COMUNICATI

“IL FATTO QUOTIDIANO” INTERVISTA IL MLNV

logo-headerAppena terminata un'intervista televisiva con due giornalisti de "IL FATTO QUOTIDIANO", arrivati fin quì in sede e che con molta disponibilità e correttezza hanno voluto comprendere bene le ragioni del MLNV e il percorso intrapreso.
Ad un certo punto, dopo i chiarimenti e la lettura della dichiarazione di sovranità personale e di nazionalità Veneta, è stato chiesto perché tanto accanimento contro il MLNV da parte dello stato italiano
… e la risposta è giunta naturale e spontanea
… probabilmente state facendo il percorso giusto
… e questo fa paura.
Credo abbia anche colpito molto il fatto che il MLNV non è un partito politico e che non ha bisogno di contrapporsi alla lega nord perché per noi è un soggetto partitico italiano nel quale non ci identifichiamo e che sicuramente non può parlare a nome del Popolo Veneto.
Qualcosa finalmente si muove anche nell'ambito mediatico e lo "sdoganamento" del MLNV sta avvenendo in modo propositivo.
Siamo l'alternativa al nulla rappresentato dal sistema italiano, al nulla rappresentato dai "venetisti" Patrioti a tempo determinato che si dimenticano di essere Veneti quando ci sono le appetibili careghe delle elezioni straniere italiane.
Siamo l'alternativa anche ai ciarlatani e inbonitori di turno che vantano riconoscimenti Onu inesistenti o un assuro e ridicolo primato di visibilità.
Non credete a questi gretti ometti la cui ignoranza giuridica e culturale sono pari solo al razzismo e alle irripetibili offese verbali partorite contro chi chiede loro chiarezza.
Abbiate ancora un pò di pazienza e presto ritroveremo l'agognata libertà.
WSM
Venetia 20 luglio 2015
Sergio Bortotto, Presidente del MLNV e del Governo Veneto Provvisorio.
 
 

“SUICIDI DI STATO” … INCONTRO CON RITA ZANIBONI.

Ieri sera presso la sede della ditta LAGO in via dell'Artigianato II° n. 21 a Villa del Conte (Pd) alcuni membri del direttivo del MLNV hanno partecipato ad una conferenza tenuta da Rita Zaniboni concernente un drammatico ma attualissimo tema quello sull'eccidio del Popolo Veneto (e non solo), ovvero i “suicidi di stato”.
Con garbata fermezza e premurosa sensibilità umana questa donna ha illuminato con la sua determinazione la tragicità del problema, spesso e dolosamente occultata dalle responsabilità politiche del sistema italia.
Tutti hanno convenuto che è necessario creare una rete di solidarietà per aiutare chi vive questa drammatica situazione non dimenticando che proprio in momenti come questi, la fragilità umana, la dignità personale  e lo scoramento spesso acuiscono il senso di abbandono e di isolamento e l’incapacità per molti di chiedere aiuto.
Il MLNV è intervenuto con decisione soprattutto nel denunciare il “sistema italia” e le sue dirette responsabilità per la crisi economica palesando anche la scandalosa pretesa dello stato italiano di monopolizzare anche la solidarietà che da sempre contraddistingue pure il Popolo Veneto.
Per riuscire ad essere realisticamente risolutivi è necessario recuperare la legalità sui nostri territori e quindi le nostre più sane e cristiane tradizioni.
Oggi la società vive una programmata e voluta crisi che non è solo economica ma anche di legami e relazioni.
Lo stabile e tradizionale sistema di valori è stato minato di proposito con finalizzate e insidiose dinamiche di suggestione sociale che vogliono imporre mutamenti e stili di vita che non ci appartengono.
Semplicità e meno burocrazia, vera solidarietà umana che travalica i muri degli alveari in cui ci vogliono far vivere senza conoscerci.
La tradizionale società patriarcale, scandita da regole alle quali tutti si conformavano e da una rigida e autoritaria morale costituisce comunque il nostro “patrimonio genetico” e non può essere cancellato e ignorato, come oggi si tenta di fare.
Siamo il frutto di ciò che i nostri genitori, i nostri nonni, i nostri avi sono stati in passato, con i loro errori, sacrifici, eroiche, epiche e ordinarie scelte di vita.
Noi dobbiamo aspirare ad una società libera e dobbiamo ripartire dai valori che creano ed onorano i nostri legami e le nostre relazioni e la via tracciata dalle tradizioni, dalla storia, dalla cultura del nostro Popolo sono una fonte di ricchezza e questo da molto fastidio a chi non vuole un Popolo risvegliato e cosciente.
Unica nota dolente la sconcertante pretesa di qualcuno di servirsi di quell’incontro per chiedere cospicue donazioni in favore di una sua attività.
Un grazie anche a Rosanna che ha organizzato e consentito quest'incontro.
Grazie, Rita.
Con onore e rispetto.
WSM
Venetia 12 maggio 2015
Sergio Bortotto, Presidente del MLNV e del Governo Veneto Provvisorio.
approfondisci: (CLICCA QUI)
 

07.05.2011 – CONFERENZA STAMPA SULLA STORICA IMPRESA PATRIOTTICA DEI SERENISSIMI E CONTRO L’IMPOSTAZIONE ANTI-VENETA DELLA VISITA DEL PAPA.

Per ragioni ambientali legate alla prossima visita del Papa a Venezia (7/8 maggio), si ritiene opportuno anticipare e spostare la conferenza stampa commemorativa della presa del campanile del 1997 a sabato 7 maggio, ore 16, in Campo Santa Fosca, davanti al Monumento a Paolo Sarpi, eroe dell’indipendenza della Serenissima.
Dalle 16 alle 16.15 sarà osservato un quarto d’ora di silenzio per protestare contro l’impostazione antiveneta data alla vista del Pontefice (“Il Papa visita il NordEst”).
Il Veneto non è il NordEst!
 
Indipendentisti ricordano in silenzio l'impresa dei Serenissimi dell'8/9 maggio 1997 che diede inizio alla Risorgenza Veneta.
La spiegazione della comunicazione silenziosa sarà fornita in un testo scritto che sarà consegnato ai giornalisti presenti. Partecipate.
 
 

07.05.2011 – SON VENETO E NON VOTO A ELEXION FORESTE TAJANE.

RIPRENDIAMOCI LA NOSTRA LIBERTA'… NON ADANTE A VOTARE, NON SERVE A NIENTE NEPPURE CON QUEI PARTITI CHE SI PROFESSANO INDIPENDENTISTI, NON CREDETECI, NON E' COSI' CHE SI ARRIVA ALL'INDIPENDENZA.
 

