NEWS – TERRITORIO E AMBIENTE

ENERGIA PULITA

La catastrofe ambientale è la conseguenza del voler volontariamente inquinare.

Perchè non viene fatta una coalizione in tutto il mondo favorendo lo sviluppo delle automobili ad idrogeno, eliminando completamente quelle a carburante? Semplicemente perchè il petrolio diventerebbe obsoleto e l’industria cadrebbe.

Abolire l’ignoranza e far sapere che queste cose esistono è il primo passo.

Print Friendly, PDF & Email

INQUINAMENTO ATMOSFERICO

In che modo iniziammo a far ammalare il nostro pianeta?

Le prime forme di inquinamento atmosferico o compromissione della salute dell’essere umano in seguito ad azioni che esso stesso svolgeva vanno ricercate nelle caverne quando i cavernicoli non sapevano gestire le fiamme dei fuochi; la fuliggine sul soffitto di alcune caverne ne è la prova.

Il vero boom che dette inizio all’inquinamento atmosferico così come lo conosciamo è stata la rivoluzione industriale.

Un avanzamento tecnologico che va a discapito della natura che ci ospita non è vera evoluzione ma egoismo.

Avete mai sentito dire che stiamo prosciugando le risorse del nostro pianeta?

Ecco…per quanto riguarda il petrolio succede che per formarsi ci mette milioni di anni.

L’energia pulita esiste e non viene utilizzata poichè una cerchia ristretta di persone si deve arricchire a discapito della natura e del nostro pianeta.

Se chiunque sul pianeta Terra si facesse un esame del sangue e cercasse dei metalli pesanti ce li troverebbe; piombo, mercurio ed arsenico sono i più presenti.

Dall’aria che respiriamo, all’effetto serra e problematiche legate al pianeta.

Senza l’effetto serra la vita sul pianeta sarebbe compromessa. Abbiamo immesso nell’atmosfera una quantità tale di gas serra tali da non permettere il normale funzionamento dell’effetto stesso. Il surriscaldamento globale ne è una conseguenza.

Per alcuni studiosi e altri premi Nobel è in corso la sesta estinzione di massa sul Pianeta: il 99% delle specie esistite sul Pianeta si è estinto.

Print Friendly, PDF & Email

“TUTTI SANNO DELLE SCIE CHIMICHE”

Scie chimiche, Gianini: se smontate un aereo scoprite tutto- articolo originale di Libreidee
«Mi portino pure in tribunale», dice.
«Gli dirò di fare una cosa semplicissima: basta prendere un aereo e smontarlo, per capire subito da dove vengono quelle scie».
Enrico Gianini, per anni operatore aeroportuale a Milano Malpensa, ha le idee chiarissime sulle strane tracce, bianche e persistenti, che da circa 15 anni intasano letteralmente i nostri cieli.
«Tutti sanno tutto, in aeroporto, ma nessuno dice niente», dichiara Gianini ai microfoni di “Border Nights”, denunciando l’omertà generale che coprirebbe la cosiddetta irrorazione quotidiana dell’atmosfera.
«Sanno tutto anche i piloti, la cui mortalità sembra sia in aumento: tumori e infarti».
Da quando le normative antiterrorismo li obbligano a volare in cabine sigillate, aggiunge, proprio i piloti sono i primi a respirare l’aria inquinata dai composti destinati a essere rilasciati dall’aereo sotto forma di aerosol.
Gianini è convinto di aver scoperto il dispositivo clandestino: serbatoi supplementari inseriti in coda, nelle stive dei velivoli.
Per trent’anni addetto al carico e scarico dei bagagli, se n’è accorto stazionando sotto gli aerei, da cui sgocciola liquido anomalo, pieno di metalli pesanti.
Ne ha parlato tempo fa in un video su YouTube [intervista prodotta e realizzata da TViVO NETWORK], che ha fatto notizia.
E oggi conferma: l’operazione “cieli a strisce” continua, nell’indifferenza generale, senza che nessuna autorità di vigilanza protesti per il costante inquinamento indotto dai jet di linea trasformati abusivamente in “tanker”, aerei-cisterna.
Alluminio e cadmio, bario, manganese.
E poi ferro, torio e stronzio: sono gli elementi chimici riscontrati nel liquido che gli aerei perdono, una volta a terra.
Gianini: gli eventi catastrofici sono artificiali.
L’atmosfera è cambiata, da quando è diventato massiccio il ricorso alla geoingegneria.
Sul sito “Tanker Enemy”, Rosario Marcianò spiega che i primi esperimenti risalgono agli anni ‘80, ma il “trattamento dei cieli” è diventato intensivo, anche in Italia, dopo che l’allora primo ministro Berlusconi firmò con gli Usa nel 2001 l’accordo “Open Skies Treaty”, divenuto operativo il 23 giugno 2003.
Motivazione: il contrasto del surriscaldamento climatico.
Di fatto, secondo lo stesso Gianini, era un pretesto per manipolare le condizioni atmosferiche con esiti anche catastrofici, come si è visto anche nella recentissima alluvione che ha devastato il Sud, in particolare la Calabria.
Ma il fenomeno è vistoso anche in Sicilia e Sardegna.
«Da allora – dice Gianini – è aumentata la concentrazione anomala di piogge, capaci di trasformare ruscelli asciutti in impetuosi torrenti».
Gianini crede alla manipolazione sistematica usata come arma: cita i vigneti della Loira e della Borgogna, qualche anno fa distrutti dalle intemperie (caldo africano, seguito da gelate) allo scopo di “convincere” François Hollande a rinunciare alla sua iniziale politica anti-austerity.
Nel dossier “Owning the weather”, il generale Fabio Mini, già a capo delle forze Nato in Kosovo, conferma che la “guerra climatica” è ormai una realtà: si possono creare nubi artificiali per “accecare” le difese avversarie, ma quelle stesse nubi possono essere “fabbricate” per provocare siccità o eventi alluvionali, danneggiando l’agricoltura e le infrastrutture.
Gianini parla di voli-fantasma, militari, che una volta in Italia vengono classificati civili.
Ma cita soprattutto le compagnie low-cost, Ryanair e EasyJet, come i maggiori vettori dell’aerosol atmosferico: sospetta che alcune compagnie campino, letteralmente, con questo “lavoro” clandestino, non essendo sostenibile il bilancio economico del solo trasporto dei passeggeri a bassissimo costo.
La polvere metallica sul cofano delle macchine
Inoltre, aggiunge, la recentissima liberalizzazione delle quote da seguire, all’interno delle rotte, rende ancora più efficace l’azione di “disseminazione chimica” del cielo, consentendo sorvoli a minore altitudine.
Visivamente, lo strano spettacolo a cui tutti possono assistere è ormai familiare: mentre le ormai rarissime “contrails” (scie di condensazione) svaniscono quasi subito, le “chemtrails” rilasciate dagli aerei restano nell’aria per ore, fino ad espandersi e abbassarsi, creando un velo capace di appannare il sole e ingrigire il cielo.
Fate un esperimento semplicissimo, dice Gianini: se al mattino trovate la vostra auto cosparsa di una leggera polverina, vedrete che quella polvere – stranamente – si attaccherà alla calamita che avrete cura di far scorrere sul parabrezza.
E’ vero che la “sabbia del deserto” può essere anche ferrosa, ammette Gianini, ma ben di rado la sabbia del Sahara “piove” fino alle nostre latitudini, dove invece la “polverina” è pressoché quotidiana.
«Oppure – scherza – fate la prova del nove con il comandante di un aereo: quando vi imbarcate, provate a domandargli “scusi, oggi spruzziamo o voliamo puliti?”, e state a vedere che faccia fa».
Non teme ritorsioni sul lavoro, Gianini: «Ho di fatto già abbandonato Malpensa, ma per altri motivi.
Mai mi avrebbero licenziato per la mia denuncia pubblica: avrebbe fatto troppo rumore e avrebbe costretto i media a parlare del caso, cioè delle scie».
Movente e regia?
I massimi poteri, secondo Gianini: «I mafiosi, in confronto, sono dei dilettanti».
Ma perché nessuno parla, a parte lui?
E soprattutto – gli domanda il conduttore di “Border Nights”, Fabio Frabetti – come si fa a custodire un segreto così ingombrante?
Non è improbabile che tutte quelle persone – piloti, assistenti, meccanici, controllori di volo – tengano sempre la bocca chiusa, per anni, senza che a nessuno scappi mai una parola?
La spiegazione di Gianini
Enrico Gianini ha una spiegazione anche per questo: il programma di irrorazione dei cieli, dice, è stato avviato in modo graduale, dopo una partenza in sordina affidata a pochissimi voli.
Poi l’operazione è cresciuta progressivamente, poco alla volta, ma in modo inesorabile.
Quello che ieri poteva sembrare un’anomalia, oggi è la normalità – di cui tutti, sostiene, sono al corrente.
«E se lavori in aeroporto a chi la racconti, questa cosa, sapendo che i tuoi colleghi la sanno già?».
E la polizia aeroportuale?
«Mi rivolsi anche a loro», racconta sempre Gianini, «e ho visto che non erano molto contenti delle mie curiosità».
Ma, aggiunge, non è stato mai ostacolato nelle sue ricerche, quando si aggirava sotto la pancia degli aerei armato della bottiglietta con cui raccogliere il liquido, inquinatissimo, che colava sull’asfalto.
«In fondo, a nessuno – nemmeno ai poliziotti – fa piacere scoprire che qualcuno può avvelenare impunemente l’aria che poi respiriamo tutti».
Che fare?
«Semplice: continuare a denunciare il fenomeno, sperando che prima o poi qualcuno si svegli, controlli e intervenga.
Ripeto: basta prendere un aereo a caso e smontarlo, per vedere che la coda è ingombra di cisterne piene di liquido».
Il caso è clamoroso: di scie chimiche, semplicemente, è vietato parlare.
Chi lo fa viene deriso, preso per un cretino visionario e complottista.
Le tante interrogazioni parlamentari, sul tema (presentate anche da esponenti del Pd) sono rimaste senza risposta.
Ogni tanto, anche sui media mainstream filtra qualche notizia, perlomeno riguardo all’impalpabile mondo dei voli civili, sempre protetto dalla massima discrezione: la “Stampa” ricorda che, se un pilota muore d’infarto mentre è ai comandi, viene sostituito dal suo vice fino all’atterraggio, senza che i passeggeri abbiano il minimo sentore dell’accaduto.
Su “Smartweek”, Federico Ciapparoni scrive: «Non è raro che fumi tossici facciano breccia nella cabina di pilotaggio».
E aggiunge che molti piloti hanno condotto aerei affollati «mentre respiravano dalle mascherine attraverso cui fluisce l’ossigeno, mentre tutti i passeggeri erano ignari di ciò che accadeva nella cabina».
Sulle “chemtrails”, però, la rimozione più eclatante sembra quella della gente comune: ormai ci si è abituati a vedere il cielo “a strisce”, quasi fosse un fatto naturale.
Il fenomeno è invece palesemente artificiale: tutti vedono che sono gli aerei a depositare quelle strisce, che poi diventano “nuvole”, ma quasi nessuno si chiede perché.
Già: perché, oggi, i cieli sono diventati “sporchi”?
Nessuno sente il bisogno di scoprire come mai – da una quindicina d’anni – i normalissimi aerei di linea “sporcano” il cielo, fino a cancellare l’azzurro?
Fonte Libreidee
 

 

Articolo proposto da Marco Rigato e tratto da (CLICCA QUI)

 

Print Friendly, PDF & Email

CHE FINE HA FATTO SANTIAGO?

