L’UNPO INVITA ANCHE IL MLNV AD UNA CONFERENZA ORGANIZZATA DAL FRONTE DI LIBERAZIONE NAZIONALE DELL’OGADEN (ONLF)

Wednesday 28th of January at 12:00
The Unrepresented Nations and Peoples Organization (UNPO) will be convening a conference entitled 'Minority Women's Rights – An Ethiopian Inferno' at the European Parliament in Brussels on 4 February 2015 at 15:00.
This conference, organised in cooperation with the Ogaden National Liberation Front (ONLF) and hosted by Ana Gomes MEP (S&D) and Julie Ward MEP (S&D), aims to raise awareness on the deteriorating situation of minorities in Ethiopia, especially in the Ogaden region, where violence against women has been described as a 'weapon of war'.
The Federal Democratic Republic of Ethiopia is based on a Constitution that guarantees – at least on paper – its inhabitants a broad spectrum of human rights, including specific provisions for minorities.
Ethiopia is also a party to most UN Human Rights Treaties, such as the UN Convention against Torture and the two Covenants on Civil and Political Rights and Economic, Social and Cultural Rights.
However, reality for Ethiopia's different minorities is far from ideal. The situation is particularly worrisome in the region of Ogaden, in the east of the country, where the Ogadeni people, an ethnically and religiously distinct group, are widely discriminated against and often fall victim to severe military crackdowns and unfair application of anti-terrorist laws to suffocate any dissent.
Their political freedoms are not respected; opposition parties and critical voices are persistently persecuted and repressed by the Government.
In paranoia the latter filters information reaching the international community.
Within the Ogaden community, women and children are especially vulnerable, with numerous reports of extrajudicial killings, rape, harassment and different forms of physical abuses surfacing and catching the attention of the international media despite strict censorship.
This sexual and gender-based violence is used both as a retaliation for political dissent and as a weapon to humiliate and instill fear within the community.
The scale and pattern of the cases of violence have been described as 'weapons of war'.
According to some reports, military and paramilitary forces have allegedly attended 'training' on how to humiliate the victims more effectively – all leading to a deterioration of the already deplorable human rights situation in the Ogaden region.
For more information on the situation of democracy and human rights in Ogaden, please see the recently published UNPO report.
unnamed
Mercoledì 28 gennaio alle 12:00
Le Nazioni non rappresentati e Peoples Organization (UNPO) sarà la convocazione di una conferenza dal titolo 'Diritti delle donne delle minoranze – Un Inferno etiope' presso il Parlamento europeo a Bruxelles il 4 febbraio 2015 alle ore 15:00.
Questa conferenza, organizzata in collaborazione con il Fronte di liberazione nazionale dell'Ogaden (ONLF) e ospitato da Ana Gomes MEP (S & D) e Julie Ward MEP (S & D), ha lo scopo di sensibilizzare l'opinione pubblica sul deterioramento della situazione delle minoranze in Etiopia, in particolare nella regione di Ogaden , dove la violenza contro le donne è stato descritto come un 'arma di guerra'.
La Repubblica Federale Democratica di Etiopia è basata su una Costituzione che garantisca – almeno sulla carta – i suoi abitanti un ampio spettro di diritti umani, comprese le disposizioni specifiche per le minoranze.
L'Etiopia è anche una festa per la maggior parte dei Diritti Umani delle Nazioni Unite, trattati come la Convenzione delle Nazioni Unite contro la tortura e le due Patti sui diritti culturali diritti civili e politici e economici, sociali e.
Tuttavia, la realtà di diverse minoranze dell'Etiopia è tutt'altro che ideale. La situazione è particolarmente preoccupante nella regione di Ogaden, nella parte orientale del paese, dove la gente Ogadeni, un gruppo etnico e religioso distinto, sono ampiamente discriminati e spesso sono vittime di gravi repressioni militari e l'applicazione abusiva delle leggi anti-terrorismo per soffocare ogni dissenso.
Le loro libertà politiche non siano rispettate; partiti di opposizione e le voci critiche sono costantemente perseguitati e repressi dal governo.
Nella paranoia quest'ultimo filtri informazioni raggiungere la comunità internazionale.
All'interno della comunità Ogaden, le donne ei bambini sono particolarmente vulnerabili, con numerose segnalazioni di esecuzioni extragiudiziali, stupri, molestie e le diverse forme di abusi fisici emersione e cattura l'attenzione dei media internazionali, nonostante una rigida censura.
Questa violenza sessuale e di genere è usato sia come rappresaglia per il dissenso politico e come arma per umiliare e instillare la paura all'interno della comunità.
La scala e la struttura dei casi di violenza sono stati descritti come "armi da guerra".
Secondo alcuni rapporti, le forze militari e paramilitari hanno presumibilmente assistito 'formazione' sul modo di umiliare le vittime in modo più efficace – tutto portando ad un peggioramento della situazione già deplorevole dei diritti umani nella regione dell'Ogaden.
Per ulteriori informazioni sulla situazione della democrazia e dei diritti umani in Ogaden, si prega di consultare il rapporto dell'UNPO recentemente pubblicato.
Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciassette − 9 =