11.12.2011 – LA LIBERTA’ NON PUO’ ATTENDERE…

Ci mancava proprio.
Al pietoso scenario politico che l’italia di oggi riserva al mondo intero, non poteva mancare l’ennesima sortita del politicante veneto di turno che titola il suo addolorato appello in questo modo: “LA LIBERTA’ NON PUO’ ATTENDERE”.
Ed è così che Francesco Falezza, dopo un anno del suo silenzio, celebra con prosopopea il ritorno alla “politica” [… purtroppo, se torno a scrivere dopo più di un anno di silenzio, significa che c’è un problema…]; ma vah?
Siamo proprio quasi alla “sceneggiata napoletana”, povero Mario Merola.
Il messaggio lanciato è comunque inquietante per la similitudine di strategia mediatica che è tipica degli avvoltoi della superstite politica.
Il proclama viene subito sgomberato dalle ambiguità che potrebbero inquinare il suo scopo.
Si precisa subito, infatti, che la litigiosità e la divisione della politica veneta ha come conseguenza l’inefficacia e l’inconcludenza dell’azione politica stessa.
Ancora una volta ci viene propinato il “veleno” che da almeno 150 anni ci appesta l’esistenza, ci fiacca e ci sottomette agli interessi partitocratici della politica.
Ancora una volta ci viene ribadito che la nostra libertà di Popolo e di Nazione non può prescindere dall’efficacia dell’azione politica, che la nostra libertà di Popolo e di Nazione non è un diritto naturale così come previsto anche dalla legge stessa.
Ma c’è di più.
Come da copione, all’ arrogante premessa, segue la minaccia delle conseguenze a cui ci si espone se non ci si affida, e in fretta, alla nuova aggregazione politico/partitica proposta.
E’ il dramma: “ Nessuno si illuda che il fallimento dell’Italia comporti la automatica liberazione del Veneto, l’unica cosa di automatico che avverrà sarà una pseudo dittatura all’italiana, mascherata da pseudo democrazia, che ci farà pagare fino all’ultimo euro (o lira se ne usciremo) il debito fatto in 145 anni di sciagurata e criminale dominazione italiana delle terre venete, in parole povere, riassaggeremo la tassa sul macinato, triste esperienza dei nostri bisnonni …”
Alla diagnosi ecco la ricetta.
L’esortazione del Popolo alla mobilitazione.
L’illusione di riconsegnare ai cittadini la propria sovranità è ancora una volta il trucco consolidato di questi ipocriti.
L’ennesimo espediente utilizzato è quello di proporre una compagine politico/partitica che confonda i cittadini.
Con il fallimento della politica delegata e la nausea per i partiti, questi sciacalli si propongono per ciò che non potranno mai essere… UN COMITATO DI LIBERAZIONE NAZIONALE.
Ma che combinazione, che analogia nei termini con il MOVIMENTO DI LIBERAZIONE NAZIONALE DEL POPOLO VENETO che si è costituito come previsto dalla stessa legge e che non potrà mai essere un partito politico.
Ma chi c’è dietro questa proposta?
La debolezza e l’ambiguità del messaggio è infatti presto svelata.
Ancora una volta si parla di “Veneto”, ed è evidente il riferimento al territorio veneto quale espressione dell’ente regione veneto che nulla ha a che fare con i territori della nostra Patria, la Nazione Veneta.
Si parla di collaborazione di tutte le forze politiche e associazioni che desiderano l’autodeterminazione del popolo Veneto … attenzione, perché le forze politiche e le associazioni attualmente costituite lo sono solo in ambito straniero italiano e non si parla di Popolo Veneto.
Ancora una volta il Popolo Veneto deve farsi rappresentare da partiti, associazioni, movimenti … e i cittadini che non si riconosco in queste aggregazioni, chi li rappresenta, conoscete il termine “democrazia” ovvero governo del Popolo, sovranità popolare ?
Perché mai il Popolo Veneto per riavere la propria libertà che gli spetta di diritto deve farsi rappresentare da partiti, associazioni e movimenti costituiti secondo le regole e nell’ambito dello stato straniero occupante italiano ?
Ma c’è ancora di più.
Subito dopo si precisa che tutte queste forze politiche e associazioni dovranno assoggettarsi ad un “piano” che si muove all’interno della legalità italiana e internazionale, democratico e non violento.
Esiste dunque un “piano” e viene precisato che: “questo “piano” sono anni che aspetta che ci sia qualcuno lo metta in pratica!!!”
E ancora si dice che: “Il piano di liberazione ce l’abbiamo già, è uno studio congiunto e unanime, durato più di un anno,  fatto con la collaborazione di tutte le forze politiche e associazioni che desiderano l’autodeterminazione del popolo Veneto”.
Questa è un’emerita menzogna.
Nessuno ha mai contattato il MOVIMENTO DI LIBERAZIONE NAZIONALE DEL POPOLO VENETO che non ha mai progettato alcun piano di liberazione con nessuno, nonostante questo MLNV sia costituito dal 2009.
Vi mettiamo seriamente in guardia da queste volpi, da questi artisti dell’inganno politico.
Non a caso il MLNV è stato costretto più volte a prendere  le distanze dall’ambiguità di molti personaggi che si dichiarano indipendentisti, pacifisti, non violenti … ma che con il loro protagonismo, la loro boria e purtroppo spesso anche con la loro prepotente ignoranza, inquinano il processo legale intrapreso da questo MLNV per ridare la sovranità al Popolo Veneto.
Il MOVIMENTO DI LIBERAZIONE NAZIONALE DEL POPOLO VENETO è costituito nell’ambito delle norme del diritto internazionale e sempre agirà secondo tali leggi e con la massima trasparenza.
Non rinunciamo alla nostra libertà e non affidiamo la nostra rappresentanza a nessun partito, a nessuna associazione e a nessun movimento, ancor più se costituito nell’ambito dello stato straniero italiano.
Viva San Marco
Sergio Bortotto, Presidente del MLMV
La libertà non può attendere…
pubblicata da Francesco Falezza il giorno domenica 11 dicembre 2011 alle ore 23.08.              
Purtroppo, se torno a scrivere dopo più di un anno di silenzio, significa che c’è un problema … il problema è la litigiosità e le divisioni della politica veneta che hanno come conseguenza l’inefficacia e l’inconcludenza dell’azione politica stessa.
In questo periodo non servono “ciacole” e “barufe”, ma azioni politiche efficaci e mirate!
Nessuno si illuda che il fallimento dell’Italia comporti l’automatica liberazione del Veneto, l’unica cosa di automatico che avverrà sarà una pseudo dittatura all’italiana, mascherata da pseudo democrazia, che ci farà pagare fino all’ultimo euro (o lira se ne usciremo) il debito fatto in 145 anni di sciagurata e criminale dominazione italiana delle terre venete, in parole povere, riassaggeremo la tassa sul macinato, triste esperienza dei nostri bisnonni…
E’ venuto il momento di mobilitarsi e in questa situazione è la base che si deve muovere, perché nulla ci verrà regalato! Se vogliamo  la nostra libertà ce la dobbiamo costruire, ce la dobbiamo conquistare!!
Dobbiamo agire subito!
Non possiamo attendere che si risolvano questioni che non si risolveranno mai . . . se aspettiamo!
Costituiremo un COMITATO DI LIBERAZIONE NAZIONALE o d’azione o di base, come vi piace chiamarlo,  con il compito di individuare le azioni da fare e metterle in pratica da subito!
Il piano di liberazione ce l’abbiamo già, è uno studio congiunto e unanime, durato più di un anno,  fatto con la collaborazione di tutte le forze politiche e associazioni che desiderano l’autodeterminazione del popolo Veneto, è un piano che si muove all’interno della legalità italiana e internazionale, democratico e non violento  . . . sono anni che aspetta che ci sia qualcuno lo metta in pratica!!!
Ci troveremo domenica 18 dicembre alle ore 10:30 nella salone delle conferenze dell’Hotel VENICE  a Grisignano (Vi, a 200 metri dall’uscita dell’autostrada) per la presentazione del piano e la costituzione del comitato.
Programma della riunione:
10:30 Presentazione del piano d’azioni
11:30 Domande e risposte di chiarimento
12:00 Raccolta adesioni al COMITATO DI LIBERAZIONE NAZIONALE
12:30 Fine lavori
Vi spettiamo numerosi

2009.11.09 – CODARDIA DI UN VENETO POLITICANTE E LE GRATUITE OFFESE DI GIANLUCA PANTO (P.N.V. ORA VENETO STATO).

ecco i veneti  codardi e politicanti di turno che vogliono l'indipendenza; probabilmente non servono parole… si commentano da soli.
 
 
 gianluca-panto
 
 
 
di Gianluca Panto
(gia Segretario del Partito Naxional Veneto ora confluito nel partito VENETO STATO)
ovviamente ora anche candidato alle elezioni amministrative straniere italiane… da buon "indipendentista". 
 