Così come ci viene chiesto, pubblichiamo.

Difendi i diritti umani

Santiago è scomparso nel nulla dopo essere stato arrestato dai militari argentini.
Era al fianco della comunità Mapuche di Cushamen e lottava insieme a loro per difendere le loro terre ancestrali e i loro diritti dalle minacce di esproprio della Compañía de Tierras del Sur Argentino, azienda del Gruppo Benetton.
Che fine ha fatto Santiago?
A
iutaci a chiederlo ora alle istituzioni argentine.
Santiago è scomparso nel corso degli scontri tra la Gendarmeria nazionale argentina e la comunità Mapuche.
Da allora non si hanno più notizie. 
Chiedi con noi di fare luce su questa vicenda
Chi è riuscito a fuggire alle cariche dei militari ha visto Santiago rimanere accovacciato fino a quando avrebbero ascoltato la voce di due gendarmi che esclamavano “Eccone uno” e “Sei in arresto“. 
Da allora, cosa è successo a Santiago?
Santiago era ospite della comunità Mapuche di Cushamen per continuare insieme a loro la lotta in difesa della terra.
La Compañía de Tierras del Sur Argentino, azienda del Gruppo Benetton, possiede circa un milione di ettari di terra in Patagonia argentina.
I Mapuche rivendicano la proprietà di alcuni di questi terreni. 
Lotta con noi insieme ai Mapuche.
Firma anche tu
 

Print Friendly, PDF & Email

JACQUE FRESCO – COLLASSO DEL SISTEMA…

Jacque Fresco – Collasso del sistema, transizione, politica e metodo scientifico

“Il Venus Project fa richiesta per una società cibernetizzata nella quale i computer potrebbero rimpiazzare l’antiquato sistema dell’eleggere politici che nella maggioranza dei casi rappresentano i poteri forti radicati. Questa nuova tecnologia non detterà o monitorerà le vite degli individui, poiché nel Venus Project questo sarebbe considerato socialmente offensivo e controproduttivo. Libri come 1984 e Il Mondo Nuovo e film come Blade-Runner e Terminator 2 hanno generato paura in alcune persone riguardo alla presa di controllo da parte della tecnologia nella nostra società. Il solo scopo del Venus Project è quello di elevare il potenziale spirituale e intellettuale di tutte le persone e allo stesso tempo fornire i beni e i servizi che soddisferanno le loro necessità individuali e materiali.

Cibernetizzazione è la connessione dei computer con sistemi automatizzati. Alla fine i sistemi centrali cibernetizzati coordineranno tutti i macchinari e le attrezzature che servono l’intera città, la nazione e da ultimo, il mondo. Uno può pensare a questo come ad un sistema nervoso elettronico autonomo che si estende in tutte le aree del complesso sociale.

Per esempio, nella cintura agricola i computer potrebbero monitorare e mantenere automaticamente la falda freatica dell’acqua, la chimica del terreno e coordinare la semina e la mietitura del raccolto. Nel settore residenziale, il sistema potrebbe mantenere la pulizia ambientale e il riciclaggio dei materiali di rifiuto.

In aggiunta, per assicurare l’operazione efficiente delle varie funzioni della città, tutti i processi e servizi potrebbero essere equipaggiati con sensori elettronici di risposta ambientale. Questi sensori potrebbero essere coordinati con sistemi di emergenza ridondanti che entrerebbero in funzione in caso di malfunzionamento o rottura dei sistemi primari della città.

É solo quando la cibernetizzazione è integrata in ogni aspetto di questa nuova e dinamica cultura che i computer possono servire appropriatamente i bisogni di tutte le persone. Nessuna civiltà tecnologica può mai funzionare efficientemente ed efficacemente senza l’integrazione della cibernetica come parte integrante di questa nuova civiltà mondiale.

Queste proposte, da un punto di vista ingegneristico, appaiono fantasiose e irrealizzabili nell’attuale sistema monetario; ed è così. Le somme di denaro coinvolte in imprese di questa portata sarebbero enormi e inconcepibili. Nessun governo oggi può permettersi questo prodigioso impegno. Tutto questo potrebbe essere realizzato solamente in un’economia mondiale basata sulle risorse dove tutte le risorse del pianeta nella loro totalità sono considerate come l’eredità comune di tutti i popoli della Terra.”

 

Print Friendly, PDF & Email

2016.07.22 – LA PAROLA ITALIA E’ UNA DENOMINAZIONE GEOGRAFICA

Dopo il crollo dell’Impero Romano il termine Italia cadde in disuso e rimase soltanto un termine dotto ma non più utilizzato nella pratica.
Successivamente continuò ad essere chiamata da pochissimi  “Italia” la parte settentrionale della Penisola che era una propaggine dell’Impero Romano Germanico : infatti erano in pochi ad identificare tali possedimenti Imperiali col nome di Regno d’Italia , ma veniva identificato con il nome più diffuso di Regno Longobardorum che non si estese mai oltre i territori centrali della penisola.
Col passare dei secoli e la nascita nella Penisola dei Comuni indipendenti e delle gloriose Repubbliche Aristocratiche marinare (Genova-Venezia-Pisa-Amalfi) il termine Italia fu pressochè dimenticato tanto che lo si poteva trovare scritto in epoca rinascimentale sul dizionario dei termini  in disuso. Ci vollero diversi secoli prima che il termine Italia venisse spolverato e rimesso in circolo, ironia della sorte colui che riportò in auge tale termine non fù un “Italiano” ma un Corso  di nome Napoleone Bonaparte (Giacobino-Massone-anticlericale): brillante generale , e furbo opportunista, che al termine Italia diede un’altra connotazione che non aveva mai avuto prima , quella di Nazione.
Quando valicò le Alpi per la prima volta (1796) investì l’equilibrio Geo-Politico della Penisola  distruggendo stati secolari e inventandosi stati a suo uso e consumo che duravano una stagione o poco più.
Egli diffuse nei salotti filo-giacobini “nostrani” l’ideale di Italia intesa come un unica Nazione , e ci volle ben poco per far si che  in tutta la penisola occupata “sbocciassero” centinaia di logge massoniche intente alla realizzazione materiale di questa idea così effimera ed astratta.
Dopo il Congresso di Vienna (1814-1815) e la risistemazione Geo-Politica della Penisola dopo il caos Napoleonico, piccole affiliazioni massoniche (Carboneria) continuarono a portare avanti l’utopistico “sogno”:  lo fecero con attentati ,macchinazioni , tradimenti , doppiogiochismo ecc….  
. I così tanto acclamati “padri della Patria” che in un modo o nell’altro erano collegati a tali organizzazioni settarie si inventarono di sana pianta la storia della “patria bimillenaria” che non era mai esistita.
Si inventarono un unico popolo che non c’era e non c’era mai stato, chiamarono guerre d’indipendenza guerre che in realtà erano d’espansione e usurpazione territoriale di stati legittimi e indipendenti.
Ancora oggi la classe politica vuole far credere a tutti che l’Italia esiste come Nazione, e tutte quelle “belle” parole che si  sentono dire e ripetere fino alla nausea dai media e dai politici che fanno tutto tranne il loro mestiere sono volte al mantenimento di questo stato fantoccio.
Se si è fatta attenzione , si giunge all’oggettiva conclusione che L’Italia è solo una Penisola e gli Italiani sono in realtà solo i Popoli della penisola italica
In  definitiva, la tanto pubblicizzata “Patria Italiana” non esiste e non esisterà mai, a meno che quelli che se la sono inventata non riusciranno nel loro intento a cancellare da tutti noi la nostra vera identità e la nostra vera Patria ancor più di quanto abbiano già fatto. 
 Voglio concludere questo articolo riportando le parole esatte del grande ministro asburgico Metternich:
 “La parola Italia è una denominazione geografica , una qualificazione che pertiene la lingua ma che non ha il valore politico che gli sforzi degli ideologi rivoluzionari tendono ad imprimerle”.
 
Print Friendly, PDF & Email

OLANDA RIVELA I TESTI SEGRETI DEL TTIP

ChcQzPOWMAER_voGreenpeace Olanda pubblica oggi su www.ttip-leaks.org parte dei testi negoziali del TTIP per garantire la necessaria trasparenza e promuovere un dibattito informato su un trattato che interessa quasi un miliardo di persone, nell’Unione Europea e negli USA.
È la prima volta che i cittadini europei possono confrontare le posizioni negoziali dell’UE e degli USA.
Dal punto di vista della protezione dell’ambiente e dei consumatori, quattro gli aspetti seriamente preoccupanti:
 
Tutele ambientali acquisite da tempo sembra siano sparite
Nessuno dei capitoli che abbiamo visto fa alcun riferimento alla regola delle Eccezioni Generali (General Exceptions).
Questa regola, stabilita quasi 70 anni fa, compresa negli accordi GATT (General Agreement on Tariffs and Trade) della World Trade Organisation (WTO – in italiano anche Organizzazione Mondiale per il Commercio, OMC) permette agli stati di regolare il commercio “per proteggere la vita o la salute umana, animale o delle piante” o per “la conservazione delle risorse naturali esauribili”.
L’omissione di questa regola suggerisce che entrambe le parti stiano creando un regime che antepone il profitto alla vita e alla salute umana, degli animali e delle piante.
 
La protezione del clima sarà più difficile con il TTIP
Gli Accordi sul Clima di Parigi chiariscono un punto: dobbiamo mantenere l’aumento delle temperature sotto 1,5 gradi centigradi per evitare una crisi climatica che colpirà milioni di persone in tutto il mondo.
Il commercio non dovrebbe essere escluso dalle azioni sul clima. Ma non c’è alcun riferimento alla protezione del clima nei testi ottenuti.
 
La fine del principio di precauzione
Il principio di precauzione, inglobato nel Trattato UE, non è menzionato nei capitoli sulla “Cooperazione Regolatoria”, né in nessuno degli altri 12 capitoli ottenuti.
D’altra parte, la richiesta USA per un approccio “basato sui rischi” che si propone di gestire le sostanze pericolose piuttosto che evitarle, è evidente in vari capitoli.
Questo approccio mina le capacità del legislatore di definire misure preventive, per esempio rispetto a sostanze controverse come le sostanze chimiche note quali interferenti endocrine (c.d. hormone disruptors).
 
Porte aperte all’ingerenza dell’industria e delle multinazionali
Mentre le proposte contenute nei documenti pubblicati minacciano la protezione dell’ambiente e dei consumatori, il grande business ha quello che vuole.
Le grandi aziende ottengono garanzie sulla possibilità di partecipare ai processi decisionali, fin dalle prime fasi.
 
I documenti mostrano chiaramente che mentre la società civile ha avuto ben poco accesso ai negoziati, l’industria ha avuto invece una voce privilegiata su decisioni importanti.
Il rapporto pubblico reso noto di recente dall’UE ha solo un piccolo riferimento al contributo delle imprese, mentre i documenti citano ripetutamente il bisogno di ulteriori consultazioni con le aziende e menzionano in modo esplicito come siano stati raccolti i pareri delle medesime.
I documenti pubblicati da Greenpeace Olanda constano di 248 pagine in un linguaggio legale tecnicamente complesso: 13 capitoli di “testo consolidato” del TTIP più una nota interna dell’UE sullo stato del negoziato (Tactical State of Play of TTIP Negotiations – March 2016).
Greenpeace Olanda ha lavorato assieme al rinomato network di ricerca tedesco di NDR, WDR and Süddeutscher Zeitung.
Fino ad ora i rappresentanti eletti avevano potuto vedere parte di questi documenti in stanze di sicurezza, con guardie, senza consulenti esperti e senza poterne discutere con nessuno.
Con questa pubblicazione, milioni di cittadini hanno la possibilità di verificare l’operato dei propri governi e discuterne con i loro rappresentanti.
Chi ha cura delle questioni ambientali, del benessere degli animali, dei diritti dei lavoratori o della privacy su internet dovrebbe essere preoccupato per quel che c’è in questi documenti.
Il TTIP, si svela per ciò che davvero è: un grande trasferimento di poteri democratici dai cittadini al grande business.
 
