ANCHE IL REGNO DELLE DUE SICILIE E’ INVASO


di Antonio Pocobello (tratto da: clicca qui)

BREVE STORIA DELLE DUE SICILIE
La storia della formazione dello Stato italiano è stata cosí mistificata che non è facile fornire un quadro abbastanza fedele di tutti gli avvenimenti che portarono all‘unità.
Dal 1860 in poi è stato eretto dal potere italiano un muro di silenzio sia attorno alle vere cause che questa unità hanno originata sia attorno alla resistenza del popolo duosiciliano contro l’occupazione piemontese (il cosiddetto brigantaggio), molti importanti documenti della quale sono stati fatti sparire o tenuti nascosti. 
Ancora oggi è impossibile consultare la documentazione archiviata; al suo posto è stata inventata quella ignobile oleografia che con felice espressione Gramsci definí "la biografia nazionale"
Nel 1130, notte di Natale, con una fastosa cerimonia Re Ruggero II sancí a Palermo la nascita del Regno di Sicilia. 
Tutto il Sud fu unificato come nazione indipendente con capitale Palermo. 
Quel 25 dicembre è una data simbolica: Ruggero II si presentava come il redentore di tutte le popolazioni del Sud della penisola dagli Arabi, dai Bizantini e dai Longobardi e nello stesso tempo annunciava al mondo la nascita di un regno cristiano. 
Questa unità durò piú di 700 anni fino al 1860, quando, a causa dell’invasione piemontese, le popolazioni duosiciliane perdettero la propria identità nazionale con la forzata unione con gli altri popoli della penisola.
Il governo normanno durò fino al 1194. 
Poi vi fu quello degli Svevi, il cui piú illustre rappresentante fu Federico II. 
Con l‘avvento degli Angioini nel 1266 la capitale del Regno di Sicilia fu portata a Napoli. 
A seguito dei "vespri siciliani" del 1282 la Sicilia fu occupata dagli Aragonesi e divenne Regno di Trinacria. 
Nel 1443 gli Angioini dovettero cedere agli Aragonesi anche la parte continentale del Regno: le Due Sicilie furono riunite con Alfonso il Magnanimo (Regnum utriusque Siciliae). 
Nel 1503 il Regno fu incorporato dalla Spagna, come vicereame autonomo; cosí come avvenne nel breve periodo austriaco, che va dal 1707 al 1734, anno in cui tutta la Nazione diventò nuovamente indipendente con i Borbone.
In questa breve sintesi tralasceremo i pur importanti avvenimenti del periodo relativo ai primi Borbone: Carlo, Ferdinando I e Francesco I.
Ricordiamo comunque che nel 1815 Ferdinando I unificò il Regno di Napoli e il Regno di Sicilia in un unico stato che fu chiamato Regno delle Due Sicilie. 
Fondamentali per la vera ricostruzione storica dell’unità d’Italia sono il periodo di regno di Ferdinando II, e quello del giovane Francesco II.
Sui Borbone sono stati raccontati moltissimi aneddoti, per lo piú tendenti solo a denigrarli allo scopo di ingannare l’opinione pubblica e di giustificare l’aggressione al Regno delle Due Sicilie. 
Indubbiamente la nazione duosiciliana, contrariamente a quello che ancora oggi si continua a leggere nei libri di storia, acquistata nuovamente la sua indipendenza, ebbe con i Borbone il suo periodo piú splendido e piú significativo. 
Eppure la storia è stata a tal punto mistificata che ancora oggi "borbonico" è sinonimo di inefficienza e di retrivo. 
Molti scrittori, inoltre, hanno raffigurato la situazione dei Territori Duosiciliani "dopo" che vi era stata la devastazione piemontese, attribuendo all’amministrazione borbonica le pessime condizioni sociali ed economiche in cui erano state ridotte le Due Sicilie a causa dell’aggressione savoiarda.
Il fatto piú spregevole è che tali menzogne, pervicacemente avallate da uno Stato che si definisce "italiano", cioè di tutti i popoli della penisola, sono insegnate come storia ufficiale ai nostri figli, i quali si formano in un culto che, non solo non è il nostro, ma che è stato creato proprio contro di noi Duosiciliani. 
Ma la storia, come si vedrà in seguito, è soprattutto narrazione di avvenimenti, che nella loro materiale concretezza non possono essere piú di tanto mistificati o nascosti.


Ma la storia non si smentisce con i falsi miti e il sud è un mito negativo tutto italiano… VEDI

Come al solito, la vera storia rivela scenari e realtà completamente diverse da quanto ci viene raccontato e ci viene fatto studiare dallo stato italiano.
Un sentito ringraziamento al Sig. Antonio Pocobello per averci trasmesso queste verità storiche e alle quali dedichiamo volentieri e doverosamente tutto lo spazio necessario.
Speriamo così che avvenga il "risveglio della coscienza" almeno in quegli onesti cittadini "ancora italiani" che speriamo siano scossi dall'imbarazzo di conoscere il vero volto di uno stato barbaro, cruento e ancor oggi manifestatamente inefficente e oppressivo.
Il MLNV sperando di riuscire presto nella sua "battaglia" di riconoscimento alle Nazioni Unite, spera proprio di creare i presupposti per il ripristino della legalità su tutti i territori di Popoli Liberi conquistati militarmente e con un'efferatezza tale da auspicare per lo stato italiano il deferimento ad una Corte di Giustizia Internazionale per crimini contro l'umanità.
Auspichiamo così la nascita di un Movimento di Liberazione Nazionale anche del Popolo Duosiciliano… siamo certi che l'unità d'intenti fra i nostri rispettivi Popoli potrebbe essere maggiore di quella imposta dall'infame stato italiano.
Sergio Bortotto Presidente del MLNV
1012637_371569006279391_889843496_n
Print Friendly, PDF & Email