 
 
Il 5 Novembre 2009 è un altro giorno storico per la nostra nazione Veneta.
Non l’anniversario di Vittorio Veneto, non dell’alluvione del 1966.
Leggiamo che oggi le autorità italiane hanno arrestato un gruppo di sedicenti secessionisti armati. (non è stato arrestato nessuno, nessuno era armato, pensa un pò)
Un gruppo onirici sbandati mitomani militaristi esaltati falliti idealisti nostalgici. (grazie per le offese, basta che le cose le dicano le autorità italiane e allora è tutto vero… almeno un pò di decenza per ascoltare la versione opposta)
Eppure questa volta c’è qualcosa di diverso nell’atteggiamento dei veneti verso questa vicenda.
C’è la netta sensazione che parte della vicenda sia stata costruita, che si siano infiltrati dei provocatori dall’esterno per neutralizzare un movimento, che qualcun altro alla fine, ben informato abbia anche trovato l’occasione per farsi pubblicità, per lucrarci sopra, per strumentalizzare. (che tutta la vicenda sia una montatura è palese, ma il Movimento di Liberazione Nazionale Veneto non è affatto stato neutralizzato, anzi…;   caro Panto se poi sei a conoscenza di chi sono gli infiltrati, fai pure i nomi, li confronteremo con quelli che noi abbiamo scoperto… se poi c'è qualcuno che si è fatto pubblicità o ci ha lucrato sopra, pendiamo dalle tue labbra, illuminaci!!!)
Che pena farsi belli sopra le disgrazie altrui.
Questa volta sembra proprio che qualcuno che non centra niente sia stato coinvolto suo malgrado, magari sarà stato imprudente , magari sarà stato ingenuo. (nessuno del Movimento di Liberazione Nazionale del Popolo Veneto, coinvolto nell'inchiesta Polisia Nationale è stato coinvolto ingenuamente o imprudentemente…ti dirò di più caro Panto: quelli che nel corso delle indagini sono stati "scagionati" dagli accertamenti della digos italiana, si rifiutano ancora oggi di sentirsi fuori dalla questione e hanno respinto formalmente le decisioni del procuratore italiano di ritenerli fuori dalle responsabilità e di essere stati prosciolti: uniti fin dall'inizio e uniti fino alla fine)
Questa volta i giornali hanno fatto la solita tiritera, ma non sono stati così convincenti come altre volte.
Troppo facile dargli al veneto, inbriagon e razzista, non attacca più.
Tredici Vigili urbani con tredici pistole. (dovresti informati meglio, non si è mai parlato di 13 vigili urbani, eventualmente di un ex ispettore della polisia di stato italiana che io sono e del comandante di un Corpo di polizia locale, che è il dott. Paolo Gallina… tutti gli altri sono Cittadini del Popolo Veneto e Autorità delle Istituxion dell'Autogoerno del Popolo Veneto… ma forse questo a te non dice nulla)
Per forza! Se hanno il porto d’armi per servizio… (non esiste il porto d'armi per servizio) 700 e passa proiettili, sarà.
Roba da multa venatoria non certo da terroristi.
Insomma mi sa che questa volta qualcosa non torna proprio .
La sensazione che ci sia stata una qualche ingiustizia è ben presente. (compresa la tua delazione che è doppiamente grave perchè fatta da un Veneto contro altri Veneti attaccati dallo stato occupante)
Questa volta c’è l’impressione che dalla parte sbagliata , dalla parte dei cattivi, degli impostori, dei pressappochisti, degli inventori di complotti inesistenti ci siano altri. (ma che strano caro Panto… pensi di essere tanto diverso da questi, visto che spari giudizi su di noi prima ancora di sapere come stanno le cose???)
Accendiamo il cervello, certo, isoliamo questi individui dalle nostre associazioni, movimenti partiti, siamo tutti daccordo. (caro Panto, io e il dott. Paolo Gallina siamo cofondatori del Partito Naxional Veneto, ma poi abbiamo maturato e intrapreso un percorso diverso per l'indipendenza, che è quello dell'Autogoverno e poi del Movimento di Liberazione Nazionale del Popolo Veneto… e allora???       Da cosa ci vuoi isolare e perchè sei convinto che tutti siano daccordo con la tue avventate dichiarazioni, a noi non risulta!!!) 
Se ne parla tra gli amici e siamo sempre nella stessa lunghezza d’onda.
Ma non si fa così.
Arrestare le persone, metterle alla gogna, umiliarle, far perdere il lavoro, la famiglia, la vita. Per quale reato?
Marciare in parata come gli Schützen.
Un dispetto, una provocazione, vedremo cosa hanno veramente fatto questi qui, aspettiamo i giudici. (aspettiamo i giudici??? i giudici italiani??? eh eh eh,  andiamo avanti così che fra cento anni saremo ancora qui ad organizzare sagre e costexine)
Intanto non c’è niente da fare, il messaggio che è passato non è quello che vorreste voi sui vostri media controllati, ma un altro.
Ovvero che molti veneti si sono sentiti offesi, maltrattati. (ma va!   ma non mi dire caro Panto, mai offesi quanto da quello che tu hai scritto su di noi… dai nemici mi guardo io ma dagli "amici" mi guardi Iddio)
L’occasione che ci mancava per interrogarci e scoprire che evidentemente in questi anni si è rafforzata la nostra identità, la nostra veneticità ha attecchito, ci dovrete in qualche modo fare i conti.
L’avete sottovalutata, non la conoscete ancora, nemmeno noi forse.
Non è un fatto di cattiveria,questi contro quelli, ma è una situazione storica.
Le società stanno diventando claniche, policulturali.
Lo sviluppo dell’economia in senso transnazionale ha trasformato la cultura in uno degli input fondamentali del processo di creazione dei valori.
Voi pensate ancora che i veneti siano ignoranti, noi invece siamo colti. La nostra cultura vi spaventa perché non l’avevate previsto.
Siamo consapevoli che il concetto di veneticità ci permette di essere immediatamente collocabili geograficamente e ci restituisce una nostra eccellenza.
Non cerchiamo nemici da combattere, non ci servono le armi da fuoco, ci basta quella nostra potentissima che è rappresentata dal territorio e dalla cultura millenaria.
Siamo consapevoli che vi state indebolendo, che non avete più la capacità di controllare i processi, le mutazioni.
Noi invece ora la vediamo, la tocchiamo l’idea del progresso, è li davanti a noi.
Ma dall’esterno è sembrata a molti decisamente inutile ed intimidatoria.
E fermare la marcia del popolo veneto verso la libertà sarà probabilmente altra cosa. (perchè mai la marcia del Popolo Veneto, verso la libertà dovrebbe essere fermata da qualcos'altro??? sembra quasi che tu lo dia per scontato! dov'è il tuo patriottismo, il tuo amor patrio???)
Gianluca Panto

"…In qualunque stato si travesta la calunnia è sempre un male contro la carità e la giustizia.
C’è un aspetto sostanziale e sottile, che è questo: la calunnia colpisce non le cose ma la persona…".
Comunque grazie caro Panto… grazie per gli insulti e per il tuo amor patrio e sentimento nazionale, sappi che ci riserviamo qualunque idonea iniziativa legale per la diffamazione aggravata che ci hai reso.
Sergio Bortotto
e tutto il Movimento di Liberazione Nazionale del Popolo Veneto
(n.b.: i commenti in azzurro sono scritti da Sergio Bortotto)

 
   

2010.09.27 – DENUNCIA ALLE NAZIONI UNITE

Oggetto: denuncia di occupazione,  dominazione e colonizzazione della Nazione Veneta da  parte dello stato straniero italiano. Rivendicazione di sovranità del Popolo Veneto.
 
