ATTUALITA

ARRESTATE QUESTI POLITICANTI DELINQUENTI.

i buffoni della politica hanno la faccia tosta di dire anche la verità sul covid.
Veri e proprio delinquenti che hanno violato diritti umani, civili e politici dei cittadini.
Come i delinquenti conclamati, seriali.
Tutto normale, “è sbagliato ma è così”.
Lo ha affermato Zaia con una nonchalance irritante nel corso della conferenza tenuta ieri nella sede veneta della Protezione Civile.
E la magistratura dov’è?
Sospesa, come la democrazia, come la Costituzione, come la figura del Presidente della Repubblica.
Quest’italia è fallita e criminale.

Print Friendly, PDF & Email

TRUMP EMANA 3 ORDINI ESECUTIVI A FAVORE DEL POPOLO E CONTRO LE ELITE!

Per il Presidente degli Stati Uniti d’America TRUMP questa del COVID19 è una pseudo/pandemia.
“Usiamo i farmaci e non i vaccini”.
Ed è così che il 24 luglio 2020, il Presidente degli Stati Uniti emana tre ordini esecutivi riguardo i farmaci:
1^ ordine = abbassare i prezzi per i pazienti;
2^ ordine = aumento importazione farmaci a prezzi più bassi;
3^ ordine = accesso a farmaci salvavita accessibili.



Print Friendly, PDF & Email

VACCINO COVID19… MAH APRIAMO GLI OCCHI!

Attenzione: Condividete e salvate questo video. E` stato rimosso in pochi minuti da Facebook



un commento su youtube:
Morris non serve a niente fare sapere ciò
La massa non vuole sapere.
Dal 1960 in ospedale ho visto mettere in congelatori
I resti di parti e aborti che poi venivano periodicamente a ritirare
Io ero molto giovane e non capivo il motivo di ciò, e nessuno voleva spiegarlo
Inoltre se esce un nuovo farmaco e non ci sono abbastanza casi per distribuirlo
Si fa in modo che qualcuno si ammali.
Come? in molti modi terapie sbagliate ,esami di laboratorio particolari
Anche trasfusioni di sangue…….
La massa non si è mai accorta di niente
Il vero ignorante e, colui che non vuole impare
Moriranno come cavie perché vogliono così.
Dopo tutto ciò che si sta rivelando come minimo dovrebbero scatenar l,inferno in terra….
Invece sanno solo dire…ahhh si. Che bruttoooo…..
Pazienza chi vivrà vedrà.

Print Friendly, PDF & Email

ZAIA MINACCIA IL TSO AI VENETI E POI LUI … E I SOLITI “ALTRI”

Assembramento alla festa di Bruno Vespa, con Zaia ed Emiliano?
GUARDATE DOV’ERA IL GOVERNATORE #ZAIA DOPO AVER MINACCIATO TSO AI PLEBEI VENETI
ERA AD UN INCONTRO A PRENDERE ORDINI IN UN COVO PIENO DI MASSONI SENZA MASCHERINE, SENZA DISTANZIAMENTO SOCIALE, AH SI LUI E’ IMMUNE, LUI E’ LUI E VOI NON SIETE UN CAZZO!
LA VERITA’ E’ CHE HA PRESO PER IL CULO TUTTI AD OGNI DIRETTA INDOSSANDO QUELLA PEZZA E MINACCIANDO CONTAGI E TSO!
FIDATEVI DI LUI VENETI, BRAVE PECORELLE “PAGA E TASI”! A PROPOSITO, LE AVETE PAGATE GIA’ LE MULTE PER PASSEGGIARE IN PAESE? AVETE GIA’ DIMENTICATO I SOPRUSI DELLE FORZE DELL’ORDINE E GLI ANZIANI TERRORIZZATI DALLE BALLE SUE E DI CRISANTI?
C’E’ SOLO UN PLEBEO CON LA MASCHERINA LI, GUARDATE!
“VENETO VERSI I OCI OSTIA!”
#MASSONERIA #VESPA
FONTE: Matteo Gracis (https://www.youtube.com/watch?v=KfWjjWOvsp8) (un bravissimo giornalista indipendente e onesto 👏🏻 consigliato)
ISCRIVITI A 🔗LIBERAESPRESSIONE (https://t.me/liberaespressione)

Print Friendly, PDF & Email

GENERALE DEI CARABINIERI IN PENSIONE PARLA DI MASSONERIA A TREVISO E DI LUCA ZAIA.

Ma che novità, ascoltate cosa accadde a Treviso.