(Tratto da: CLICCA QUI)
Print Friendly, PDF & Email

IL TOROIDE … UNA FONTE DI ENERGIA PER TUTTI

THRIVE in Italiano: Censurato da Tutte le Tv
 

 
IL MODELLO DELLA VITA: IL TOROIDE – UNA FONTE DI ENERGIA PER LA TERRA: SICURA, PULITA, ILLIMITATA E PER TUTTI IL MODELLO DELLA VITA: IL TOROIDE VIENE SCOPERTA UNA FONTE DI ENERGIA PER LA TERRA: SICURA, PULITA, ILLIMITATA E  PER TUTTI !!!
COSI’ NON CI SAREBBE PIU’ NE’ POVERTA’  NE’  IL POTERE DI POCHI!

La natura  è descritta da un modello ricorrente per l'evoluzione della vita a tutte le scale: il toroide.
E' un vortice di energia a forma di ciambella che potete vedere ovunque dagli atomi alle galassie.
Il toroide è il modo in cui la natura crea e sostiene la vita e può servire come modello della sostenibilità.
La conoscenza di questo modello si trova già in tecnologie come ventole e propulsori, generatori ecologici, dispositivi delle nuove energie e ci aiuta a comprendere meglio la natura del campo unificato. è descritta da un modello ricorrente per l'evoluzione della vita a tutte le scale: il toroide.
E' un vortice di energia a forma di ciambella che potete vedere ovunque dagli atomi alle galassie.
Il toroide è il modo in cui la natura crea e sostiene la vita e può servire come modello della sostenibilità.
La conoscenza di questo modello si trova già in tecnologie come ventole e propulsori, generatori ecologici, dispositivi delle nuove energie e ci aiuta a comprendere meglio la natura del campo unificato.
Il toroide o modello primario, è una dinamica energetica che appare come una ciambella, è una superficie continua con un foro.
In matematica tale schema è descritto da
Volume  del toroide
L'energia fluisce da una estremità, circola attorno al centro e fuoriesce dall'altra parte.
È bilanciata, si autoregola, è sempre integra.
Potete vederla ovunque, negli atomi, nelle cellule, nei semi, nei fiori, negli alberi, negli animali, negli umani, negli uragani, nei pianeti, nelle stelle, nelle galassie e persino nell'intero cosmo.
Lo scienziato e filosofo Arthur Young, ha spiegato che un toroide è l'unico modello di energia o dinamica, che può autosostenersi ed è fatto della stessa sostanza che lo circonda, come un tornado, un anello di fumo nell'aria o un vortice nell'acqua.
Evoluzione significa sviluppo, dispiegamento.
Che cosa sviluppa l'universo?
Sistemi auto-organizzanti e cioè visibili ad ogni scala.
È un sistema capace di organizzare se stesso. In natura troviamo queste forme auto-organizzanti ovunque: nella sezione trasversale di un'arancia o in quella di una mela; nella natura dinamica di un tornado o ancora nel campo elettromagnetico intorno alla terra, o nell'analogo campo elettromagnetico che circonda l'essere umano così come nella struttura di un'intera galassia a spirale o di un atomo.
L'universo ha manifestato a tutte le scale un unico progetto: sviluppare tori.
Il toroide si applica quindi anche a livello umano. Il toroide di ogni individuo è distinto, ma allo stesso tempo aperto e connesso ad ogni altro in un mare continuo di energia infinita. E' lo stesso campo di energia che potete sentire con un magnete. Solitamente è invisibile, ma spargendo segatura di ferro attorno ad un magnete, potete vedere la forma toroidale di energia.
Il toroide è anche la forma delle galassie a spirale.
Le stelle si spostano dal disco galattico verso l'esterno, scendono nel vortice quindi tendono a spostarsi verso l'esterno.
Doppio Toroide
Molte dinamiche toroidali contengono due toroidi, detti "tori", come gli aspetti maschile e femminile dell'intero, uno si muove a spirale verso il polo nord e l'altro in direzione opposta verso il polo sud.
Questo viene anche chiamato "effetto Coriolis".
Esempi sono l'atmosfera sulla Terra e il flusso di plasma del sole.
L'aria scende dal polo nord verso l'equatore per poi tornare verso l'alto.
Sale dal polo sud verso l'equatore per poi tornare verso il basso.
In fisica delle particelle la forma del toroide è nota per fornire un miglior ambiente all'interno del quale accelerare le particelle. La geometria toroidale è interessante come spazio per accumulare l' energia dei magneti, perchè si traduce in piccoli campi magnetici esterni.
La Russia fu la prima a mettere in pratica questa idea con l'acceleratore Tokamak.
L'Europa e gli Stati Uniti hanno ottimizzato il modello russo per eseguire esperimenti di fisica del plasma.
Questi dispositivi funzionano secondo il principio della fusione, la tecnica utilizzata dal sole e dalle stelle per produrre un'enorme quantità di energia.
La forma di un accelleratore di particelle è un toroide
La forma toroidale è stato scoperto essere la forma più efficiente per un trasformatore elettrico, una bobina è avvolta in questa configurazione e produce una potenza estremamente precisa ed affidabile.
Per questo motivo, trasformatori toroidali sono impiegati da ingegneri in apparecchiature audio e altri dispositivi elettronici a bassa distorsione per aumentare al contempo la potenza.
Le galassie hanno una forma toroidale in cui i buchi bianchi "white holes" rilasciano energia,mentre i buchi neri "black holes" la risucchiano al loro interno.
L'intero universo ha la forma di un toroide. La forma geometrica utilizzata per descrivere la natura auto-riflessiva dell'universo è il toro.
Il toroide consente a un vortice di energia di scorrere verso l'esterno per poi ritornare all'interno del vortice.
Così l'energia di un toroide si rigenera continuamente e allo stesso tempo si espande autoriflettendosi su se stessa.
QUINDI VIENE SCOPERTA UNA FONTE DI ENERGIA PER LA TERRA: SICURA, PULITA, ILLIMITATA E  PER TUTTI !!!
COSI’ NON CI SAREBBE PIU’ NE’ POVERTA’  NE’ POTERE DI POCHI!
FONTE : http://umaniindivenire.grou.ps/602615#sthash.5N2DOlQ5.dpuf

IL MODELLO DELLA VITA: IL TOROIDE – UNA FONTE DI ENERGIA PER LA TERRA: SICURA, PULITA, ILLIMITATA E PER TUTTI

IL MODELLO DELLA VITA: IL TOROIDE

 

VIENE SCOPERTA UNA FONTE DI ENERGIA PER LA TERRA: SICURA, PULITA, ILLIMITATA E  PER TUTTI !!!

COSI’ NON CI SAREBBE PIU’ NE’ POVERTA’  NE’  IL POTERE DI POCHI!

La natura  è descritta da un modello ricorrente per l'evoluzione della vita a tutte le scale: il toroide. E' un vortice di energia a forma di ciambella che potete vedere ovunque dagli atomi alle galassie. Il toroide è il modo in cui la natura crea e sostiene la vita e può servire come modello della sostenibilità. La conoscenza di questo modello si trova già in tecnologie come ventole e propulsori, generatori ecologici, dispositivi delle nuove energie e ci aiuta a comprendere meglio la natura del campo unificato. è descritta da un modello ricorrente per l'evoluzione della vita a tutte le scale: il toroide. E' un vortice di energia a forma di ciambella che potete vedere ovunque dagli atomi alle galassie. Il toroide è il modo in cui la natura crea e sostiene la vita e può servire come modello della sostenibilità. La conoscenza di questo modello si trova già in tecnologie come ventole e propulsori, generatori ecologici, dispositivi delle nuove energie e ci aiuta a comprendere meglio la natura del campo unificato.

 

Il toroide o modello primario, è una dinamica energetica che appare come una ciambella, è una superficie continua con un foro.

In matematica tale schema è descritto da

Volume  del toroide

 

L'energia fluisce da una estremità, circola attorno al centro e fuoriesce dall'altra parte. È bilanciata, si autoregola, è sempre integra. Potete vederla ovunque, negli atomi, nelle cellule, nei semi, nei fiori, negli alberi, negli animali, negli umani, negli uragani, nei pianeti, nelle stelle, nelle galassie e persino nell'intero cosmo. Lo scienziato e filosofo Arthur Young, ha spiegato che un toroide è l'unico modello di energia o dinamica, che può autosostenersi ed è fatto della stessa sostanza che lo circonda, come un tornado, un anello di fumo nell'aria o un vortice nell'acqua. Evoluzione significa sviluppo, dispiegamento. Che cosa sviluppa l'universo? Sistemi auto-organizzanti e cioè visibili ad ogni scala. È un sistema capace di organizzare se stesso. In natura troviamo queste forme auto-organizzanti ovunque: nella sezione trasversale di un'arancia o in quella di una mela; nella natura dinamica di un tornado o ancora nel campo elettromagnetico intorno alla terra, o nell'analogo campo elettromagnetico che circonda l'essere umano così come nella struttura di un'intera galassia a spirale o di un atomo.
L'universo ha manifestato a tutte le scale un unico progetto: sviluppare tori.

Il toroide si applica quindi anche a livello umano. Il toroide di ogni individuo è distinto, ma allo stesso tempo aperto e connesso ad ogni altro in un mare continuo di energia infinita. E' lo stesso campo di energia che potete sentire con un magnete. Solitamente è invisibile, ma spargendo segatura di ferro attorno ad un magnete, potete vedere la forma toroidale di energia.

Il toroide è anche la forma delle galassie a spirale. Le stelle si spostano dal disco galattico verso l'esterno, scendono nel vortice quindi tendono a spostarsi verso l'esterno.

Doppio Toroide

Molte dinamiche toroidali contengono due toroidi, detti "tori", come gli aspetti maschile e femminile dell'intero, uno si muove a spirale verso il polo nord e l'altro in direzione opposta verso il polo sud. Questo viene anche chiamato "effetto Coriolis".
Esempi sono l'atmosfera sulla Terra e il flusso di plasma del sole. L'aria scende dal polo nord verso l'equatore per poi tornare verso l'alto. Sale dal polo sud verso l'equatore per poi tornare verso il basso.

 

 

In fisica delle particelle la forma del toroide è nota per fornire un miglior ambiente all'interno del quale accelerare le particelle. La geometria toroidale è interessante come spazio per accumulare l' energia dei magneti, perchè si traduce in piccoli campi magnetici esterni. La Russia fu la prima a mettere in pratica questa idea con l'acceleratore Tokamak. L'Europa e gli Stati Uniti hanno ottimizzato il modello russo per eseguire esperimenti di fisica del plasma. Questi dispositivi funzionano secondo il principio della fusione, la tecnica utilizzata dal sole e dalle stelle

per produrre un'enorme quantità di energia.