UNITED NATIONS OFFICE
(c.a. Director-General Mr.Sergei Ordzhonikidze)
Palais des Nations, 1211 Geneva 10, Switzerland
 
Venezia, lunedì 27 settembre 2010
 
Col presente documento il Movimento di Liberazione Nazionale del Popolo Veneto (MLNV) rivendica la sovranità del Popolo Veneto, reclama ed esige la liberazione  della Repubblica Veneta nei suoi confini territoriali dall'occupazione illecita e illegittima dello stato straniero italiano.

La Serenissima Repubblica Veneta, consolidatasi in ben oltre un millennio, non ha mai cessato di esistere ed è  proprio in conseguenza dell'occupazione straniera, ad oggi ancora dello stato straniero italiano, per di più colonialista e razzista, che è stato ed è impedito l'esercizio del legittimo diritto alla sovranità del Popolo Veneto nel territorio della propria Nazione Veneta. Storicamente, dall'anno 1797 lo Stato Veneto ha subito l'occupazione dell'esercito napoleonico e dal 1815 i suoi territori sono stati occupati dall'impero austroungarico;     dal 1866 vi è poi de jure e de facto l'illegittima, illecita, nonché  violenta e repressiva occupazione, anche militare, dello stato straniero italiano

Ciò PREMESSO codesta Organizzazione delle Nazioni Unite si attivi, unitamente e d'intesa con questo Movimento di Liberazione Nazionale del Popolo Veneto, col garantire l'immediata cessazione dell'illegittima ed illecita occupazione dello stato straniero italiano nel territorio della Serenissima Repubblica Veneta.
ASSICURI 'immediato effettivo ritiro dello stato occupante con tutte le sue istituzioni e le sue forze armate dal territorio della Nazione Veneta.
GARANTISCA la necessaria ed indefettibile istituzione e costituzione della Polizia Nazionale Veneta e la affianchi con l'invio di proprie forze di interposizione ai confini territoriali e con l'invio altresì di propri Osservatori onde consentire le libere elezioni dei nuovi Organi Istituzionali del Popolo Veneto.
SOSTENGA anche con finanziamento ad hoc il processo di ripristino e di ricostruzione dello Stato Veneto.
CONDANNI lo stato straniero italiano al risarcimento di tutti i danni da occupazione, comprensivo dei danni di guerra per i passati conflitti mondiali e colonialisti e dell'illegittimo prelievo fiscale dal 1866 alla data dell'effettiva cessazione della suddetta occupazione. L'Assemblea Generale delle Nazioni Unite inoltre
PRENDA ATTO del costituitosi presente Movimento di Liberazione Nazionale del Popolo Veneto sorto al solo e imprescindibile scopo di liberare il Popolo Veneto dall'occupazione, dalla dominazione e dalla colonizzazione posta in essere dallo stato straniero italiano. della legittimazione di questo Movimento di Liberazione Nazionale del Popolo Veneto ad agire in nome del Popolo Veneto sul piano internazionale attraverso il proprio apparato istituzionale ai sensi e per gli effetti dell'art.96.3 del Primo Protocollo di Ginevra del 1977; dell'elevato valore e il vitale interesse per il Popolo Veneto che ha tale documento e che esso sia recepito nel suo più alto significato anche se in difetto, senza fraintendimenti e senza sollevare eccezione alcuna e tanto meno eccezione che possa comportarne il rigetto. Gli eventuali allegati verranno prodotti alla bisogna.
il direttivo del MLNV
Sergio Pes (MLNV Procuratore Delegato)
Giuliana Merotto (MLNV Procuratore Delegato)
dott. Paolo Gallina (MLNV Vice Presidente)
Sergio Bortotto (MLNV Presidente)

2010.10.08 – ALLEANZA FRA IL MLNV E IL PAR.I.S.

Il giorno 8 ottobre 2010 è stata stipulata l'alleanza fra il PA.R.I.S. e il MLNV

 

  


 
SI CONSOLIDA L'ALLEANZA FRA IL MLMV E IL PAR.I.S.
domenica 21 novembre 2010 il MLNV ha ricevuto la graditissima visita del Presidente della Repubblica di Malu Entu Sig. Salvatore MELONI (Doddore), nonchè Presidente del Partito Independentista Sardo (PAR.I.S.) accompagnato dal Ministro degli Esteri Sig.Felice PANI. Forte è la convergenza d’intenti e lo spirito libero e patriottico che isipira il PAR.I.S. e il MLNV nel perseguire la liberazione dei rispettivi Popoli (Sardo e Veneto) dalla dominazione straniera italiana.
Cooperazione e reciproco sostegno daranno sicuramente un vigoroso impulso alla comune causa.

 

 

Doddore Meloni e Sergio Bortotto

 

 

 

 

 

 

Sergio Pes (al centro) con Doddore Meloni e Felice Pani

 

 

 

 

 

Felice Pani e Paolo Gallina

 

 

 

2010.12.13 – ULTIMATUM ALL’ITALIA

Fatto salvo quanto denunciato alle Nazioni Unite con documento depositato in data 28 settembre 2010 presso la sede di Ginevra di codesta Organizzazione
 
VISTI il diritto dell’autodeterminazione dei popoli sancito dall’articolo I paragrafo 2 della Carta delle Nazioni Unite firmata a San Francisco il 26 giugnò 1945 ed entrata in vigore il 24 ottobre 1945;
il Patto Internazionale relativo ai diritti civili e politici siglato a New York il 16 dicembre 1966 dall’Assemblea Generale O.N.U.;
la Risoluzione n. 2625 del 24 ottobre 1970 dell’Assemblea Generale O~NU~ la Conferenza sulla sicurezza e la cooperazione in Europa di Helsinki del i agosto 1975;
 
PRESO ATTO che il diritto all’autodeterminazione, parte del diritto internazionale imperativo (Jus cogens), è un diritto inalienabile di ogni Popolo e quindi del Popolo Veneto, al quale solo spetta il legittimo esercizio ditale diritto erge omnes;
 
CONSTATATI tali incontrovertibili fatti:
che dall’anno 1797 la Repubblica di Venezia (dopo quasi 1500 anni di storia) ha subito l’occupazione dell’esercito napoleonico;
che dal 1815 i suoi territori sono stati occupati dall’impero austroungarico;
che dai 1866 perdura in fatto e in diritto l’illegittima e illecita occupazione della Repubblica dì Venezia da parte dello stato straniero italiano;
che la Repubblica di Venezia non ha mai cessato di esistere e che pertanto l’occupazione straniera italiana continua ad oggi a negare il diritto all’ autodeterminazione e quindi ad impedire al Popolo Veneto l’esercizio dèllà propria sovranità;
 
CONSIDERATO che il solo Popolo Veneto ha il potere di rivendicare e di esercitare legittimamente il diritto all’autodetérminazione, con esclusione di qualsiasi altro soggetto politico e/o amminìstrativo appartenente alle istituzioni straniere italiane, quali Regioni, Province, Comuni, partiti o movimenti che concorrono a eh zioni politiche o amministrative italiane;
 
NOI CITTADINI DEL POPOLO VENETO già aderenti ai progetto Polisia Nationale Veneta nell’ambito delle Istituzioni di Autogoverno del Popoio Veneto, nel legittimo esercizio del diritto all’Autodeterminazione,
 
Al SENSI E PER GLI EFFETTI DELLE NORME DEL DIRITTO INTERNAZIONALE in data 29 settembre 2009 ci siamo costituiti in Movimento di Liberazione Nazionale del Popolo Veneto (MLNV).
 
