cui tutti risponderanno si) senza rendersi conto che il terzo (quello del governo di transizione) è equivoco.
Ho ribadito che il Governo Provvisorio già esiste e che si attendeva che altri vi partecipassero … ma qui allora ho compreso quello che Alvise mi aveva ribadito non molti giorni or sono … “la nave non c’è“, e ho capito che la nave c’è solo se la fanno loro.
Alla fine, quello che mi ha spronato ad andarmene è stata la ribadita richiesta di collaborare come ufficio e locazione per consentire ai Veneti che non dispongono di un pc o di internet di votare al loro referendum, ho capito che l’importante per loro sono i numeri.
Ho ribadito che potrei anche mettermi a disposizione per aiutare qualche Veneto col pc ma non condivido il referendum proposto perché il MLNV fa un altro percorso e alla ribadita “tornata di vantaggi” per i previsti aderenti, ho ribadito che il MLNV non fa iscritti … “intanto femo i scritti o tiremo su i voti e dopo decidemo cosa fare … se sono in tanti avrai dei benefici anche te e il MLNV”.
Chi di questi o ex militanti di qualche loro gruppo lo si vedrà candidato alle prossime elezioni?
Attendiamo gli eventi per svelare l’arcano dei numeri che poi serviranno a …!!!
II MLNV dice NO anche al referendum di Alvise.
Noi andiamo avanti per la nostra strada, non cercateci più e non fateci perdere tempo con simili iniziative.
WSM
Venetia, 22 settembre 2017
Sergio Bortotto
Presidente del MLNV e del Governo Veneto Provvisorio.

Print Friendly, PDF & Email