La forma di un accelleratore di particelle è un toroide

 

La forma toroidale è stato scoperto essere la forma più efficiente per un trasformatore elettrico, una bobina è avvolta in questa configurazione e produce una potenza estremamente precisa ed affidabile. Per questo motivo, trasformatori toroidali sono impiegati da ingegneri in apparecchiature audio e altri dispositivi elettronici a bassa distorsione per aumentare al contempo la potenza.

 

Le galassie hanno una forma toroidale in cui i buchi bianchi "white holes" rilasciano energia,

mentre i buchi neri "black holes" la risucchiano al loro interno.

 

L'intero universo ha la forma di un toroide. La forma geometrica utilizzata per descrivere la natura auto-riflessiva dell'universo è il toro. Il toroide consente a un vortice di energia di scorrere verso l'esterno per poi ritornare all'interno del vortice. Così l'energia di un toroide si rigenera continuamente e allo stesso tempo si espande autoriflettendosi su se stessa.

 

QUINDI VIENE SCOPERTA UNA FONTE DI ENERGIA PER LA TERRA: SICURA, PULITA, ILLIMITATA E  PER TUTTI !!!

COSI’ NON CI SAREBBE PIU’ NE’ POVERTA’  NE’ POTERE DI POCHI!

 

FONTE : http://umaniindivenire.grou.ps/602615

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

– See more at: http://www.spaziosacro.it/interagisci/blog/blog2.php/il-modello-della-vita-il#sthash.5N2DOlQ5.dpuf

IL MODELLO DELLA VITA: IL TOROIDE – UNA FONTE DI ENERGIA PER LA TERRA: SICURA, PULITA, ILLIMITATA E PER TUTTI

IL MODELLO DELLA VITA: IL TOROIDE

 

VIENE SCOPERTA UNA FONTE DI ENERGIA PER LA TERRA: SICURA, PULITA, ILLIMITATA E  PER TUTTI !!!

COSI’ NON CI SAREBBE PIU’ NE’ POVERTA’  NE’  IL POTERE DI POCHI!

La natura  è descritta da un modello ricorrente per l'evoluzione della vita a tutte le scale: il toroide. E' un vortice di energia a forma di ciambella che potete vedere ovunque dagli atomi alle galassie. Il toroide è il modo in cui la natura crea e sostiene la vita e può servire come modello della sostenibilità. La conoscenza di questo modello si trova già in tecnologie come ventole e propulsori, generatori ecologici, dispositivi delle nuove energie e ci aiuta a comprendere meglio la natura del campo unificato. è descritta da un modello ricorrente per l'evoluzione della vita a tutte le scale: il toroide. E' un vortice di energia a forma di ciambella che potete vedere ovunque dagli atomi alle galassie. Il toroide è il modo in cui la natura crea e sostiene la vita e può servire come modello della sostenibilità. La conoscenza di questo modello si trova già in tecnologie come ventole e propulsori, generatori ecologici, dispositivi delle nuove energie e ci aiuta a comprendere meglio la natura del campo unificato.

 

Il toroide o modello primario, è una dinamica energetica che appare come una ciambella, è una superficie continua con un foro.

In matematica tale schema è descritto da

Volume  del toroide

 

L'energia fluisce da una estremità, circola attorno al centro e fuoriesce dall'altra parte. È bilanciata, si autoregola, è sempre integra. Potete vederla ovunque, negli atomi, nelle cellule, nei semi, nei fiori, negli alberi, negli animali, negli umani, negli uragani, nei pianeti, nelle stelle, nelle galassie e persino nell'intero cosmo. Lo scienziato e filosofo Arthur Young, ha spiegato che un toroide è l'unico modello di energia o dinamica, che può autosostenersi ed è fatto della stessa sostanza che lo circonda, come un tornado, un anello di fumo nell'aria o un vortice nell'acqua. Evoluzione significa sviluppo, dispiegamento. Che cosa sviluppa l'universo? Sistemi auto-organizzanti e cioè visibili ad ogni scala. È un sistema capace di organizzare se stesso. In natura troviamo queste forme auto-organizzanti ovunque: nella sezione trasversale di un'arancia o in quella di una mela; nella natura dinamica di un tornado o ancora nel campo elettromagnetico intorno alla terra, o nell'analogo campo elettromagnetico che circonda l'essere umano così come nella struttura di un'intera galassia a spirale o di un atomo.
L'universo ha manifestato a tutte le scale un unico progetto: sviluppare tori.

Il toroide si applica quindi anche a livello umano. Il toroide di ogni individuo è distinto, ma allo stesso tempo aperto e connesso ad ogni altro in un mare continuo di energia infinita. E' lo stesso campo di energia che potete sentire con un magnete. Solitamente è invisibile, ma spargendo segatura di ferro attorno ad un magnete, potete vedere la forma toroidale di energia.

Il toroide è anche la forma delle galassie a spirale. Le stelle si spostano dal disco galattico verso l'esterno, scendono nel vortice quindi tendono a spostarsi verso l'esterno.

Doppio Toroide

Molte dinamiche toroidali contengono due toroidi, detti "tori", come gli aspetti maschile e femminile dell'intero, uno si muove a spirale verso il polo nord e l'altro in direzione opposta verso il polo sud. Questo viene anche chiamato "effetto Coriolis".
Esempi sono l'atmosfera sulla Terra e il flusso di plasma del sole. L'aria scende dal polo nord verso l'equatore per poi tornare verso l'alto. Sale dal polo sud verso l'equatore per poi tornare verso il basso.

 

 

In fisica delle particelle la forma del toroide è nota per fornire un miglior ambiente all'interno del quale accelerare le particelle. La geometria toroidale è interessante come spazio per accumulare l' energia dei magneti, perchè si traduce in piccoli campi magnetici esterni. La Russia fu la prima a mettere in pratica questa idea con l'acceleratore Tokamak. L'Europa e gli Stati Uniti hanno ottimizzato il modello russo per eseguire esperimenti di fisica del plasma. Questi dispositivi funzionano secondo il principio della fusione, la tecnica utilizzata dal sole e dalle stelle

per produrre un'enorme quantità di energia.

La forma di un accelleratore di particelle è un toroide

 

La forma toroidale è stato scoperto essere la forma più efficiente per un trasformatore elettrico, una bobina è avvolta in questa configurazione e produce una potenza estremamente precisa ed affidabile. Per questo motivo, trasformatori toroidali sono impiegati da ingegneri in apparecchiature audio e altri dispositivi elettronici a bassa distorsione per aumentare al contempo la potenza.

 

Le galassie hanno una forma toroidale in cui i buchi bianchi "white holes" rilasciano energia,

mentre i buchi neri "black holes" la risucchiano al loro interno.

 

L'intero universo ha la forma di un toroide. La forma geometrica utilizzata per descrivere la natura auto-riflessiva dell'universo è il toro. Il toroide consente a un vortice di energia di scorrere verso l'esterno per poi ritornare all'interno del vortice. Così l'energia di un toroide si rigenera continuamente e allo stesso tempo si espande autoriflettendosi su se stessa.

 

QUINDI VIENE SCOPERTA UNA FONTE DI ENERGIA PER LA TERRA: SICURA, PULITA, ILLIMITATA E  PER TUTTI !!!

COSI’ NON CI SAREBBE PIU’ NE’ POVERTA’  NE’ POTERE DI POCHI!

 

FONTE : http://umaniindivenire.grou.ps/602615

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

– See more at: http://www.spaziosacro.it/interagisci/blog/blog2.php/il-modello-della-vita-il#sthash.5N2DOlQ5.dpuf

IL MODELLO DELLA VITA: IL TOROIDE – UNA FONTE DI ENERGIA PER LA TERRA: SICURA, PULITA, ILLIMITATA E PER TUTTI

IL MODELLO DELLA VITA: IL TOROIDE

 

VIENE SCOPERTA UNA FONTE DI ENERGIA PER LA TERRA: SICURA, PULITA, ILLIMITATA E  PER TUTTI !!!

COSI’ NON CI SAREBBE PIU’ NE’ POVERTA’  NE’  IL POTERE DI POCHI!

La natura  è descritta da un modello ricorrente per l'evoluzione della vita a tutte le scale: il toroide. E' un vortice di energia a forma di ciambella che potete vedere ovunque dagli atomi alle galassie. Il toroide è il modo in cui la natura crea e sostiene la vita e può servire come modello della sostenibilità. La conoscenza di questo modello si trova già in tecnologie come ventole e propulsori, generatori ecologici, dispositivi delle nuove energie e ci aiuta a comprendere meglio la natura del campo unificato. è descritta da un modello ricorrente per l'evoluzione della vita a tutte le scale: il toroide. E' un vortice di energia a forma di ciambella che potete vedere ovunque dagli atomi alle galassie. Il toroide è il modo in cui la natura crea e sostiene la vita e può servire come modello della sostenibilità. La conoscenza di questo modello si trova già in tecnologie come ventole e propulsori, generatori ecologici, dispositivi delle nuove energie e ci aiuta a comprendere meglio la natura del campo unificato.

 

Il toroide o modello primario, è una dinamica energetica che appare come una ciambella, è una superficie continua con un foro.

In matematica tale schema è descritto da

Volume  del toroide

 

L'energia fluisce da una estremità, circola attorno al centro e fuoriesce dall'altra parte. È bilanciata, si autoregola, è sempre integra. Potete vederla ovunque, negli atomi, nelle cellule, nei semi, nei fiori, negli alberi, negli animali, negli umani, negli uragani, nei pianeti, nelle stelle, nelle galassie e persino nell'intero cosmo. Lo scienziato e filosofo Arthur Young, ha spiegato che un toroide è l'unico modello di energia o dinamica, che può autosostenersi ed è fatto della stessa sostanza che lo circonda, come un tornado, un anello di fumo nell'aria o un vortice nell'acqua. Evoluzione significa sviluppo, dispiegamento. Che cosa sviluppa l'universo? Sistemi auto-organizzanti e cioè visibili ad ogni scala. È un sistema capace di organizzare se stesso. In natura troviamo queste forme auto-organizzanti ovunque: nella sezione trasversale di un'arancia o in quella di una mela; nella natura dinamica di un tornado o ancora nel campo elettromagnetico intorno alla terra, o nell'analogo campo elettromagnetico che circonda l'essere umano così come nella struttura di un'intera galassia a spirale o di un atomo.
L'universo ha manifestato a tutte le scale un unico progetto: sviluppare tori.

Il toroide si applica quindi anche a livello umano. Il toroide di ogni individuo è distinto, ma allo stesso tempo aperto e connesso ad ogni altro in un mare continuo di energia infinita. E' lo stesso campo di energia che potete sentire con un magnete. Solitamente è invisibile, ma spargendo segatura di ferro attorno ad un magnete, potete vedere la forma toroidale di energia.

Il toroide è anche la forma delle galassie a spirale. Le stelle si spostano dal disco galattico verso l'esterno, scendono nel vortice quindi tendono a spostarsi verso l'esterno.

Doppio Toroide

Molte dinamiche toroidali contengono due toroidi, detti "tori", come gli aspetti maschile e femminile dell'intero, uno si muove a spirale verso il polo nord e l'altro in direzione opposta verso il polo sud. Questo viene anche chiamato "effetto Coriolis".
Esempi sono l'atmosfera sulla Terra e il flusso di plasma del sole. L'aria scende dal polo nord verso l'equatore per poi tornare verso l'alto. Sale dal polo sud verso l'equatore per poi tornare verso il basso.