PREMESSO QUANTO SOPRA E PROVATO CHE IN CONSEGUENZA DI CIÒ poco tempo dopo l’istituzione del MLNV, in seguito ad un’intensa attività di spionaggio protrattasi per mesi contro i membri del MLNV e gli altri Cittadini deI Popolo Veneto aderenti al progetto Polisia Nationale Veneta, lo stato straniero occupante italiano ha sferrato un violento attacco contro il Movimento di Lìberazione Nazionale del Popolo Veneto col pretesto di un’inchiesta giudiziaria strumentale e calunniosa, artatamente creata e formalmente avviata in data 16 luglio 2009, ipotizzando circostanze fantasiose e reati di fatto inesistenti quali la costituzione di una fantomatica associazione paramilitare in presunta violazione di una legge italiana del secondo dopoguerra, il decreto legislativo 14 febbraio 1948, n. 43. Nonostante le ipotesi di reato prive di qualsiasi fondamento, infatti, in data 5 novembre 2009 la polizia italiana, diretta daI questore e dal procuratore italiano di Treviso, è intervenuta pesantemente in forze, con armamento da guerra (mitragliatori): con, dei bliz mirati, ha sottoposto a perquisizione i fondatori,, gli altri appartenenti al MLNV e altri cittadini del Popolo Veneto, le loro private abitazioni, i luoghi dei loro posti di lavoro e i loro autoveicoli, ha sottratto illegalmente beni ed effetti personali e strumentali di lavoro, terrorizzando le rispettive famiglie e i loro conoscenti li ha quindi sequestrati, segregati e sorvegliati a vista per molte ore negli uffici della questura di Treviso, dove li ha sottoposti ad interrogatori informali e a inaudite violenze morali e psicologiche, fino a rubarne l’identità personale con illeciti rilievi foto-dattiloscopici. Nell’occasione la polizia italiana, ha illegalmente sottratto due fucili e nove pistole al dott. Paolo Gallina, Vice Presidente del MLNV nonché comandante di polizia locale, armi legalmente detenute dà oltre venti anni, e delle quali la stessa polizia italiana aveva già previamente accertata la legittima detenzione da parte del Vice Presidente del MLNV anche perché titolare di regolare porto di pistola per difesa personale e di apposita licenza di collezione rilasciata proprio dal questore italiano a Treviso. Con le armi sottratte illegalmente gli inquirenti italiani hanno indetto una conferenza stampa e radiotelevisiva e con l’abuso dello strumentò mediatico hanno presentato alla pubblica opinione le armi rubate nell’abitazione privata del Vice Presidente del MLNV indicandole come parte di un arsenale in dotazione allo stesso MLNV, e insinuando a carico dei propri mémbri intenzioni e finalità di ‘natura terroristica. Per diversi mesi a seguire, gli inquirenti. italiani, con criminale premeditazione, hanno abusato dello strumento mediatico anche spingendosi indecentemente a denigrare e ridicolizzare i fondatori del MLNV, facendo pubblicare stralci di dialoghi personali privati, spiati e intercettati telefonicamente. Un violento e repressivo attacco contro il MLNV è stato poi sferrato dai parlamentari italiani RUBINATO Simonetta e NACCARATO Alessandro, che in data 12 novembre 2009 nella seduta n. 245, con la loro interrogazione parlamentare a risposta scritta n. 4-04996 indirizzata al ministro dell’interno italiano MARONI Roberto, hanno esplicitamente calunniato e diffamato due dei fondatori del MLNV e altri aderenti al progetto della Polisia Nationale Veneta, attribuendo loro la costituzione di una “pericolosa struttura paramilitare” con palesi finalità eversive e secessioniste, con tanto di pianificazione di esercitazioni di tiro con armi da fuoco in località montane e di atti dimostrativi contro le forze dell’ordine italiane, asseritamente sventata dall’inchiesta e dai primi elementi raccolti dalla polizia italiana a Treviso. A causa dell’inchiesta e delle gravi diffamazioni e calunnie enfatizzate mediaticamente dagli inquirenti e dai due parlamentari italiani, alcuni membri del Direttivo del MLNV hanno perso il lavorò; il Vice Presidente del MLNV dott. Paolo GALLINA è stato oggetto di un durissimo attacco da parte dei consiglieri comunali di opposizione, che nella seduta del consiglio comunale straordinario appositamente convocato dal sindaco del Comune di Cornuda (Treviso) per il giorno 3 dicembre 2009, hanno’ caldeggiato la sua déstituzione dall’impiego di comandante della polizia locale. Nel prosieguo dell’inchiesta-farsa italiana, e addirittura oltre il termine perentorio di sei mesi prescritto dalla legge italiana per la durata delle indagini preliminari ovvero anche dopo la data del 16 gennaio 2010, ‘la polizia italiana ha costretto con singolari Inviti telefonici i presunti testimoni a sottoporsi ad interrogatori informali presso gli uffici della questura di Treviso, estorcendo loro false dichiarazioni con la minaccia di una improponibile pena detentiva di dodici anni e minacciandoli di altre indicibili negative conseguenze; nel frattempo, le predette autorità italiane hanno continuato, come continuano ad oggi, a rendere pubbliche e ad enfatizzare mediaticamente facinorose, false e calunniose dichiarazioni contro il MLNV~ e a diffamarne i fondatori. L’attività persecutoria poliziesco-giudiziaria italiana contro il MLNV e i suoi fondatori è tale che l’inchiesta si è protratta ben oltre il termine perentorio di sei mesi préscritto dalla legge italiana: con un’inchiesta avviata formalmente in data 16 luglio 2009 e da terminarsi entro la data dei 16 gennaio 2010, il procuratore italiano di Treviso, in violazione della stessa legge italiana, ha firmato l’avviso della conclusione delle indagini preliminari recante data 1maggio2010, provvedimento notificato agli interéssati il 17 e 18 maggio 2010. Il procuratore italiano di Treviso ha quindi firmato la richiesta di rinvio a giudizio degli stessi appartenenti al MLNV in data 22 luglio 2010, richiesta che per la legge italiana è nulla di diritto, depositata alla cancelleria del giudice italiano per le indagini preliminari in data 23 luglio 2010, mentre tutti i beni e gli effetti personali e strumentali di lavoro a suo tèmpo illegalmente sottratti dalla polizia italiana ai legittimi proprietari sono tuttora illegalmente trattenuti dagli inquirenti italiani, in difetto dell’obbligatorio decreto di convalida del procuratore italiano di Treviso. L’aggressione è tale che, nonostante l’avvenuta adozione di un provvedimento abrogativo, il decreto legislativo italiano 15 marzo 2010, n. 68 (articolo 2268, comma 1, i,. 297), gli inquirenti italiani, oltre ad aver violato i termini di prescrizione della procedura penale., hanno perseverato con il chiedere il rinvio a pubblico giudizio degli appartenenti al MLNV, imputando loro violazioni mai commesse ad una legge italiana abrogata (il decreto legislativo 14 febbraio 1948, n. 43). A fronte delle reiterate violazioni della legge italiana e dei crimini commessi dagli inquirenti, la parlamentare italiana RUBINATO Simonetta ha pubblicamente e ripetutamente elogiato e sostenuto il questore di Treviso DAMIANO Carmine e il procuratore italiano di Treviso FOJADELLI Antonio anche nel loro operato, sollecitando più volte il ministro dell’interno italiano MARONI Roberto ad intervenire a loro difesa. Lo stato straniero occupante italiano, sebbene non sia ad oggi riuscito a rinviare a pubblico giudizio gli appartenenti al MLNV, imputati di aver violato una legge italiana abrogata, ne ha comunque disposto la convocazione ad una udienza preliminare fissata per il mese di dicembre 2010 con provvedimento del giudice straniero italiano.  
TUTTO CIÒ PREMESSO IL MOVIMENTO DI LIBERAZIONE NAZIONALE DEL POPOLO VENETO NOTIFICA e DENUNCIA all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite e a tutta la Comunità Internazionale gli atti di aggressione ripetutamente posti in essere dallo stato straniero occupante italiano nei confronti del Movimento di Liberazione Nazionale del Popolo Veneto.
 
