RELIGIONI: RISPETTATELE, SENZA ATTACCAMENTO!

Spread the love
Luang Por Phosrisuriya Khemarato – www.rombodhidharma.com
 
luang-por1Se un buddista si aggrappa strettamente al buddismo, sbaglia e crea problemi dato che è attaccamento e questo è come una schiavitù.
Se un cristiano, un musulmano, un ebreo o un indù fa altrettanto, similmente sbaglia e causa problermi.
Per evitare ciò basta lasciare la presa e ciò che rimane è soltanto rispetto reciproco, come quello che hai per tuo padre e tua madre.
Infatti, se ti attacchi a loro diventa problematico.
Similmente accade con ogni religione; non importa quale chiesa, tempo o moschea frequenti: limitati a rispettare e non attaccarti.
Questo è universale.
Presso il tempio Rombodhidharma ci sono buddisti, cristiani, musulmani e persino ebrei.
Quando ognuno qui giunge, lasciare andare le proprie origini e sé stesso.
Se uno è buddista, lascia andare il proprio attaccamento al buddismo.
Non puoi aggrapparti a nessuna religione, setta o dottrina.
La mente non è libera.
Nel vivere assieme, se lasciamo andare ogni cosa, tutto tornerà alla sua ogirine universale, naturale.
Quella che non ha antenati, nazionalità né reiligioni.
Questo è in puro accordo con la Verità Naturale, la cui essenza è il non attaccamento.
L'elemento naturale, puro, non possiede ego nè orgoglio.
E' di già vuoto, già privo di significato, di già senza forma.
Elemento che è elemento in sé e per sé, sottoposto alla legge dell'impermanenza, per la quale tutto muta e circola automaticamente secondo la propria natura.
Questo è lo zenith della vita per ogni uomo.
Tuttavia, se tutti voi non siete ancora in grado di restitiruire gli elementi alla natura; se ancora vi attaccati a voi stessi, alle vostre menti, queste e quelle dottrine, dogmi, pratiche convenzionali, origini ancestrali, religioni ecc., non è ancora lo zenith bensì attaccamento fino a quando mollerete la presa arrendendovi e restituendo indietro ogni cosa che è solamente finta e truccata da esseri senzienti.
Rimandate tutto indietro.
Non è secondo oirgine.
Strappate le radici dell'essere senziente.
Il mondo e il Samsara (nell'insieme, le altre dimensioni e forme di esistenza) sono pieni di sofferenza e litigi, perché vi attaccate a troppe cose, come i legami familiari e di appartenenza alla razza fino alle forme mentali fatte di credenze e convinzioni.
Mettete assieme diverse fazioini religiose e poi vi attaccate dogmaticamente.
Vi radunate intorno a vari maestri e poi vi affezzionate a loro testardamente.
Vi tenete saldamente alle vostre false credenze, così tanto che soffrite e la vostra mente non rimane leggera.
Ogni religione presenta similitudini: innumerevoli lotte e disordini, incluso il buddismo.
Non solamente tra diverse relioni e all'interno delle stesse tradizioni religiose ma anche tra "il mio maestro" e "il tuo maestro".
Tutto ciò è causato dall'attaccamento.
Pure Luang Poro non vuole nessuna religione tuttavia così accade.
Lui è in questa veste.
Se fosse accaduto di essere in altra veste, in un'altra religione, comunque non vorrebbe nulla.
Si tratta soltanto di una forma di presentazione e non di attaccamento ai voti da monaco, alla sua veste o al capo rasato.
Tutto l'esistente è non attaccamento di per sé.
Si tratta soltanto di diverse manifestazioni dell'essere che vivono assieme ma senza che la mente debba attaccarsi alle forme manifestate.
L'attaccamento crea pesantezza.
Anziché attaccarsi a regole e prartiche, limitarsi a rispettarle.
Attaccarsi ad ogni immagine del Buddha è aggravante così come aggrapparsi alla croce.
Trasinarla qui e là.
Rispetto reciproco senza attaccamento e basta!
Quando incontrate un qualsiasi individuo che ha preso i voti di un'altra religione, setta o fazioine, ci limitiano a rispettare evitando, quindi, di scontrarsi e discutere.
In questro modo possiamo mischiarci con chiunque.
Chiunque, abbia preso i voti in una religione, trova realmente la Verità Naturale, si lascia alle spalle le proprie radici, si libera nell'universale, naturale, immanente Realtà del non attaccamento.