 

 

In fisica delle particelle la forma del toroide è nota per fornire un miglior ambiente all'interno del quale accelerare le particelle. La geometria toroidale è interessante come spazio per accumulare l' energia dei magneti, perchè si traduce in piccoli campi magnetici esterni. La Russia fu la prima a mettere in pratica questa idea con l'acceleratore Tokamak. L'Europa e gli Stati Uniti hanno ottimizzato il modello russo per eseguire esperimenti di fisica del plasma. Questi dispositivi funzionano secondo il principio della fusione, la tecnica utilizzata dal sole e dalle stelle

per produrre un'enorme quantità di energia.

La forma di un accelleratore di particelle è un toroide

 

La forma toroidale è stato scoperto essere la forma più efficiente per un trasformatore elettrico, una bobina è avvolta in questa configurazione e produce una potenza estremamente precisa ed affidabile. Per questo motivo, trasformatori toroidali sono impiegati da ingegneri in apparecchiature audio e altri dispositivi elettronici a bassa distorsione per aumentare al contempo la potenza.

 

Le galassie hanno una forma toroidale in cui i buchi bianchi "white holes" rilasciano energia,

mentre i buchi neri "black holes" la risucchiano al loro interno.

 

L'intero universo ha la forma di un toroide. La forma geometrica utilizzata per descrivere la natura auto-riflessiva dell'universo è il toro. Il toroide consente a un vortice di energia di scorrere verso l'esterno per poi ritornare all'interno del vortice. Così l'energia di un toroide si rigenera continuamente e allo stesso tempo si espande autoriflettendosi su se stessa.

 

QUINDI VIENE SCOPERTA UNA FONTE DI ENERGIA PER LA TERRA: SICURA, PULITA, ILLIMITATA E  PER TUTTI !!!

COSI’ NON CI SAREBBE PIU’ NE’ POVERTA’  NE’ POTERE DI POCHI!

 

FONTE : http://umaniindivenire.grou.ps/602615

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

– See more at: http://www.spaziosacro.it/interagisci/blog/blog2.php/il-modello-della-vita-il#sthash.5N2DOlQ5.dpuf

IL MODELLO DELLA VITA: IL TOROIDE – UNA FONTE DI ENERGIA PER LA TERRA: SICURA, PULITA, ILLIMITATA E PER TUTTI

IL MODELLO DELLA VITA: IL TOROIDE

 

VIENE SCOPERTA UNA FONTE DI ENERGIA PER LA TERRA: SICURA, PULITA, ILLIMITATA E  PER TUTTI !!!

COSI’ NON CI SAREBBE PIU’ NE’ POVERTA’  NE’  IL POTERE DI POCHI!

La natura  è descritta da un modello ricorrente per l'evoluzione della vita a tutte le scale: il toroide. E' un vortice di energia a forma di ciambella che potete vedere ovunque dagli atomi alle galassie. Il toroide è il modo in cui la natura crea e sostiene la vita e può servire come modello della sostenibilità. La conoscenza di questo modello si trova già in tecnologie come ventole e propulsori, generatori ecologici, dispositivi delle nuove energie e ci aiuta a comprendere meglio la natura del campo unificato. è descritta da un modello ricorrente per l'evoluzione della vita a tutte le scale: il toroide. E' un vortice di energia a forma di ciambella che potete vedere ovunque dagli atomi alle galassie. Il toroide è il modo in cui la natura crea e sostiene la vita e può servire come modello della sostenibilità. La conoscenza di questo modello si trova già in tecnologie come ventole e propulsori, generatori ecologici, dispositivi delle nuove energie e ci aiuta a comprendere meglio la natura del campo unificato.

 

Il toroide o modello primario, è una dinamica energetica che appare come una ciambella, è una superficie continua con un foro.

In matematica tale schema è descritto da

Volume  del toroide

 

L'energia fluisce da una estremità, circola attorno al centro e fuoriesce dall'altra parte. È bilanciata, si autoregola, è sempre integra. Potete vederla ovunque, negli atomi, nelle cellule, nei semi, nei fiori, negli alberi, negli animali, negli umani, negli uragani, nei pianeti, nelle stelle, nelle galassie e persino nell'intero cosmo. Lo scienziato e filosofo Arthur Young, ha spiegato che un toroide è l'unico modello di energia o dinamica, che può autosostenersi ed è fatto della stessa sostanza che lo circonda, come un tornado, un anello di fumo nell'aria o un vortice nell'acqua. Evoluzione significa sviluppo, dispiegamento. Che cosa sviluppa l'universo? Sistemi auto-organizzanti e cioè visibili ad ogni scala. È un sistema capace di organizzare se stesso. In natura troviamo queste forme auto-organizzanti ovunque: nella sezione trasversale di un'arancia o in quella di una mela; nella natura dinamica di un tornado o ancora nel campo elettromagnetico intorno alla terra, o nell'analogo campo elettromagnetico che circonda l'essere umano così come nella struttura di un'intera galassia a spirale o di un atomo.
L'universo ha manifestato a tutte le scale un unico progetto: sviluppare tori.

Il toroide si applica quindi anche a livello umano. Il toroide di ogni individuo è distinto, ma allo stesso tempo aperto e connesso ad ogni altro in un mare continuo di energia infinita. E' lo stesso campo di energia che potete sentire con un magnete. Solitamente è invisibile, ma spargendo segatura di ferro attorno ad un magnete, potete vedere la forma toroidale di energia.

Il toroide è anche la forma delle galassie a spirale. Le stelle si spostano dal disco galattico verso l'esterno, scendono nel vortice quindi tendono a spostarsi verso l'esterno.

Doppio Toroide

Molte dinamiche toroidali contengono due toroidi, detti "tori", come gli aspetti maschile e femminile dell'intero, uno si muove a spirale verso il polo nord e l'altro in direzione opposta verso il polo sud. Questo viene anche chiamato "effetto Coriolis".
Esempi sono l'atmosfera sulla Terra e il flusso di plasma del sole. L'aria scende dal polo nord verso l'equatore per poi tornare verso l'alto. Sale dal polo sud verso l'equatore per poi tornare verso il basso.

 

 

In fisica delle particelle la forma del toroide è nota per fornire un miglior ambiente all'interno del quale accelerare le particelle. La geometria toroidale è interessante come spazio per accumulare l' energia dei magneti, perchè si traduce in piccoli campi magnetici esterni. La Russia fu la prima a mettere in pratica questa idea con l'acceleratore Tokamak. L'Europa e gli Stati Uniti hanno ottimizzato il modello russo per eseguire esperimenti di fisica del plasma. Questi dispositivi funzionano secondo il principio della fusione, la tecnica utilizzata dal sole e dalle stelle

per produrre un'enorme quantità di energia.

La forma di un accelleratore di particelle è un toroide

 

La forma toroidale è stato scoperto essere la forma più efficiente per un trasformatore elettrico, una bobina è avvolta in questa configurazione e produce una potenza estremamente precisa ed affidabile. Per questo motivo, trasformatori toroidali sono impiegati da ingegneri in apparecchiature audio e altri dispositivi elettronici a bassa distorsione per aumentare al contempo la potenza.

 

Le galassie hanno una forma toroidale in cui i buchi bianchi "white holes" rilasciano energia,

mentre i buchi neri "black holes" la risucchiano al loro interno.

 

L'intero universo ha la forma di un toroide. La forma geometrica utilizzata per descrivere la natura auto-riflessiva dell'universo è il toro. Il toroide consente a un vortice di energia di scorrere verso l'esterno per poi ritornare all'interno del vortice. Così l'energia di un toroide si rigenera continuamente e allo stesso tempo si espande autoriflettendosi su se stessa.

 

QUINDI VIENE SCOPERTA UNA FONTE DI ENERGIA PER LA TERRA: SICURA, PULITA, ILLIMITATA E  PER TUTTI !!!

COSI’ NON CI SAREBBE PIU’ NE’ POVERTA’  NE’ POTERE DI POCHI!

 

FONTE : http://umaniindivenire.grou.ps/602615

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

– See more at: http://www.spaziosacro.it/interagisci/blog/blog2.php/il-modello-della-vita-il#sthash.5N2DOlQ5.dpuf

Print Friendly, PDF & Email

GIORNATA DELLA TERRA 2015

giornata-della-terra
 
La Giornata della Terra (Earth Day in inglese), è la più grande manifestazione del pianeta dedicata ai temi della protezione dell’ambiente e Google le ha dedicato un quiz: fu indetta dalle Nazioni Unite dopo che nel 1970 un movimento ecologista negli Stati Uniti aveva deciso di fissarla per il 22 aprile.
Si tratta di un momento celebrativo, ma anche educativo e informativo durante il quale i gruppi ecologisti di 192 paesi valutano le problematiche ambientali e propongono delle soluzioni.
L’idea di creare la Giornata della Terra venne per la prima volta negli Stati Uniti al senatore democratico Gaylord Nelson che pensò, negli anni Sessanta, di organizzare una serie di incontri e conferenze dedicate all’ambiente: ci riuscì, coinvolgendo anche molti importanti politici americani.
Nel 1969 – quando tra gennaio e febbraio a Santa Barbara, in California, si verificò uno dei più gravi disastri ambientali degli Stati Uniti causato dalla fuoriuscita di petrolio da un pozzo della Union Oil – il senatore Nelson decise di occuparsi in modo più sistematico di questioni ambientali per portarle all’attenzione di più persone possibili, ispirandosi alla forza dei movimenti di protesta contro la guerra del Vietnam.
Il 22 aprile del 1970, milioni di cittadini americani, varie organizzazioni che fino a quel momento si erano occupate di specifiche battaglie, migliaia di college e università aderirono a una grande manifestazione in tutti gli Stati Uniti dedicata alla salvaguardia del pianeta, una sorta di prima Giornata della Terra.
Contemporaneamente venne creato l’Earth Day Network (EDN), un’organizzazione prima nazionale e poi internazionale per coordinare le diverse iniziative dedicate all’ambiente durante tutto l’anno (attualmente ne fanno parte oltre 22 mila movimenti e associazioni di 192 paesi).
Il 26 febbraio del 1971, l’allora segretario generale delle Nazioni Unite, Maha Thray Sithu U Thant, ufficializzò la partecipazione dell’organizzazione alla celebrazione annuale dell’Earth Day.
La Giornata della Terra contribuì in modo determinante allo svolgimento di iniziative ambientali in tutto il mondo che, nel 1992, portarono all’organizzazione a Rio de Janeiro del cosiddetto Summit della Terra (la Conferenza sull’ambiente e lo sviluppo delle Nazioni Unite), la prima conferenza mondiale dei capi di Stato sull’ambiente a cui parteciparono 172 paesi.
La Giornata della Terra 2015 – che è alla sua quarantacinquesima edizione – ha già raccolto più di 1,1 miliardi di azioni ambientaliste e impegni sottoscritti da cittadini di tutto il mondo. Il primo obiettivo di quest’anno sarà quello di piantare un miliardo di alberi o semi. In Italia, sono stati organizzati diversi eventi, che si possono trovare qui.
Tratto da (CLICCA QUI)
 
Print Friendly, PDF & Email

AGENTI VIRALI PER IL CONTROLLO MENTALE ??? SIAMO A QUESTO PUNTO ???