AMMONISCE E DIFFIDA lo stato straniero occupante italiano dal persistere nei suoi comportamenti illeciti e dal reiterare in qualsivoglia maniera atti di forza contro questo MLNV e i suoi apparténénti, tanto più se finalizzati a negare al Popolo Veneto illegittimo esercizio del proprio diritto all’autodeterminazione;
 
AVVERTE lo stato straniero occupante italiano che tali atti di forza integrano atti di guerra contro questo MLNV e contro il Popolo Véneto; in conseguenza di ciò questo MLNV sarà legittimato ad usare la forza contro lo stato oppressore e chiunque in difesa del diritto all’autodeterminazione del Popolo Veneto, e in difesa di ogni singolo membro di questo MLNV, dei propri familiari e di ogni cittadino del Popolo Veneto; persistendo lo stato di occupazione della Repubblica di Venezia da parte dello stato straniero italiano, il MLNV non riconosce su questo territorio alcun ente italiano, né alcuna istituzione o autorità amministrativa elo giudiziaria italiana, né alcun provvedimento legislativo e/o normativo, amministrativo o giurisdizionale italiano., tanto meno riconosce alcun provvedimento di natura fiscale;
 
ORDINA allo stato straniero italiano di cessare ogni atto di forza e/o di ostilità di qualsivoglia natura, di porre fine ad ogni azione amministrativa e/o giudiziaria contro il MLNV e/o contro qualsiasi membro di questo MLNV, e/o contro qualsiasi suo familiare e/o contro qualsiasi cittadino del Popolò Veneto, di non azzardarsi, con le sue forze armate e/o di polizia, ad avvicinare o molestare nuovamente in qualsivoglia maniera alcun membro del MLNV, suo famigliare o conoscente, o alcun cittadino dei Popolo Veneto, di provvedere all’immediata chiusura del procedimento penale-farsa calunniosamente avviato contro il MLNV e i suoi membri, previo risarcimento di tutti i danni e restituzione presso i rispettivi recapiti dei beni e degli effetti personali da loro illegalmente sottratti e trattenuti, provvedendo poi con pubblica ammenda e rettifica delle dichiarazioni calunniose rese dal questore italiano Damiano Carmine, dal Procuratore italiano Fojadelli Antonio e dal parlamentare italiano Rubinato Simonetta e di procedere nei confronti dei suddetti per i reati loro ascrivibili. In ossequio ai principi ed agli scopi della Carta delle Nazioni Unite, questo Movimento di Liberazione Nazionale del Popolo Veneto
 
CHIEDE all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, alla Comunità Internazionale e ai singoli Stati terzi:
1. di pretendere dallo stato straniero occupante italiano il rispetto del diritto del Popolo Veneto all’autodeterminazione e di porre fine alla illecita e illegittima occupazione del Territorio della Repubblica di Venezia;
2. di sostenere, appoggiare ed assistere questo Movimento di Liberazione Nazionale del Popolo Veneto nella sua lotta per l’autodeterminazione del Popolo Veneto e quindi per la liberazione della Repubblica di Venezia dall’occupazione straniera italiana.
Con tale intimazione allo stato straniero occupante italiano, il Movimento. di Liberazione Nazionale del Popolo Veneto ha reso pubbliche le proprie irrevocabili condizioni stabilendo quale termine ultimo di applicazione il giorno 31 dicembre 2010, termine oltre il quale sarà difficile ogni trattativa e diverrà irrinunciabile anche il ricorso all’uso della forza.
13.12.2010
Il Presidente deI MLNV
Sergio Bortotto

2011.01.22 – COMUNICATO STAMPA DEL MLNV

 Venezia, martedì 25 gennaio 2011
 
COMUNICATO STAMPA
 
E’ iniziata male, e sta finendo peggio: la calunniosa e persecutoria inchiesta-farsa della polizia e della procura straniera italiana di Treviso sotto la direzione del questore Carmine Damiano e del procuratore Antonio Fojadelli contro la Polisia Nationale Veneta e contro il Movimento di Liberazione Nazionale del Popolo Veneto (MLNV) ha messo in luce per l’ennesima volta il criminale modus operandi del giudice straniero italiano, che ora ha assunto i contorni del grottesco.
 
Nel corso della mattinata di venerdì 21 gennaio 2011, il giudice per l’udienza preliminare italiano di Treviso Elena Rossi, titolare del calunnioso procedimento-farsa, ha accolto l’eccezione di legittimità costituzionale sollevata dal procuratore Fojadelli con riferimento al decreto legislativo italiano 15 marzo 2010, n. 66, che con la norma di cui all’articolo 2268, comma 1, n. 297, àbroga espressamente il decreto legislativo 14 febbraio 1948, n. 43, sulla scorta del quale gli inquirenti italiani hanno pretestuosamente perseverato con il chiedere il rinvio a pubblico giudizio degli appartenenti al MLNV, imputando loro violazioni mai commesse, e ipotizzando circostanze fantasiose e reati di fatto inesistenti quali la costituzione di una fantomatica associazione paramilitare.
 
Tragicomico: un magistrato inquirente e uno giudicante che in barba a tutte le elementari regole del diritto e dell’ordinamento giuridico italiano, invece di sottoporre al giudizio di legittimità costituzionale della Corte la norma di legge che sono chiamati in quella fase processuale ad applicare – tra l’altro ABROGATA con decorrenza 8 ottobre 2010 – eccepiscono con fervida fantasia interpretativa un asserito eccesso, a loro dire da ravvisarsi nel provvedimento legislativo abrogativo della norma incriminatrice, rispetto alla delega contenuta nella legge parlamentare delegante.
 
Delirio di onnipotenza o prove tecniche di regime? Sta di fatto che i due magistrati italiani, già resisi responsabili di innumerevoli reati nel corso del procedimento-farsa, invece di fare il loro dovere nel rispetto della legge, si mettono a disquisire di politica e di politica legislativa in particolare, polemizzando sui rapporti tra parlamento e governo italiani e sui contenuti delle leggi del primo delegate al secondo.
 