Sveglia gente … basta dormire!
GENERALE DEI CARABINIERI IN PENSIONE
PARLA DI MASSONERIA A TREVISO E DI LUCA ZAIA.
Mi chiedo però perché parlare solo ora???
Certo meglio tardi che mai, ma quando era in servizio no???
Ma tutto questo non vi dice nulla circa l’inchiesta sulla Polisia Nasionale Veneta del 2009 e sull’inventato attentato a Luca Zaia che proprio noi del MLNV avremmo teso con una presunta e mai avvenuta imboscata all’allora ministro italiano dell’agricoltura a candidato per la regione veneto italiana???
Quanto si è disposti a rovinare famiglie e persone per bene per la propria visibilità mediatica e per una carega da politico italiano?
Con le elezioni amministrative imminenti c’era bisogno di un pò di pubblicità per questo povero uomo.
Ma di Luca Zaia non ce ne fregava nulla allora e ancora meno oggi, i fatti, forse, parlano da soli.
WSM
Venetia 9 luglio 2020
Sergio Bortotto
Presidente del MLNV e del GVP

Print Friendly, PDF & Email

LA SOCIOSOFIA NEL MLNV

Molte volte abbiamo sostenuto d’essere dei sognatori ed effettivamente lo siamo; un’unica cosa, la più importante, ci contraddistingue dagli altri ovvero il sognare a ragion di legge.

Marcel Proust diceva: “Se sognare un po’ è pericoloso, il rimedio non è sognare di meno ma sognare di più, sognare tutto il tempo”.

La maggior parte di noi sogna cose spesso impossibili da realizzare; ebbene noi abbiamo la fortuna di poter metter in pratica l’immaginato attraverso il diritto internazionale.

Mario Hausmann, autore del “Manifesto della sociosofia”, ha messo a disposizione uno strumento culturale in grado di far sorgere il buon senso per un futuro più armonioso. L’idea di fondo è che la mente del popolo sia in grado di risolvere i problemi in modo più ottimale rispetto a quello che farebbero i professionisti ingaggiati a tal proposito. Questa nuova filosofia sociale e politica, la sociosofia, si orienta alla natura prendendola come modello sia nel managment che nell’organizzazione pubblica e imprenditoriale. Hausmann racchiude in tre volumi il suo percorso: comprensione e codifica della realtà circostante, descrizione di metodologie e soluzioni utili, idee concrete per la trasformazione radicale del mondo.

Cos’ha fatto il MLNV fino ad oggi?

Per certi versi Hausmann non è stato poi così innovativo poichè il nostro movimento esiste da anni ed ha avuto obiettivi che, forse, possiamo ritrovare nelle sua nuova sociosofia.

Nell’intento di ripristinare la sovranità del Popolo Veneto dobbiamo essere ragionevolmente orientati dalla nostra cultura, dalle tradizioni e dalla comune fede nei valori cristiani. Trasparenza, correttezza, efficienza, spirito di servizio, collaborazione, reciproca valorizzazione: principi cardine del nostro codice etico nonché fondamento di una deontologia basata sull’onestà. Chiarezza e progettualità:

  1. ESPELLERE tutte le istituzioni straniere (sindacati, magistratura, …) nonché clandestini e criminali
  2. RIPRISTINARE i confini nazionali e di frontiera, della Polizia Nazionale e delle Cernide
  3. RESTITUIRE beni privati e pubblici espropriati illegalmente rivalutando e ricapitalizzando il danno subìto
  4. RISVEGLIARE l’identità nazionale con attenzione a cultura, storia, tradizioni, festività venete ma anche riforma scolastica e programmi didattici
  5. RIAPPROPRIARSI delle nostre risorse e servizi nazionali disponibili (trasposti, comunicazioni, …); valorizzare, potenziare, consolidare
  6. SOVRANITÀ MONETARIA ovvero Cassa Monetaria Veneta; reddito di cittadinanza e crediti sociali cumulabili
  7. RIFORMARE il lavoro sostituendo quello subordinato con la prestazione individuale a contratto continuativo o temporaneo; sistema pensionistico solo privato poiché garantito da un reddito di cittadinanza (crediti sociali) a vita
  8. MODERARE le obbligazioni tributarie con una imposta unica al 10% esclusiva ai consumi, non sui redditi, pari aliquota fiscale municipalizzata a tutti
  9. PREVIDENZA SOCIALE basata su di un’assicurazione obbligatoria unica e personale che copra rischi, infortuni sul lavoro, responsabilità giuridiche civili sia personali che professionali
  10. ABOLIRE i partiti politici; recupero, quale esempio, delle polis tipiche della civiltà greca e della Repubblica di Venezia, una democrazia diretta a rappresentatività limitata fatta di istituzioni orizzontali diversificate nelle competenze e non sovrapposte

I nostri pensieri, per quanto positivi, sono solo miraggi fino a che non vengono trasformati in azioni: sono quelle che contano!