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO … MOLTO INQUIETANTE!
Traduzione di Frankpro per Anticorpi.info
Secondo quanto si evince dal documento ed il filmato che stiamo per sottoporvi, negli ultimi otto anni un gruppo di scienziati al soldo del governo avrebbe ingegnerizzato dei vaccini virali per modificare pensieri e credenze con lo scopo di infettare il cervello e sopprimere la manifestazione genetica delle cellule neuronali.
La dispersione di questi vaccini sarebbe stata testata attraverso attività di spray di aeresol in alta quota, usando appositi veicoli autostradali, tramite la fornitura d'acqua e nel sistema alimentare.
Come vedrete nel documento e nel video qui sotto, il vaccino fin dall'inizio era destinato a essere distribuito contro le popolazioni civili, e 600 ceppi di virus infettivi sarebbero stati testati su soggetti umani.
Uno dei vettori di trasmissione documentati nei test sfrutterebbe un ceppo di influenza per diffondere il virus come una pandemia.
Il punto di tutto ciò è infettare le menti della popolazione e trasformare la gente in ciò che il governo definisce 'persone normali.'
Dal punto di vista del governo – ovviamente – 'normale' significa 'obbediente e senza cervello.'
Tutto ciò è descritto in un video e un documento emersi da alcuni anni, ma contestualizzati solo ora che la politica medica statale in America sta accelerando a livelli folli la propria aggressione contro la popolazione.
Date un occhio ai recenti articoli sui rapimenti medici in Arkansas e i rapimenti CPS (Child Protective Services – n.d.r.) di bambini in Arizona, tanto per cominciare.
Vaccini invisibili somministrati via aerosol per controllare il comportamento e alterare la mente.
Questo video di YouTube, descritto come "trapelato dal Pentagono," mostra uno scienziato che spiega in un tono freddo e calcolato come mediante i vaccini possano essere eliminati i comportamenti considerati indesiderabili dal governo.
Partendo dal  minuto 03:00, si può sentire questo scienziato che spiega come un vaccino sia in grado di "trasformare un fanatico in una persona normale."
Una persona normale, naturalmente, significa una persona obbediente alla autorità governativa.
Ecco la trascrizione della spiegazione:
Scienziato: "E tutto ciò comporta essenzialmente l'effetto di trasformare un fanatico in una persona normale."
Pubblico: "Come suggerisci che possa essere somministrato? Via aerosol?"
Scienziato: "Lo abbiamo testato utilizzando virus respiratori come influenza e rinovirus, e riteniamo che sia il modo più efficace per raggiungere il maggior numero di popolazione … siamo abbastanza fiduciosi che il miglior approccio sia questo."
Pubblico: "Qual è il nome di questa proposta?"
Scienziato: "Il nome è FUNVAX, il vaccino per la cura del fondamentalismo religioso.
La proposta è appena stata  presentata, e credo che i dati mostrati sostengano lo sviluppo del progetto.
Guarda il video qui, con il seguente numero di identificazione del Dipartimento della Difesa DOD ID 149AZ2."
Progettato per infettare le cellule del cervello e modificare credenze e comportamenti.
Sul sito WantToKnow.info è stato pubblicato un documento che illustra la composizione e gli intenti del virus in una sintesi dal titolo Quarterly Review FunVax.
Il documento afferma quanto segue:
L'obiettivo di questa fase del progetto ID 149AZ2 è preparare un vettore virale che inibisca o diminuisca l'espressione del VMAT2 all'interno di una popolazione umana.
… la composizione permette al virus di infettare le vie respiratorie ove si verifica l'infezione citolitica e diffondersi attraverso la barriera ematica per infettare le cellule cerebrali.
Il documento prosegue dicendo che ci sarà "coordinamento tra la ricerca, la clinica e la produzione" che inizieranno nel 2007. Ciò enuncia chiaramente l'intenzione di attuare questo progetto dalla fase di ricerca alla produzione, alla distribuzione.
Ora potreste chiedervi contro chi potrebbero essere usate tali armi chimiche per il controllo mentale, giusto?
La risposta è VOI!
Dispersione attraverso aria, approvvigionamento idrico, veicoli autostradali e insetti.
Secondo quanto indicato nel documento di cui sopra, la dispersione del vaccino di modifica del cervello è stato testato in sei modi diversi:
Sono stati testati sei metodi di dispersione del virus:
rilascio in alta quota,
rilascio nell'approvvigionamento idrico,
trasmissione da insetti,
diffusione da veicolo terrestre come una automobile,
diffusione da un oggetto fisso come una bottiglia,
e infezione da approvvigionamento alimentare, come bestiame o altri prodotti.
Da quanto leggo nel testo, credo che oggi, quasi otto anni più tardi, stiamo assistendo al rilascio di zanzare geneticamente modificate che coincidono con la proliferazione di focolai di strane condizioni neurologiche tra gli studenti statunitensi e oscure condizioni di salute comparse in tutto il mondo.
Il rilascio ad alta quota del vaccino che altera la mente potrebbe essere già stato attuato attraverso l'irrorazione via aerosol delle città in modelli a reticolo in quota, spesso etichettate come "scie chimiche".
Geni del suicidio, test sul campo ed esperimenti futuri.
Lo stesso documento sopra citato continua riassumendo i temi trattati in una riunione del gruppo di ricerca che sembra si sia tenuta il 21 marzo 2007:
• Proposta di gene del suicidio.
• Metodi di dispersione.
• Verifica dell'efficienza in una data area.
• Inibitori che possono colpire una specifica popolazione.
• Progressi nell'atterramento della scimmia.
• Esperimenti futuri.
Altre linee guida del documento dicono cose come:
"Tutti i 600 ceppi di VSV devono essere ritestati su soggetti umani …"
"Gli esperimenti futuri sul VSV287 devono consentire la diffusione mediante respirazione e non inoculazione."
"L'uso di FunVax potrebbe avere effetto immediato sulle aree bersaglio… i risultati della vaccinazione di massa dovrebbero essere proporzionati al tasso di infezione.
Indicatori comportamentali… diminuzione della resistenza armata… crescita nelle comunicazioni che esprimono malcontento religioso o verso Dio."
Destinato ad essere utilizzato contro le popolazioni civili.
Dal documento risulta chiaramente che il vaccino infetta-cervello, alteratore mentale, fosse destinato dall'inizio a essere usato contro le popolazioni civili.
Infatti, il documento esamina i piani per l'acquisizione occulta di campioni biologici dai civili deceduti, al fine di determinare l'efficacia degli sforzi della dispersione degli aerosol:
… Un campione di sangue di vittime militari o defunti civili fornirebbe una stima più accurata del tasso di vaccinazione … campioni biologici provenienti da persone in vita potrebbero essere acquisiti segretamente … i test che dovrebbero essere ripetuti usando il VSV287 sono test in alta atmosfera..
Un virus aereo sarebbe la modalità preferibile per l'infezione. Un ceppo di nome VSV287 è stato progettato per diffondersi per via aerea …
Solo la sperimentazione umana sarà in grado di determinare l'effetto di VSV287 sulla religiosità e la spiritualità … la dispersione in alta atmosfera o quella effettuata da parte di un oggetto in movimento a terra sembrano essere le vie più pratiche.
Precedenti nell'uso di aeromobili per disperdere i vaccini, da parte del Governo.
La ricaduta per via aerea dei vaccini su ampie fasce della popolazione non è una cosa nuova, per inciso.
Come ho riferito qui, su  NaturalNews nel 2012, il governo del Texas ha immesso nell'aria vaccini contro la rabbia su 1,8 milioni di animali selvatici, come parte di uno schema di attività del governo per vaccinare la fauna selvatica.
Ebbene si, persino i coyotes e i conigli non sono al sicuro dagli zelanti vaccinatori.
Nessun animale sul pianeta è considerato “sicuro”, da parte delle autorità sanitarie, almeno finché non venga prima infettato da un virus o due.
Il piano del Dipartimento della Difesa è ad ogni modo molto più elaborato, e comprende l'uso di aerosol tramite aerei ad alta quota o persino il rilascio di vaccini virali nelle riserve idriche delle grandi città.
Se voi o me effettuassimo una azione del genere, la cosa sarebbe bollata come un atto di terrorismo interno, ma quando è il governo a proporlo, allora è tutto ok!
Un vaccino che altera la mente è mai stato rilasciato su una città degli Stati Uniti?
Quanto detto solleva una domanda ovvia: un vaccino che altera la mente è mai stato rilasciato su una città degli USA? La domanda è legittima, perché l'intento del programma era chiaramente la distribuzione ad alta quota di questo vaccino contro le popolazioni civili.
Una massa di gente "sfibrata" da vaccini lobotomizzanti spiegherebbe molte cose in merito a quello che sta succedendo in America in questi giorni, ad esempio il fatto che alcune persone ancora non abbiano capito che ogni singola dichiarazione del presidente Obama è una bugia calcolata. (Non vedo l'ora di assistere alla prossima commedia teatrale chiamata il "Discorso sullo Stato dell'Unione.")
Mi sono anche chiesto come mai in tutto il mondo occidentale stiamo assistendo ad un tracollo di massa della moralità e dell'etica; e non si tratta di un'area d'inchiesta stravagante quella che porta a chiedersi se intere città siano state intenzionalmente esposte a un virus che infetta il cervello, proprio come descritto dallo scienziato nel video qui sopra.
Lo so, suona come l'azione di un 'cattivo' dei film di Batman, ma sappiamo che l'industria dei vaccini è in gran parte composta da scienziati pazzi con intenti malvagi.
Ricordate: questo è lo stesso gruppo disdicevole di scienziati che ha insabbiato la confessione di uno scienziato del CDC, il quale ha ammesso che i dati dell'agenzia sono stati manipolati per eliminare qualsiasi apparente collegamento fra i vaccini e l'autismo.
Non è così assurdo dedurre che questa stessa gente abbia prodotto con piacere vaccini per rendere stupida la gente, così da renderla più conforme e docile.
Il più grande nemico dell'industria dei vaccini è, perciò, chiunque abbia ancora libertà di pensiero.
Sappiamo che i vaccini vengono impiegati, proprio ora, al fine di sterilizzare segretamente le donne usando prodotti chimici di sterilizzazione mescolati nei vaccini.
Sappiamo anche della presenza di mercurio tossico nei vaccini con cui si preverrebbe l'influenza, sebbene le istituzioni sostengano ridicolmente che i vaccini antinfluenzali siano sicuri al 100% anche per le donne in gravidanza, i neonati, i bambini piccoli, gli anziani e tutti gli altri.
Si tratta di un settore che sembra davvero godere nel diffondere danni per la salute, come convulsioni indotte dal vaccino, coma, autismo e anche la morte.
Disperdere in alta quota vaccini che in maniera invisibile ricadono sulle città e sono inalati da milioni di persone è una fantasia erotica che diventa realtà per quei fanatici anti-umani che disprezzano la vita e sostengono apertamente lo spopolamento umano.
E' possibile proteggersi dagli effetti mediante una buona alimentazione?
Oggi mi guardo intorno in America e sono testimone del completo abbandono del pensiero razionale, la criminalità del sistema medico, la corruzione ad ogni livello nel governo e la contorta follia che ha infettato le menti delle masse, e mi chiedo se la popolazione sia stata già segretamente e deliberatamente esposta a qualcosa di nefasto.
Forse alcuni di noi sono immuni – persone come voi e me – mentre altri sono vittime del virus perché vivono in una condizione di indebolimento del sistema immunitario.
Forse le persone che mangiano i cibi nutrienti e supernutrienti hanno le migliori difese contro gli schemi segreti di vaccinazione e sono quindi le uniche a conservare intatte le loro menti e la loro consapevolezza.
Forse già da cinque anni è in corso una guerra contro la coscienza umana, che viene combattuta ogni giorno, a tutti i livelli, partendo dagli idioti ronzanti delle reti che riportano news 24 ore al giorno, fino ai farmaci distruggi-cervello prescritti quasi ad ogni persona che oltrepassi la soglia di uno studio medico.
Combinate gli aerosol ai vaccini potenziati, insieme agli effetti del fluoruro, le sitcom televisive, gli additivi chimici e l'ingegneria sociale dei mass-media, e si finisce con una nazione di zombie, affetti da sonnambulismo, che sono solo in grado di obbedire, senza un pensiero indipendente.
Attraverso tali vaccini-aerosol, in altre parole, l'esilarante raffigurazione della Apocalisse-Zombie potrebbe essere già iniziata.
E forse le cosiddette "masse senza cervello" sono in realtà solo vittime di un nefasto programma gestito dal governo, progettato per trasformare ogni respiro umano in una 'vaccinazione' non intenzionale.
Articolo pubblicato sul sito Natural News
Link diretto:
http://www.naturalnews.com/048347_aerosolized_vaccines_behavioral_modification_obedience.html
Tratto da (CLICCA QUI)
Print Friendly, PDF & Email

ECCO COME L’AGRICOLTURA INDUSTRIALE AMMALA NOI E MADRE TERRA

I terreni trattati con prodotti chimici, sfiancati dallo sfruttamento intensivo e dall’agricoltura industriale causano un impoverimento del cibo che quindi non fornisce agli esseri umani i nutrienti di cui ha bisogno. E’ la conclusione cui sono giunti numerosi studi di cui si parla anche nel libro appena uscito di Courtney White, “Grass, soil, hope”. Ma la soluzione c’è.

di Giovanni Fez – 18 Settembre 2014

E’ ancora vero che una mela al giorno toglie il medico di torno?