Il giudice per l’udienza preliminare Elena Rossi, per di più, soggetta per costituzione italiana alla legge, della legge italiana se ne fa invece ripetutamente un baffo, così come hanno fatto il procuratore e il questore di Treviso.
Con uno strabismo tipicamente italiano, il gup Rossi omette, tra le altre, di eccepire la nullità assoluta di diritto della tardiva richiesta di rinvio a giudizio del procuratore, sorvola bellamente sui tutti quei gravissimi reati commessi da questore e procuratore contro gli indagati – quali i sequestri di persona, interrogatori informali e inaudite violenze morali e psicologiche, furto di identità personale con illeciti rilievi foto-dattiloscopici, etc. – in spregio agli stessi diritti fondamentali della persona costituzionalmente garantiti, e sulle altre omissioni gravi del procuratore nel corso del calunnioso procedimento-farsa, mentre persiste nell’azione persecutoria poliziesco-giudiziaria italiana contro il MLNV e i suoi fondatori con lo stesso procedimento che doveva obbligatoriamente definire quanto meno pronunciandosi con il non luogo a procedere per intervenuta abrogazione della legge incriminatrice.
 
Le norme di legge italiana sulla procedura penale, infatti, avrebbero obbligato anche il gup Elena Rossi a definire dall’8 ottobre 2010 il procedimento-farsa contro la Polisia Nationale Veneta e contro questo MLNV, non solo per non aver commesso il fatto gli indagati, come risultava palese, ma anche perché la norma penale incriminatrice era stata espressamente posta nel nulla da una legge dello stato italiano, volenti o nolenti.
Il gup Elena Rossi sarebbe stata altresì obbligata a trasmettere tutti gli atti alla procura competente affinché procedesse contro procuratore e questore per tutti i reati da questi commessi nel corso dell’inchiesta, alcuni dei quali erano già stati evidenziati da questo MLNV in altri comunicati.
La legge italiana imponeva inoltre al gup Elena Rossi l’obbligo di restituire agli aventi diritto tutti i beni illegalmente sottratti e trattenuti, ma tant’è. 
 
I “nostri”, ahinoi, tradiscono ancora una volta una scarsa conoscenza del diritto internazionale, laddove si versa in tema di soggetti di diritto internazionale qual è questo Movimento di Liberazione Nazionale del Popolo Veneto: con diabolica pervicacia persistono con la loro condotta criminale a porre in essere atti di forza – che per il diritto internazionale integrano veri e propri atti di guerra – contro lo stesso MLNV, in spregio a tutte le norme di legge internazionali e del diritto interno italiano.
 
Non per niente la polizia straniera italiana di Treviso, sotto la direzione di un sostituto procuratore italiano di Treviso, il giorno di lunedì 17 gennaio 2011 ha portato ad esecuzione e compimento l’ennesimo violento e inequivocabile atto di guerra contro questo MLNV e il suo Direttivo: alle 7 del mattino ha eseguito un’ulteriore irruzione armata nell’abitazione privata del Presidente di questo MLNV, Sergio Bortotto. Nell’occasione, la polizia italiana, dopo aver sottoposto a perquisizione la sua abitazione lasciandola a soqquadro, ha perquisito la sua persona, la sua autovettura e il luogo del suo posto di lavoro, arrivando a sottrargli illegalmente, ancora una volta, beni ed effetti personali tra i quali tre personal computer e altro materiale, tuttora trattenuti illegalmente.
 
Degno del miglior regime inquisitorio il pretesto addotto dagli inquirenti stranieri italiani per giustificare una simile aggressione scomposta e violenta: nel decreto di perquisizione, il pubblico ministero italiano Miggiani fa riferimento a tre scritti ANONIMI minatori indirizzati al medico della polizia italiana Marco Sartore in servizio a Treviso, e li addebita calunniosamente al Presidente Sergio Bortotto. Sulla base di quali elementi probatori o indiziari il pm abbia voluto associare quegli scritti anonimi al Presidente di questo MLNV Sergio Bortotto, in verità assolutamente estraneo alla vicenda, non è dato sapersi.
Alla faccia delle garanzie difensive e dei diritti fondamentali e inviolabili delle persone costituzionalmente sanciti.
 
Ed a nulla rileva il fatto che quello stesso medico della polizia italiana possa aver falsificato un certificato medico che porta la sua firma, nel lontano anno 2000, al fine di coadiuvare nel diabolico mobbing avviato molti anni prima dalla polizia italiana contro l’allora Ispettore Bortotto: al Presidente e a tutto il Direttivo di questo MLNV ripugna la sola idea di agire al di fuori della legalità o con modalità così riprovevoli.
 
Questo MLNV e le singole persone che ne compongono il Direttivo hanno da sempre compiuto – così come compiranno in futuro – ogni singolo passo rigorosamente e volutamente entro gli argini e nell’alveo del diritto, anche e soprattutto internazionale.
 
 
TUTTO CIÒ PREMESSO
 
IL MOVIMENTO DI LIBERAZIONE NAZIONALE DEL POPOLO VENETO
 
nel ribadire che non riconosce lo stato straniero occupante italiano, e che quindi non riconosce alcun ente italiano, né alcuna istituzione o autorità amministrativa e/o giudiziaria italiana, né alcun provvedimento legislativo e/o normativo, amministrativo o giurisdizionale italiano,
 
PRENDE ATTO
 
del doloso reiterarsi dei violenti atti di aggressione e di guerra posti in essere dallo stato straniero occupante italiano contro questo Movimento di Liberazione Nazionale del Popolo Veneto, in totale disprezzo dell’ULTIMATUM notificato in data 14 dicembre 2010.
 
AVVERTE
 
lo stato straniero occupante italiano che questo MLNV agirà di conseguenza secondo diritto internazionale;
procederà non appena possibile con l’assicurare alla Giustizia Veneta, in ogni tempo e in ogni dove, ogni singolo personaggio resosi responsabile dei suddetti crimini contro questo MLNV e/o contro Cittadini del Popolo Veneto.
 
per il MLNV
 
dott. Paolo Gallina
Vice Presidente MLNV 

2011.02.26 – MLNV CI PROVA… COSTITUIAMO UN GOVERNO VENETO PROVVISORIO.

 
Venetie, lunedì 27 febbraio 2012
Oggetto: COMUNICATO.
 
La riunione congiunta dei rappresentanti delle Organizzazioni indipendentiste tenutasi a Vicenza il 25 febbraio u.s. ha innanzitutto riaffermato il principio cardine che accomuna tutti ed è la Patria da liberare dall’occupazione straniera italiana.
Ferma e condivisa è stata poi la convinzione che il ripristino di sovranità del nostro Popolo parte dal reciproco riconoscimento d’identità in un’unità di Nazioni libere e sovrane sulle proprie terre d’origine.
Difficile ma non impossibile risulta armonizzare il percorso della competizione elettorale in ambito italiano laddove il fine non si discosta dal principio cardine del ripristino di sovranità.
Per ultimo si è frantumata la barriera che fino ad oggi ha voluto far apparire frammentati gli intenti delle Organizzazioni indipendentiste;    la valorizzazione di quanto da tutti è stato fatto e si sta facendo è invece il “collante” per la condivisione di ruoli e compiti nell’ambito del Governo Veneto Provvisorio.
Non possiamo permetterci di sprecare le risorse che abbiamo a disposizione perché insieme possiamo raggiungere l’obbiettivo e che passerà sicuramente anche attraverso la presa di coscienza del Popolo Veneto di non essere italiano;   l’impegno per tutti è la ricerca del consenso che si esprimerà nell’adesione di ciascun cittadino all’Anagrafe che sarà congiunta ed espressione di una coalizione di Popolo che pur seguendo percorsi diversi insieme vuole tornare libero e sovrano.
In sostanza:
1)il principio cardine che accomuna tutti è la Patria da liberare da un’occupazione straniera;
2)l’autodeterminazione del nostro Popolo si radica e si identifica in un’unità di pluralità di Nazioni libere e sovrane sulle proprie terre d’origine;
3)tutti i percorsi intrapresi dalle Organizzazioni indipendentiste sono originati dalla necessità di perseguire il fine ultimo dell’indipendenza del nostro Popolo;
4)quello che appare come una frammentazione d’intenti è in realtà il “collante” dell’anello mancante … la valorizzazione di quanto si sta facendo passa attraverso la condivisione di ruoli e compiti in un progetto comune che si chiama Governo Veneto Provvisorio e che abbia anche il dovere prioritario di perseguire il consenso popolare attraverso il risveglio dell’identità nazionale del nostro Popolo.
Ora non ci resta altro da fare che applicare il principio di effettività e traslare in pratica questi buoni propositi.
Noi siamo ciò che decidiamo di essere, liberi di essere ciò che siamo, siamo un Popolo, siamo una Nazione.
Viva San Marco
Sergio Bortotto Presidente del MLNV
 