Allora ciò che rimane è solamente il rispetto reciproco.
Tutto qui.
Allora si giunge a che non vi siano offese.
Stop!
Lasciate che tutto accada spontaneamente, com ein natura ove nokn esiste la necessità di distinguersi l'uno dall'altro: ogni albero appartenente alla sua specie, vive assieme in una foresta senza doversi etichettare, contraddistinguere.
Quando giunge il tempo del decadimento e della scomparsa, ognuno decade e scompare.
Similmente, quando è l'ora di venire in esistenza, ogni piante, beché dissimile, nasce e vive assieme senza liti; l'intera foresta vive naturalmente senza che vi sia alcun attaccamento.
La Natura non fa distinzione tra specie e generi.
Se una pianta cresce sulla roccia, lo fa.
Se un'altra sul suolo, lofa.
Ognuno vive secondo le proprie condizioni di adattamento.
Questo è ciò che chiamiamo il meglio del meglio.
La verità originale naturale di tutto è il
N O N    A T T A C C A M E N T O
Vivere assieme constà solamente del rispettoe del supporto reciproci.
Basta e avanza!
Liberi da obblighi e aspettative gli uni dagli altri.
Ogni razza dovrebbe scendere fino a questo punto, senza trascinarsi dietro carichi che sono gravi per tutti.
Lasciar andare e basta!
Non avete bisogno di convertirvi ad un altra fede, lasciate andare tutto ciò che passa per la vostra mente, senza aspettative, senza fissare alcunchè, senza creare alun nesso tra cose (tramite analisi, opinioni, interpretazioni, critiche, giudizi ecc.).
Se tutto è già non attaccamento in sè e per sè, a che serve convertirsi?
Se loa tua mente persiste ad attaccarsi, quando cambierai credo religoso, perché deluso dal precedente, ti attaccherai nuovamente a quello nuovo.
Limitarsi a rispettare altre fedi è sufficiente!
Ogni volta che ti attacchi ad alcunché, lim iti la tua mente.
Si tratta di una trappola mentale, un vicolo cieco, un punto pericoloso e doloroso.
Non è un lato positivo, non consente di splendere ed aprirsi al mondo, vasto e ampio, al Samsara illimitato e sconfinato.
Non consente di espandere ed estendersi nell'universo.
Spalanca la mente a ciò che ti circonda con il rispetto, e vedrai che critiche, denigrazioni, offese ecc. saranno assenti, scompariranno.
Abusi e danni saranno banditi.
Dimentichi che esistono le Nazioni Unite?
Ogni stato, dal più piccolo al più grande, ognuno ancora rimane legato all'orgoglio de "il mio Paese" e il "tuo Paese".
L'ONU include ampiamente ogni nazione.
Ogni stato può fare appello all'ONU.
Il meglio di diso è dio in voi stessi, intendendo con questo che la vostra mente diviene divina, diviene un riparo per gli esseri di ogni sorta.
La mente è dio in voi stessi.
Paqrla di ciò che fa illumninare il mondo e il Samsara.
Quando servite la comunità internazionale, usate le vostre due mani, i vostri due piedi e la vostra unica mente, che sia inclusivas ed ampia.
Dare senza scegliere.
Dare e dimenticare è importante.
Evitare di dare aspettandosi qualcosa in cambio.
Ricordatevi bene di questo: se date per ottenere, il dasre agli esseri nel Samsara internazionale non è puro.
A riguardo, Luang Por ha ricevuto visite da gente di ogni religione, pure ebrei.
Ascoltando Luang Por e poi vanno oltre la religione alla quale appartengono.
Ciò che apprendono rilassa la mente, allevia la sofferenza e lo stress.
Non esiste forma a cui attaccarsi.
Rispettate con il vostro cuore ogni religione, nazione, popolo, origine ecc. beché possiate ancora preservare forme che resistono al modo buddista di prostrarsi a terra e mostrare rispetto alle immagini del Buddha ed ai monaci buddisti, timorosi che possiate diventare buddisti.
Limitarsi a unire le mani di fronte al viso è sufficiente.
Si tratta in effetti solamente di mostrare rispetto quindi non occorre nemmeno prostarsi così tanto.
Basta mostrare rispetto il che è in accordo alla Verità Naturale, senza che diventi attaccamento bensì rimanaga solamente rispetto reciproco.
Benedizione a voi!
c31330_c6322d605b3b4961942fa61f5ac92646

 

 

Rombodhidharma International Temple
Banlak 160, Nonghin District, Loei Province 42190, Thailand

 

photo
 
Print Friendly, PDF & Email