Alice Lollo

 

Print Friendly, PDF & Email

FINCHE’ SARA’ ILLEGALE CI SARA’ DA GUADAGNARCI!

La storia della cannabis, conosciuta come pianta miracolosa sorella dell’uomo, si lega indissolubilmente alla storia dell’umanità . Tale pianta, fin dagli albori, ha rappresentato una fonte essenziale per la produzione di tessuti, carta, cibo, materiale combustibile oltre a fornire una vastissima gamma di rimedi medicinali. E’ una pianta molto resistente che non necessita di particolari diserbanti o pesticidi. Le principali pianti diffuse sono di due tipi: la sativa e la indica. Il composto chimico che provoca le alterazioni è il THC, presente solo nella foglia e nel fiore. Il resto della pianta è utile per molti altri prodotti. Dal fusto centrale si ricava la polpa utile a produrre la carta; i reperti più antichi risalgono all’impero cinese nel 4000 a.C. In Europa comparve solo nell’VIII secolo con Carlo Magno; la carta di cannabis fu anche da supporto per la stampa della prima Bibbia di Gutemberg. Dall’avvolgimento del fusto si ricava la fibra utile alla produzione di cordami e tessuti noti per qualità e resistenza.

Nel corso degli anni sono continuate le ricerche scientifiche che confermano l’uso terapeutico proficuo della marijuana.

Correlazioni con il cancro? No.

In una ricerca sul grado di tossicità e assuefazione, la marijuana detiene l’ultimo posto preceduta da nicotina, eroina, cocaina, alcohol e caffeina. Per tali ragioni sono in aumento anche i medici che ne sostengono l’uso terapeutico. Si tratta di identificare la marijuana come analgesico ovvero: diminuisce le probabilità di vomito e nausea nei pazienti chemioterapici, allevia le contrazioni muscolari in pazienti affetti da sclerosi multipla, aiuta i malati di AIDS (cit. dott. John P. Morgan).

Il dott. Grinspoon, uno dei maggiori esperti mondiali in materia, sostiene che questa continua proibizione sia il mero risultato di una diffusa ignoranza. Come spesso accade, sono i più deboli a pagarne il prezzo più alto. Ai governi non interessa che esista un rimedio in grado di rendere più decorosa una vita afflitta da mali incurabili. Perchè combattere la marijuana in modo così ostinato? Forse il problema non è tanto la pericolosità dei suoi componenti chimici, ma risiede nell’immenso potenziale che da sempre la pianta ha avuto a livello industriale.

Alice Lollo

 

Print Friendly, PDF & Email

MEDICINE: UTILI O DANNOSE?

Come di consueto, Stefano Montanari intervistato da Leonardo Leone. Di seguito i tratti salienti…

Le medicine sono utili o dannose?

Le medicine non sono ne buone ne cattive, sono uno strumento. Come un coltello: puoi pelare una mela o uccidere il tuo vicino di casa. Dipende da come le adoperi. Nella stragrande maggioranza dei casi sono dannose.

1968: prima lezione di facoltà con la preside la quale disse a noi matricole “ricordatevi che non esiste nessun medicinale che non abbia degli effetti collaterali dannosi. Quando somministrate un farmaco dovete ricordarvi di mettere su un piatto della bilancia gli effetti che vi proponete di ottenere, nell’altro gli effetti collaterali. Vedrete che tante volte il piatto pende vistosamente dalla parte cattiva.”

Christiaan Barnard, primo cardio chirurgo a fare un trapianto di cuore con successo presso l’ospedale di Città del Capo; l’ospedale aveva 36 farmaci a disposizione. Se voi apriste l’armadietto della signora Maria ne trovereste almeno il doppio. Noi siamo stati abituati a stra usare i farmaci.