Non più, stando a quanto sostengono gli esperti, a meno che quella mela non arrivi da terreni organici e da alberi coltivati con metodi biologici.

Secondo l’esperta australiana Christine Jones, intervistata nel libro appena uscito di Courtney White, Grass, Soil, Hope, le mele hanno perduto l’80% del loro contenuto di vitamina C.

E le arance che si mangiavano per tenere lontano il raffreddore?

E’ possibile che di vitamina C non contengano più nemmeno le tracce.

Uno studio http://www.scientificamerican.com/article/soil-depletion-and-nutrition-loss/ che ha analizzato il contenuto dei vegetali dal 1930 al 1980 ha scoperto che i livelli di ferro sono diminuiti del 22% e il calcio del 19%.

In Inghilterra tra il 1940 e il 1990 il contenuto di rame nei vegetali è calato del 76% e il calcio del 46%.

Il contenuto di minerali nella carne è, anch’esso, significativamente diminuito.

Gli alimenti vanno a costituire i mattoni del nostro corpo e sostengono la nostra salute, ma terreni impoveriti forniscono alimenti impoveriti e alimenti di scarsa qualità nutritiva portano a un decadimento della salute.

Anche la nostra salute mentale è legata ai terreni ed è garantita se i terreni sono ricchi di microbi.

Cosa è accaduto al terreno?

Ha subìto gli attacchi della moderna agricoltura industriale con le sue monocolture, i fertilizzanti, i pesticid e gli insetticidi.

«Il termine biodiversità evoca una ricca varietà di piante in equilibrio con tante varietà di animali, insetti e vita selvatica, tutti che coesistono in un ambiente in equilibrio – spiegano Hannah Bewsey e Katherine Paul dell’Organic Consumers Association – Ma c’è anche un intero mondo di biodiversità che vive al di sotto della superficie terrestre ed è essenziale per far crescere alimenti ricchi di nutrienti.

Il suolo terrestre è una miscela dinamica di particelle rocciose, acqua, gas e microrganismi.

Una tazza di terra contiene più microrganismi di quante persone ci siano sul pianeta.

Questi microbi vanno a costituire il “tessuto alimentare del suolo”, una catena complessa che inizia con I residui organici di piante e animali e che coinvolge batteri, funghi, nematodi e vermi; decompongono la materia organica, stabilizzano il suolo e aiutano la conversione dei nutrienti da una forma chimica ad un’altra.

La ricchezza nella diversità dei microbi in un terreno ha effetti su molte proprietà, come l’umidità, la struttura, la densità e la composizione nutritiva.

Quando i microbi vanno perduti, si riducono anche le proprietà del suolo che permettono di stabilizzare le piante, di convertire le sostanze nutritive e di svolgere tutte le altre funzioni vitali.  

Il contenuto di microbi del suolo, cioè la sua biodiversità, è praticamente sinonimo di salute e fertilità.

Come scrive Daphne Millier, medico, scrittrice e docente, “i terreni che contano su un’ampia biodiversità sono più predisposti a produrre cibi ad alta densità nutritiva”.

Purtroppo l’azione umana ha avuto un impatto assai negativo sulla salute dei suoli; siamo infatti responsabili della degradazione di oltre il 40% dei terreni agricoli nel mondo.

Abbiamo destabilizzato l’ecosistema dei terreni attraverso un utilizzo diffuso di sostanze chimiche che distruggono praticamente tutto ad eccezione delle piante stesse (molte di queste sono state addirittura modificate geneticamente per resistere a erbicidi e pesticidi).

Siamo arrivati ad avere grano, soia, alfa-alfa e altri cereali in apparenza salubri ma in verità carenti di sostanze nutritive a causa della pessima qualità del suolo su cui vengono coltivati.

E usiamo sostanze chimiche di routine anche se si sa che appena lo 0,1% dei pesticidi in realtà interagisce con il target cui è destinato, tutto il resto contamina soltanto piante e suolo».

«L’azoto è uno dei tre nutrienti essenziali per il suolo – proseguono Bewsey e Paul – gli altri due sono potassio e fosforo.

Ma perché l’azoto possa nutrire le piante, deve essere convertito da ammonio a nitrato.

I microbi del terreno, sensibili al ciclo dell’azoto, fanno questa conversione alimentandosi di materia vegetale decomposta, digerendo l’azoto che vi è contenuto ed eliminando ioni di azoto.

Cosa accade quando nel suolo non ci sono questi microbi?

Gli agricoltori spesso ricorrono a fertilizzanti contenenti azoto, ma l’uso eccessivo porta ad averne una quantità eccessiva che va oltre la capacità di conversione dei microbi stessi, quindi troppo azoto uccide le piante.

Stando ai dati della Union of Concerned Scientists, gli allevamenti con centinaia di animali stipati in piccoli spazi e alimentati con cereali anzichè foraggio è ubo dei fanni più grossi che l’uomo abbia inflitto al suolo poiché porta alle monocolture intensive su larga scala che richiedono moltissime sostanze chimiche.

La perdita di biodiversità del suolo è anche correlata all’aumento di asma e allergie nelle società occidentali.

Il sistema immunitario umano si sviluppa grazie agli stimoli ambientali cui è esposto; quando carne e vegetali mancano di determinati batteri e microbi, i bambini non riescono a formulare risposte immunitarie precoci e quindi possono sviluppare allergie.

La soluzione sta nel convertire allevamenti e aziende agricole industriali in allevamenti con sistemi naturali e fattorie biologiche.

Secondo uno studio danese è possibile raddoppiare la biodiversità del suolo sostituendo l’agricoltura biologica ai metodi agricoli convenzionali».

Ma perchè accontentarsi di contenere il danno?

Esiste quella che viene chiamata agricoltura rigenerativa, strumento essenziale per far regredire i danni causati dalle pratiche industriali.

E non c’è tempo da perdere.

Bisogna andare i quella direzione prima che sia veramente troppo tardi.

Tratto da (CLICCA QUI)

Print Friendly, PDF & Email

PER CONVINCERE L’EUROPA AD ACCETTARE GLI OGM … COSA NON SONO DISPOSTI A FARE.

Anche se il negoziato Usa-Eu sul trattato Ttip si è svolto finora nel massimo riserbo, è trapelato quanto basta per capire che uno degli ostacoli maggiori è costituito dagli Ogm (organismi geneticamente modificati), soprattutto dalle colture agricole biotech, dove alcune multinazionali Usa (Monsanto e Pioneer Dupont in testa) hanno interessi colossali.
La loro tesi è che le colture Ogm assicurano raccolti più abbondanti, e perciò più redditizi, senza rischi per la salute.
Tesi condivisa dall'amministrazione Usa, guidata da Barack Obama.
Di parere opposto, in Europa, sono gli ambientalisti e le associazioni agricole, che giudicano le colture biotech incompatibili con le produzioni agricolo-alimentari di qualità, poco convenienti (gli Ogm non consentono di avere sementi, che vanno riacquistate ogni anno presso le multinazionali, che così lucrano profitti), e dannose per la salute umana.
Con loro, sono schierati 19 dei 28 governi che fanno parte dell'Unione europea, e l'Italia di Matteo Renzi è tra questi.
Una decisione definitiva, in sede Ue, dovrà essere presa dalla nuova Commissione guidata da Jean Claude Juncker, ma le multinazionali Usa del biotech non sembrano affatto rassegnate a una sconfitta.
Dalla loro parte sanno di avere l'intero apparato diplomatico Usa, che in passato ha dimostrato di interferire non poco sulle decisioni dei governi europei.
In proposito, è illuminante la rilettura di alcuni cablo riservati dell'ambasciata Usa a Roma durante il governo Berlusconi 2001-2005, rivelati dallo scandalo Wikileaks e pubblicati allora in un saggio (Mimmo Franzinelli e Alessandro Giacone, La Provincia e l'Impero; Feltrinelli).
A differenza dei governi precedenti, tutti contrari alle coltivazioni Ogm, quello di Berlusconi fece subito sperare agli Usa in un cambio di rotta.
Il Cavaliere e l'allora presidente Usa, George W. Bush, avevano infatti concordato una politica a favore degli Ogm: una svolta italiana che il vice consigliere Usa per la sicurezza si affrettò a ricordare a Giovanni Castellaneta, consigliere diplomatico di Berlusconi, subito dopo avere accertato che nel governo italiano c'era un ministro che remava contro.
Si trattava di Gianni Alemanno, responsabile dell'Agricoltura, che da sempre si era schierato contro gli Ogm, e per questo era entrato in diretta polemica con l'oncologo Umberto Veronesi, che invece si era detto favorevole.
Non solo.
A sostegno della sua posizione, Alemanno aveva consultato le principali associazioni agricole (Coldiretti in testa), ottenendo il loro sostegno, salvo quello della Confagricoltura, favorevole ad alcuni tipi di «sementi non contaminate da Ogm»(!).
La reazione della diplomazia Usa fu riassunta in un cablo riservato: «Il nostro obiettivo è di seppellire il documento Alemanno nella commissione nazionale delle biotecnologie».
E se sarà approvato, Berlusconi subirà «una forte pressione per spostare l'Italia verso una politica più amichevole rispetto ai nostri interessi».
Ma Alemanno non cedette, e un nuovo cablo dell'ambasciatore, Mel Sembler, avvertì Washington: «Non possiamo permettere ad Alemanno di andare avanti senza ostacoli».
Scattò subito la ricerca di ministri filo-Usa, da schierare contro quello dell'Agricoltura.
Quello dell'Industria, Antonio Marzano, non si fece pregare e in un appello pro-Ogm, sostenne che «l'opposizione non era basata su prove scientifiche, ma su sentimenti anti-americani». Uno speech preparatogli da un direttore generale del ministero, Amedeo Teti, che nei cablo Usa venne subito indicato come persona da «proteggere strettamente».
Ma Alemanno tirò dritto.
E quando la Regione Piemonte iniziò a distruggere le coltivazioni di mais biotech, si dichiarò d'accordo, presentando un decreto legge restrittivo sugli Ogm.
Per protestare, l'ambasciatore Sembler si fiondò a Palazzo Chigi da Gianni Letta, che si disse all'oscuro di tutto e, per placare l'ospite, lo collegò in viva voce al telefono con Berlusconi, che si trovava ad Arcore.
La sintesi della telefonata è in un cablo: «Dopo avere espresso il suo continuo supporto agli sforzi statunitensi del presidente Bush per diffondere la democrazia, Berlusconi ha promesso che non avrebbe fatto passare la bozza di decreto del ministro Alemanno, così come gli era stata descritta, al consiglio dei ministri».
Ma di litigare con Alemanno, in realtà, Berlusconi non aveva nessuna voglia, come spiegò al ministro della Salute, Girolamo Sirchia, pure lui filo-Usa e pro-Ogm: «Il partito di Alemanno è una componente preziosa del governo».
Di lì a poco la questione degli Ogm passò in secondo piano, scavalcata per importanza dall'inizio della guerra in Iraq contro Saddam Hussein, dove il contributo militare dell'Italia era per l'ambasciata Usa un tema prevalente su tutti gli altri.
E Sembler, per giustificare a Wahington l'opportunità di mollare la presa sugli Ogm e non suscitare polemiche eccessive sulla stampa, scrisse in un cablo: «Dobbiamo ammazzare un drago per volta».
Così, grazie ad Alemanno (discutibile come sindaco di Roma, ma valido ministro dell'Agricoltura), gli Ogm non passarono e sono tuttora vietati.
Tratto da (CLICCA QUI)
Print Friendly, PDF & Email