Il farmaco molto spesso non è volto a guarire, ma a nascondere il sintomo. Il grande malinteso è quello di pensare che il sintomo sia la malattia. Bisogna andare alla radice della malattia, non alla manifestazione. Molte volte la manifestazione della malattia rappresenta la difesa del tuo organismo. La febbre è anche un sintomo, ma soprattutto lo scatenarsi delle tue difese. Sono il tuo esercito di difesa che sta lavorando. Quindi tu, in maniera ingenua, vai a combattere la febbre ovvero il tuo esercito. L’organismo aumenta la temperatura quando deve difendersi da un sacco di problemi. E  perchè lo fa? Perchè ad alta temperatura tutte le tue difese funzionano molto meglio. Dall’altra parte il tuo nemico ad alta temperatura si indebolisce. Tu sei più forte mentre il tuo nemico è più debole. Se tu combatti la febbre fai un grosso favore al tuo nemico. Le manie della tachipirina e del paracetamolo sono follia pura. Il paracetamolo è presente in Italia in 470 forme diverse ed è uno dei farmaci più dannosi che esistano. E’ il farmaco più usato ed abusato. “Un medico che ti dice che la tachipirina non è dannosa meriterebbe delle pene corporali.” 

Cercare di togliere la febbre è follia. Che la febbre alta dia le convulsioni è un falso: è la malattia che tu hai che può dare le convulsioni, non la temperatura.

“Tachipirina, cortisone, antibiotici: un cocktail che mi sarebbe costato la bocciatura all’esame di farmacologia nel 1970 col professor Luigi Molinengo.”  Oggi è la prassi. Servono per nascondere il sintomo e basta. Nel cocktail sono presenti antibiotici, inutili nella maggior parte dei casi in quanto se si tratta di virus tali farmaci non funzionano. Questo abuso di antibiotici è micidiale. Molto spesso si danno antibiotici a casaccio. Dare un antibiotico senza fare un antibiogramma è un po’ un terno al lotto. Questa è medicina, quello che si dovrebbe fare. Assumendo continuamente antibiotici si crea una selezione in quanto alcuni batteri sopravvivono ad ogni ciclo terapico: ne consegue la creazione di un batterio “rambo” impossibile da uccidere. Questo è un grosso problema. Avendo creato dei batteri super resistenti ti neghi la possibilità di usare determinati antibiotici. Le persone che abusano di antibiotici si rendono più vulnerabili nel caso in cui un giorno, gli stessi, dovessero servirgli per cose più importanti. Se tu dai antibiotici ai bambini, gli hai già messi sulla strada del massacro.

Bisogna lavorare in maniera tale da mettere il tuo organismo nella condizione peggiore per il tuo nemico, ovvero lavorare con la prevenzione. Noi cominciamo a massacrare i bambini ancor prima che nascano perchè somministriamo alle madri dei cocktail di farmaci assolutamente deleteri per i bambini. Le micro e nano particelle possono passare da madre a feto; non solo queste ma anche i farmaci. Una classe di farmaci micidiale per il feto sono i vaccini. Se si fanno ai bambini tutte le vaccinazioni obbligatorie, all’età di 13 mesi gli stessi avranno assunto una quantità di alluminio che è 28.000 volte superiore alla quantità tollerabile da un adulto. Appena nato gli viene subito fatta un’iniezione di vitamina K sintetica, farmaco inquinato (la vitamina k è un antiemorragico); tale iniezione viene fatta a casaccio e non ha alcun senso.

Le vitamine sintetiche non hanno la stessa funzione delle vitamine naturali.  Sebbene le vitamine naturali e quelle sintetiche abbiano la stessa composizione, perchè non funzionano allo stesso modo? Prendendo la vitamina naturale, oltre a quella prendi una miriade di altre sostanze che servono a potenziare la vitamina stessa.

La stupidità. Noi sanifichiamo l’ambiente, mentre invece dovremmo irrobustire il nostro organismo. Ma come si fa? Dobbiamo mangiare sano. Cosa devono evitare di mangiare i bambini? Prime fra tutte le merendine  nonchè le porcherie industriali. Le cose devono essere fatte in casa. No allo zucchero ma miele o succo di agave. Mangiate frutta e verdura. I cibi fermentati sono eccezionali. Medicina ed alimentazione vanno insieme. “Fa che il cibo sia la tua medicina”. 

“Un terzo di quello che mangi serve per nutrire il tuo corpo. Due terzi servono per nutrire il tuo medico”.

Chi vuole vivere bene deve mangiare bene.

Print Friendly, PDF & Email

SIAMO ALLA FRUTTA

Domenica, sole, famiglia: un quadro meraviglioso.

Pensi di poterti meritare una giornata di relax, in totale libertà e serenità. Quindi porti i tuoi figli a prendere aria sana, senza mascherina o strani cammuffamenti. Ti fermi, ti riposi e tenti di ordinare qualcosa da bere. In questo preciso momento tutto svanisce. Vedi un omino in divisa che data la mascherina ricorda molto Hannibal Lecter.

Pensi di aver diritto a stare seduto ad un qualunque tavolo, con la tua famiglia? Assolutamente no!

Allora ti chiedi se sei forse in discoteca, visto il buttafuori che gironzola davanti ai tavoli. Quest’uomo agisce e cito secondo “le direttive delle forze dell’ordine”. Perchè devi avere la mascherina e non la puoi togliere, ma al massimo abbassare. Non conta che tu sia con il tuo nucleo familiare, all’aperto e a distanza di sicurezza dagli altri. No. Tu devi essere schiavo del sistema. Devi rispettare un’assurda regola che ti può far ammalare. Allora ti informi e scopri che è stato lo stesso locale ad ingaggiare e pagare l’ente in questione. Proprio non ci siamo.

Ma quali forze dell’ordine? Quale stato? Quale ente?

Distanziamento sociale, terrorismo, folli regole: siamo alla frutta.

Stanno distruggendo ciò che ci è più caro e non ce ne rendiamo conto.

Chi è complice di questo sporco gioco ne ha la stessa responsabilità di chi lo conduce e ne detta le regole.

Chi dorme nella democrazia si sveglia nella dittatura!

Alice Lollo

Print Friendly, PDF & Email

PIU’ FORTI DI PRIMA

A distanza di tre mesi dall’ultima volta, ieri si è svolta un’importante e doverosa riunione presso la sede del MLNV.

Cogliamo l’occasione per ringraziare gli instancabili sempre presenti, ma ancor di più le new entry.

Vedere di domenica pomeriggio cosi tante persone è stato appagante e davvero significativo.

Come sempre non diamo nulla per scontato e vogliamo sottolineare la volontà d’esserci di ognuno, presenti in sede e molti altri collegati.

Ringraziamo il presidente che, come sempre, ha saputo cogliere il nocciolo di ogni questione: domande, riflessioni e notizie importanti.

La Dichiarazione Unilaterale di Indipendenza ha segnato la svolta e se ciò è avvenuto è solo grazie alla perseveranza dirigenziale.

Come purtroppo è stato sottolineato ieri, nessun tipo di comunicazione/pubblicità ci è concessa. E sapete perchè? Perchè abbiamo ragione. Perchè siamo scomodi.

Le numerose presenze però c’hanno confermato che stiamo lavorando nel modo giusto, nessuno può bloccare ostacolare o fermare un percorso a norma di legge. E’ un nostro diritto.

Viviamo nell’era dei social media e delle telecomunicazioni, eppure siamo riusciti ancora una volta a divulgare il nostro messaggio sincero e positivo.

Per i nostalgici della vecchia scuola in termini di comunicazione, oserei dire che questo è il metodo più sano e proficuo.

Possiamo fare a meno di facebook, twitter, instagram, radio, televisione; noi siamo abituati a guardarci negli occhi, a confrontarci, a discutere, a capire e captare le soluzioni più adatte. In fondo la “vecchia scuola” ha fatto passi da gigante e spesso ha dato svolte epocali nella storia.

Siamo sognatori, ma con i piedi per terra. Pratici, ligi al dovere, rispettosi e riconoscenti. La consapevolezza fondamentale è solo una: “so che ce la faremo!”, parola di Jack fido guardiano.

Alice Lollo

Print Friendly, PDF & Email

LA MASCHERINA E’ PERICOLOSA

Ci dobbiamo proteggere, ma non farci del male!

Queste le parole di Leonardo Leone in un’intervista al dott. Stefano Montanari.

Di seguito i tratti salienti…

Le mascherine: perchè non fanno bene?

Io devo rendere compatibile la mascherina con la tua vita. La mascherina di carta è una truffa. Non ha importanza la tipologia della mascherina. Quando voi respirate emettete vapore; quando la stessa si bagna prende i virus che stanno fuori, batteri, funghi, parassiti e vengono lì concentrati. Questo agglomerato di “sostanze nocive” viene da noi stessi portato a spasso per ore. A causa di questi patogeni ci ammaliamo, o rischiamo di ammalarci.

Il coronavirus è solo uno dei molti miliardi di virus che esistono.