VENEZIA

Print Friendly, PDF & Email

2014.09.05 – IL CLIMA NON E’ IMPAZZITO SIAMO IN GUERRA CLIMATICA.

generale-mini-guerra-climatica-clima“Clima impazzito?
No è guerra climatica” Parla il Generale Nato: “Ecco costa accadendo davvero e cosa accadrà entro il 2025″
Mai come ora ci rendiamo conto che il clima è impazzito.
Ecco il motivo spiegato dal Generale Mini:”E’ guerra climatica,clima modificato con agenti chimici”Riportiamo qualche passo significativo della testimonianza di questa persona, il cui ultimo incarico militare è stato il Comando delle forze NATO in Kossovo, e quindi non è stato un generale di “cartone”, come si dice in gergo di coloro che non hanno mai ricoperto ruoli di Comando, e sicuramente conosce l’argomento di cui tratta e anche solo per questo, dovrebbe essere ascoltato.
“La guerra ambientale non è più solo una ipotesi: è già in atto.
Ma guai a dirlo, si passa per pazzi.”
“Negare l’informazione è già un atto di guerra.
Non c’è solo la disinformazione ma c’è una pratica militare che si chiama ‘denial of service’ ovvero si stabilisce che è necessario non solo negare la realtà o l’evidenza, ma negare l’informazione.
E questo è già un vero e proprio atto di guerra.
Determinate persone o paesi non devono venire a conoscenza delle informazioni e questo può causare catastrofi di proporzioni bibliche, come il devastante tsunami dell’Indonesia. L’informazione sul suo arrivo era disponibile, ma interruzioni nella trasmissione, a causa di anelli mal funzionanti o volutamente non funzionanti, ne ha impedito la comunicazione.”
“La bomba climatica è la nuova arma di distruzione di massa a cui si sta lavorando in gran segreto per acquisire vantaggi inimmaginabili su scala planetaria. Alluvioni, terremoti, tsunami, siccità, cataclismi.
Uno scenario che purtroppo non è più fantascienza.”
“La maggior parte delle persone ritiene inconcepibili certi scenari, in quanto non è al corrente delle progettazioni in materia di tecnologie militari e quindi delle conseguenti implicazioni.”
Il Generale racconta che nel lontano 1946, lo scienziato neozelandese Thomas Leech, lavorò in Australia per conto dell’Università dell’Auckland, con fondi americani e inglesi, per provocare piccoli tsunami.
Il “Progetto Seal” ebbe successo, spaventò lo scienziato che interruppe gli esperimenti, e che poi sicuramente sono stati ripresi e perfezionati.
“I militari hanno già la capacità di condizionare l’ambiente: tornado, uragani, terremoti e tsunami alterati o addirittura provocati dall’uomo sono una possibilità concreta.”
“Nell’ambito militare non esiste una moralità che possa impedire di oltrepassare un certo punto.
Basti pensare allo sviluppo e le applicazioni degli ordigni atomici.
Non esiste vincolo morale, ciò che si può fare si fa.”
Non è solo un problema di mancanza di moralità, ma secondo il Generale si va anche oltre: “La voglia di conseguire un vantaggio spinge ad usare le tecnologie senza fare test a sufficienza.
Una possibilità viene messa in atto per verificarne il funzionamento, sperimentandone direttamente sul campo gli effetti.”
Con l’articolo su Limes, il Generale aveva già divulgato il progetto dell’Aereonautica Militare Statunitense del 1995.
In “Weather as a Force Multiplier: Owning the Weather in 2025” si delineavano i piani non “di possedere il clima”, ma di controllare il meteo, lo spazio atmosferico e condurre operazioni belliche in sicurezza, dice sempre il Generale.
“Per esempio, irrorando le nubi con ioduro di argento, altre sostanze chimiche o polimeri, per dissolverle o spostarle.
Oggi siamo piuttosto vicini al traguardo del 2025.”
fonte: jedasupport.altervista.org
tratto da (CLICCA QUI)
 

Print Friendly, PDF & Email

LA NEVE IN QUOTA CONTAMINATA DALLE SCIE CHIMICHE ???


Print Friendly, PDF & Email

UN MEDICO STATUNITENSE DENUNCIA UNA MISTERIOSA INFLUENZA … E SPUNTANO ANCORA LE SCIE CHIMICHE


images (15)11 marzo 2014
Un medico statunitense denuncia un influenza "misteriosa"
Sei malato. 
Il tuo naso è chiuso. 
Hai dolori muscolari, sei sudato, tossisci, starnutisci e non hai abbastanza energia per alzarti dal letto. 
Non è l'influenza. 
E' una cospirazione secondo il dottor Leonard Horowitz. 
La sua opinione non si basa sulla teoria della cospirazione, ma sul fatto della cospirazione. 
Nel corso degli ultimi 10 anni, Horowitz è diventato un'autorità controversa nel sistema medico statunitense. 
Con una formazione universitaria di ricercatore medico, Horowitz di 48 anni, accusa che alcuni elementi del governo degli Stati Uniti stanno cospirano assieme alle principali aziende farmaceutiche per ridurre ampi segmenti della popolazione all’infermità. 
I media riportano che i pronto soccorso degli ospedali sono oberati da pazienti che soffrono di una strana infezione delle vie respiratorie superiori che non sembra essere provocata da un virus. 
Stanno inoltre segnalando che si tratta di una influenza "misteriosa" e che i consueti vaccini contro l'influenza sono inefficaci. 
"Questo è tutto una sciocchezza, un falso", dice il Dott. Leonard Horowitz.
"Il fatto della questione è che abbiamo visto questo tipo di epidemia per la prima volta tra la fine del 1998 e l'inizio del 1999. 
Le persone sono state affette, con forte tosse, da questa malattia bizzarra che non sembra seguire l'insorgenza logica virale o batterica o rappresentare un periodo di transizione. 
Se fosse davvero un’infezione batterica o virale, avrebbe causato la febbre, ma non è stato così. 
E' durata per settimane, se non mesi. 
Congestione sinusale, drenaggio del setto nasale, tosse, stanchezza, malessere generale. 
Le persone si sono sentite ‘spente’. 
Il Research Institute of Pathology delle Forze Armate ha registrato un brevetto per un micoplasma patogeno che causa questo tipo di epidemia. 
È possibile visualizzare il report dei brevetti nel libro: codici per l'Apocalisse biblica. 
Il micoplasma non è in realtà un fungo, non è proprio un batterio e non è proprio un virus. 
Non ha una parete cellulare. 
Va in profondità nel nucleo cellulare rendendo così molto difficile elaborare una risposta immunitaria contro di lui. 
Si tratta di una relazione di un brevetto per un’arma biologica che spiega come provocare infezioni croniche delle vie respiratorie superiori che sono praticamente identiche a quello che si sta riscontrando in questo momento." 
Le scie chimiche distruggono la vostra funzione immunitaria.
"Credo che le scie chimiche siano responsabili di una intossicazione chimica pubblica, che sarebbe poi in grado di causare una soppressione immunitaria generale, a basso o alto grado, a secondo dell'esposizione. 
La disfunzione del sistema immunitario mette le persone nella condizione di diventare sensibili alle infezioni opportunistiche, come questa di micoplasma ed altre infezioni opportunistiche ", così dice il Dr. Horowitz. 
"Ho iniziato a studiare le scie chimiche, quando sono state spruzzate sopra la mia casa nell’Idaho del Nord. 
Ho preso alcune immagini e poi ho contattato la Environmental Protection Agency dello stato che era all'oscuro dell’operazione così come l'Air Force. 
Mi hanno messo in contatto con il Centers for Disease Control, reparto di Tossicologia, e dopo circa una settimana ho ricevuto una lettera da uno dei loro principali tossicologi che affermava che, in effetti, era stata rilevata una certa quantità di dibromuro di etilene nel carburante degli aerei.
Il Dibromuro di etilene è un noto agente cancerogeno chimico per gli umani che è stato rimosso dalla benzina senza piombo a causa dei suoi effetti cancerogeni. 
Ora improvvisamente è apparso nei residui di carburante che ad alta quota gli aerei militari emettono!" 
Il Dibromuro di etilene, che è venuto fuori dai carburanti per jet, causa immunosoppressione e indebolimento del sistema immunitario delle persone. 
Poi ti viene un microbo, un micoplasma oppure un fungo che ti causa una malattia delle vie respiratorie superiori. Improvvisamente si sviluppa una infezione batterica secondaria. 
Poi vieni colpito con antibiotici e gli antibiotici causano acidità nella chimica del vostro corpo, così ora puoi riscontrare eruzioni cutanee ed altri inconvenienti, il fegato si riempie di tossine che fuoriescono attraverso la pelle tramite eruzioni cutanee e si notano reazioni bicolore associate con altri prodotti chimici. 
Ho colleghi nelle Bahamas, alle Bermuda, a Toronto, nel British Columbia che segnalano tutti la stessa ‘semina’ bizzarra dell'atmosfera. 
Ciò che sta accadendo è solo spregevole. 
Tutto ad un tratto gli esseri umani sono completamente fuori equilibrio e vengono infettati da due, tre o quattro microbi e co-fattori ed inoltre intossicati da una varietà di diverse sostanze chimiche … e qualcuno sta per essere considerato come malato cronico. 
(… segue nell’originale in inglese, con le connessioni con altre patologie tra cui l’AIDS e con congetture importanti sugli autori e gli scopi di tale scempio). 

fonte: 
http://www.helpfreetheearth.com/news697_chemtrails.html 
http://www.drlenhorowitz.com/index.htm 
 
fonte
… e nel frattempo Global War e guerra di tutti contro tutti: dove stiamo andando?
http://fintatolleranza.blogspot.it/

Tratto da (CLICCA QUI)

Print Friendly, PDF & Email