Quando porti la mascherina ed espiri, buttando fuori quello che i tuoi polmoni hanno deciso essere scarto ovvero l’anidride carbonica, si ha un impedimento nel buttarlo fuori. Inevitabilmente ributti dentro l’organismo l’anidride carbonica, cioè il tuo scarto. Il sangue va in ipercapnia ovvero situazione in cui l’organismo ha un eccesso di anidride carbonica; significa portare alle cellule non più ossigeno ma il loro scarto.

Quando si è in ipercapnia si va anche in acidosi, il ph si abbassa. Più il ph è basso più l’organismo ha facilità nell’ospitare malattie. La malattia più “vistosa” che si instaura con l’acidosi è il cancro.

Ma cosa c’è scritto sulla mascherina? Attenzione:

  • non è un presidio medico
  • non è un dispositivo di protezione individuale
  • non è provvista di marchio CE
  • dona una sensazione di protezione
  • difende dalla polvere, ma non le vie respiratorie di chi la indossa
  • assorbe le esalazioni evitando la fuoriuscita di schizzi di saliva

In pratica?!? Ti stiamo prendendo per i fondelli perchè c’hanno detto di farlo!

Bambini che vanno in bicicletta, che corrono, con i pattini, con lo skateboard indossando la mascherina: questa è ignoranza che può far male. Chi impone questa regola dovrebbe prendersi anche la responsabilità del caso. Invece cosa accade? Io ti obbligo a farlo, tu muori e sono anche fatti tuoi.

Quando dici a tuo figlio che deve indossare la mascherina ed evitare il contatto, lo stesso cresce pensando che “l’altro” sia il nemico. Lui non ha amici ma potenziali assassini che lo circondano. Ma che vita è? Come crescerà?

NON CI SONO MASCHERINE UTILI.

Chiunque ragionasse in maniera dietrologica potrebbe dirti “quella è la maniera per renderti schiavo, è il marchio per cui tu cedi te stesso. E’ il simbolo del fatto che tu cedi te stesso a qualcun’altro”.

Il nostro organismo contiene un minimo di 1,5 kg di batteri; sono su tutto il corpo, principalmente nell’intestino. Questi batteri sono fondamentali, ma noi li distruggiamo. Una parte di questi batteri sta sulla nostra pelle. Questi batteri sono classificabili come fagi: mangiano gli aggressori, ovvero altri batteri-virus….quindi la nostra pelle è strutturata in maniera tale per cui quando siamo aggrediti da altri agenti patogeni abbiamo subito una difesa. Noi mettiamo il guanto: i nostri batteri non riescono più a combattere gli agenti esterni.

Contro l’ignoranza cosa si può fare?

Le persone sono così lobotomizzate che oltre ad indossare la mascherina nel posto pubblico la stanno utilizzando anche dove non serve. La tv sta facendo male. Le persone si sono programmate e rintronate con la tv.

 

Print Friendly, PDF & Email

RESPONSABILITA’ DIGITALE

La nuova didattica a distanza ha creato nuove emergenze in materia di cybergbullismo e responsabilità digitale.

Cybergstupidity, happy slapping, flaming, spamming, stalking, harassment, sexintg: purtroppo non sono parole in codice ma rappresentano il volto nascosto della cittadinanza digitale. La sfida educativo-pedagogica legata all’evoluzione delle nuove tecnologie è diventata un tema molto sentito da ogni esperto sul campo. Oggi il docente si trova ad avere ulteriori responsabilità in qualità di mediaeducator, trovandosi così a dover non solo accompagnare gli studenti, ma controllare e censurare. Delle recenti statistiche hanno affermato che il 45% dei ragazzi dai 9 ai 17 anni è vittima di cyberbullismo. Perchè nessuno ne parla?

Oggi più che mai viene rivendicata ai docenti la responsabilità di aiutare i ragazzi in difficoltà in quanto oggetto di prevaricazioni on line e, non da ultimo, sensibilizzare le generazioni sugli eventuali rischi della rete. Non stiamo forse andando oltre? Sono davvero competenze dei docenti? Non si sta snaturando il loro ruolo primordiale?

Dirigenti, docenti e genitori in qualità di agenzie educative sono chiamati a fissare con decisione ciò che è lecito e ciò che non lo è in rete. Fondamentale è far capire che ogni atto illegale è un reato perseguibile.

Alice Lollo

 

Print Friendly, PDF & Email

CRIPTOVALUTA E MICROCHIP

Teorie della cospirazione? In questo periodo ne abbiamo lette per ogni gusto.

Complotti, scie chimiche ed infine il microchip 060606 che dovrebbe essere inserito nel corpo per monitorare l’attività fisica di una persona. Una sorta di videogame: più la resa è soddisfacente, più si ha la possibilità di ricevere bonus da spendere

La realtà è un’altra. Non esiste alcun microchip, controllo mentale o quant’altro. La tecnologia proposta riguarda oggetti indossabili come accade già attraverso cellulari o smartwatch. Il brevetto non è ancora stato concesso alla Microsoft e non possiamo nemmeno affermare che sia di Bill Gates.

Il nome di Bill Gates è in continua citazione poichè ultimamente relazionato ad ogni tipo di argomento: aziende farmaceutiche, vaccinazioni, finanziamenti all’OMS. E’ pur vero che ogni tipo di fake news, anche la più menzognera, ha avuto un iniziale e veritiero punto di partenza. I media globalisti tentano in ogni modo di difendere l’immagine del magnate, facendolo apparire quale “buon filantropo” da difendere su tutti i fronti.

Riusciranno a preservare la sua aurea nascondendo la fitta rete di collegamenti che lo contraddistinguono?

Alice Lollo

Print Friendly, PDF & Email

5G E MINACCE

Perseveri il bene della popolazione? Vuoi difendere la salute dei cittadini? Vuoi presentare un’alternativa, forse scomoda, alle regole dettate dai colossi dell’industria?

Vieni minacciato! Nulla di nuovo: ordinaria amministrazione italiana!

Questo è quanto successo al dott. Nicola Limardo, noto fisico, docente universitario nonchè ricercatore internazionale.

Limardo ha provato a proporre un prodotto che potrebbe, documenti alla mano, ridurre significativamente o annullare gli effetti di disturbo delle microonde sull’uomo (5G).

La presentazione del prodotto è costata a Limardo una denuncia all’associazione Altroconsumo, la quale avrebbe valutato tale prodotto “inutile” semplicemente basandosi su di una mancanza di prove specifiche; l’ente non avrebbe messo in discussione la possibile validità del prodotto seppure considerandolo futile.

Il 14 aprile Limardo, intervistato da Leonardo Leone, rilascia una lunga intervista dove dimostra la possibile minaccia del nuovo sistema 5G, suggerisce possibili protezioni e spiega ai sindaci come sia possibile tutelare i cittadini. L’incontro ebbe succeso tanto che, la sera stessa, lo scomodo Limardo viene attaccato nonchè minacciato in vario modo: telefonate, blocco di whatsapp colpito da un hacker, attacchi denigratori tramite social network, mail che invitavano a non trattare più l’argomento…innumerevoli attacchi rientranti appieno nella diffamazione.

Di seguito l’integrale intervista.


Quando le informazioni per un articolo vengono procurate inesatte si rischia di fornire una distorta informazione, ecco perché la professionalità della direzione editoriale conferma l’etica con la quale lavora, bene Direttrice!
Sergio Bortotto.

2020.05.22 – ERRATA CORRIGE: da parte di un collaboratore aziendale “EDILNATURA”
Limardo è un architetto non un fisico … ha anche studiato fisica.
Come precisato nell’articolo e a scanso di evetuali equivoci, il Sig.Limardo è stato costretto a denunciare alcune associazioni che avrebbe dichiarato che il suo nano-processore sarebbe una “bufala” e un “prodotto ingannevole”.

Print Friendly, PDF & Email

ENERGIA PULITA

La catastrofe ambientale è la conseguenza del voler volontariamente inquinare.

Perchè non viene fatta una coalizione in tutto il mondo favorendo lo sviluppo delle automobili ad idrogeno, eliminando completamente quelle a carburante? Semplicemente perchè il petrolio diventerebbe obsoleto e l’industria cadrebbe.

Abolire l’ignoranza e far sapere che queste cose esistono è il primo passo.

Print Friendly, PDF & Email

INQUINAMENTO ATMOSFERICO

In che modo iniziammo a far ammalare il nostro pianeta?

Le prime forme di inquinamento atmosferico o compromissione della salute dell’essere umano in seguito ad azioni che esso stesso svolgeva vanno ricercate nelle caverne quando i cavernicoli non sapevano gestire le fiamme dei fuochi; la fuliggine sul soffitto di alcune caverne ne è la prova.

Il vero boom che dette inizio all’inquinamento atmosferico così come lo conosciamo è stata la rivoluzione industriale.

Un avanzamento tecnologico che va a discapito della natura che ci ospita non è vera evoluzione ma egoismo.

Avete mai sentito dire che stiamo prosciugando le risorse del nostro pianeta?

Ecco…per quanto riguarda il petrolio succede che per formarsi ci mette milioni di anni.

L’energia pulita esiste e non viene utilizzata poichè una cerchia ristretta di persone si deve arricchire a discapito della natura e del nostro pianeta.

Se chiunque sul pianeta Terra si facesse un esame del sangue e cercasse dei metalli pesanti ce li troverebbe; piombo, mercurio ed arsenico sono i più presenti.

Dall’aria che respiriamo, all’effetto serra e problematiche legate al pianeta.

Senza l’effetto serra la vita sul pianeta sarebbe compromessa. Abbiamo immesso nell’atmosfera una quantità tale di gas serra tali da non permettere il normale funzionamento dell’effetto stesso. Il surriscaldamento globale ne è una conseguenza.

Per alcuni studiosi e altri premi Nobel è in corso la sesta estinzione di massa sul Pianeta: il 99% delle specie esistite sul Pianeta si è estinto.

Print Friendly, PDF & Email

SALVIAMO I BAMBINI

All’incirca 250.000 soggetti tra i 14 e i 24 anni soffrono di dipendenza da internet, altri 1,4 milioni sono considerati internauti problematici (Mechthild Dyckmans, 22 maggio 2012). Per assurdo, mentre l’uso di alcool – nicotina – droghe leggere e pesanti hanno registrato una diminuzione, la dipendenza da computer ed internet sta aumentando drammaticamente. Nell’arco di cinque anni la dipendenza dai videogiochi è triplicata. Nei casi clinici di dipendenza da videogiochi e internet la vita degli stessi è completamente distrutta (Manfred Spitzer, Demenza digitale-Come la nuova tecnologia ci rende stupidi). Non molti anni fa i medici della Corea del sud, paese noto per essere molto avanzato in ambito tecnologico, ha riscontrato un aumento nei disturbi della memoria, dell’attenzione, della concentrazione, appiattimento emotivo nonchè una generale ottusità. Tale quadro è stato definito “demenza digitale”.

La premessa appena fatta è estremamente attuale viste le direttive del governo italiano per quanto riguarda la didattica a distanza. E’ davvero necessaria tale metodica? Esistono effetti negativi sui bambini/ragazzi?

Secondo la moderna ricerca neuroscientifica l’utilizzo dei media digitali solleva problematiche più generali. Partendo da una situazione in cui il cervello muta in continuazione, pare chiaro che un quotidiano contatto con i mezzi di comunicazione digitali possa portare a degli effetti sugli utenti. Nell’ambito della neurobiologia, una della scoperte più significative fu il processo secondo il quale il cervello si modifica in maniera permanente attraverso l’uso. Il cervello, imparando sempre, acquisisce delle tracce indelebili anche attraverso l’uso dei media digitali. I processi ed i meccanismi che condizionano abilità cognitive come l’attenzione, l’evoluzione del linguaggio o l’intelligenza sono diversificati. Quando parliamo di demenza digitale facciamo riferimento  a problemi riguardanti il rendimento mentale, il pensiero, la capacità critica.

La surreale situazione di interminabile emergenza sta portando a suggerire un protrarsi della didattica on line, classi divise a turni con l’aggiunta di distanze di sicurezza. Vogliamo che questa situazione si trasformi in regola socialmente accettata? Dev’essere cessato questo fasullo stato di necessità per tornare al più presto alle sane abitudini nonchè dinamiche inerenti l’istruzione. Questa deriva autoritaria è uno scempio da abolire poichè non possiamo accettare di far scomparire i sogni dei nostri figli: parlare di autismo digitale non è follia, ne tanto meno fuori luogo. La reale follia è sentir parlare di braccialetti elettronici distanzianti e vibranti per bambini in età da asilo.

“Il distanziamento in bambini in età pre-scolare è estremamente più dannoso di un distanziamento applicato a bambini di età superiore o in adulti. Un conto è inibire ad una persona che sa andare in bicicletta l’uso della stessa, altro è impedire ad un individuo che non ha mai imparato ad andarci la possibilità di poterlo fare. Il gioco è essenziale per uno sviluppo armonico della personalità del bambino. Applicare i braccialetti distanzianti in un bambino di 2 anni significa distruggere la sua capacità di sviluppare le potenzialità che sono insite in lui, significa creare l’handicap dove non c’è, significa creare forme di autismo in soggetti che non presentano segni. Fare questo è un deliberato crimine.” (Andrea Tosatto, psicologo clinico)

Alice Lollo

Print Friendly, PDF & Email