tratto da: L'INDIPENDENZA
 
di MARINO MARIN
 
Forse la novità più interessante nel mondo indipendentista veneto (anzi lombardo-veneto-friulano) di queste settimane è l’incontro di ieri a Vicenza promosso dal Movimento di liberazione nazionale del popolo veneto (MLNV, 500 iscritti).
Non i congressi e i controcongressi, non le riunioni e le controriunioni, meno i blitz e gli articoli sugli assenteismi, i banchetti, le nuove iscrizioni e candidature ancora inutili, in mancanza di un vero carisma (che non vuol dire “un front-man”).
Perché, per sommi capi, il tentativo di MLNV è quello di riunire tutte le sigle indipendentiste e, poi, nello specifico, costituire un qualcosa di simile a una “lobby”, che prema sull’Onu, affinché riconosca lo stato di occupazione dei territori della Serenissima.
E cominci a trattare.
L’idea, come spiega Gabriele Perucca, portavoce di MLNV, è semplice: “Il referendum per l’indipendenza è praticamente irrealizzabile in Italia. La Sardegna c’era arrivata vicina, ma poi sono stati arrestati, quasi fosse un complotto, tutti i promotori. Noi guardiamo al modello africano, perché, di fatto, i veneti sono colonizzati dall’Italia, come erano colonizzati gli stati dell’Africa e le Indie. La Serenissima, peraltro, non è mai stata sciolta, non bisogna dimenticarlo.
Avere dietro dei movimenti che contano numericamente, può solo che aiutare, certo, ma non è fondamentale.
Anzitutto va costituita un’anagrafe veneta unica, poi un Governo provvisorio e solo successivamente si cercherà anche il consenso della gente veneta.
Che veneta è, senza saperlo.
” In breve: nessun rapporto con la politica e le istituzioni italiani, nessun referendum sul modello scozzese, ma la composizione di un’istituzione rappresentativa, con membri scelti fra esponenti di tutte le sigle indipendentiste, che, legittimamente, almeno secondo Perucca, tratti con l’Italia e l’Onu.
E garantisca la sicurezza nazionale, la continuità dei pubblici servizi e porti il popolo Veneto alle sue nuove prime libere elezioni.
All’incontro di Vicenza hanno partecipato personalità aderenti a quasi ciascuna delle svariate firme dell’indipendentismo: dal Fronte Furlan a Veneto Stato.
“Oggi gli esponenti di tre diversi movimenti, ciascuno dei quali ha già lavorato alla composizione di una propria anagrafe veneta, hanno deciso di unificare i loro dati” chiarisce Perucca, riferendosi al Governo Nasionae Veneto di Gabriele De Pieri (noto alle cronache per aver consegnato la patente veneta ad un posto di blocco), la cui anagrafe è già stata vidimata dall’Onu, a Stato Veneto dell’avvocato Vittorio Selmo e all’Autogoverno delle Venezie di Daniele Quaglia, rappresentato in sala da Paolo Zanatta. Leader di MLNV e trascinatore della platea è invece Sergio Bortotto, figura storica dell’indipendentismo, già nel mirino della magistratura italiana per la sua militanza.
“Ho notato una netta convergenza con quasi tutti i movimenti – spiega Perucca. – Il punto è che la fase rivendicativa è esaurita. Ora bisogna passare a quella istituzionale, cioè alla costituzione di un Governo che faccia da interlocutore.
Quando questa fase sarà completata, per quel che mi riguarda, MLNV potrà anche sciogliersi”. Non sfugge a Perucca, nonostante l’entusiasmo, l’importanza di creare il consenso popolare che ora manca.
Meglio, si tratterebbe di risvegliare la coscienza dei veneti, mettendoli a parte di un segreto inconfessato: dal punto di vista del diritto internazionale, non sarebbero italiani.
Secondo William Marsura, intervenuto in rappresentanza di Veneto Stato “a Vicenza è nato uno spirito nuovo.
L’idea di creare un governo provvisorio puo’ essere l’anello mancante per coinvolgere tutti i movimenti, ciascuno dei quali poi potrà legittimamente perseguire le proprie battaglie su altri fronti, compreso quello della politica italiana”.
Sparso il verbo, la prossima tappa sarà un incontro per la costituzione di questo organo di rappresentanza nazionale.
Quando?
Magari proprio dopo l’appuntamento elettorale delle amministrative.
Magari proprio a Jesolo, come proposto su questo giornale dal direttore, in un Comune che ha già celebrato un referendum consultivo per l’indipendenza (il 97% dei votanti ha espresso il suo sì), manifestando grande sensibilità nei confronti dell’idea indipendentista.
Al di là degli auspici, tuttavia, non deve sfuggire che, oltre al dibattito sui modelli (scozzese o africano), sulle diverse impostazioni (dialogo con l’Onu o partecipazione alla vita politica italiana), a Vicenza è andata in scena una chiamata all’unità, che forse potrebbe coinvolgere davvero tutti nella creazione di un coordinamento di soggetti capaci di creare intese per iniziative comuni di resistenza, protesta e propaganda.
 
 

2011.02.26 – “ISTRUZIONI PER L’USO”… MEGLIO ESSERE CHIARI UNA VOLTA PER TUTTE

"ISTRUZIONI PER L'USO"
 
il MLNV non è una organizzazione di beneficenza, il MLNV non è un'associazione no profit, il MLNV non è un'associazione culturare, il MLNV non è soprattutto un partito politico.   Il MLNV è un Movimento di Liberazione Nazionale che si è costituto ed agisce per la liberazione della Patria, la Serenissima Repubblica di Venezia, ad oggi ancora occupata dallo stato straniero italiano. La nostra Patria è e rimane solo ed esclusivamente la Repubblica di Venezia e certamente non l'italia. Il MLNV si è costituito ed agisce secondo quanto previsto dalle norme del diritto internazionale. L'italia attualmente è lo stato straniero che occupa i territori della Patria, quindi lo stato italiano è di fatto il nostro nemico in questa lotta di liberazione. Abbiamo denunciato lo stato straniero italiano all'Organizzazione delle Nazioni Unite e notificato l'ultimatum, oltre i cui termini il MLNV ha deciso anche di non riununciare all'uso della forza contro l'occupante. Usare la forza, non sempre significa essere violenti… la forza si può usare in molti modi e una guerra di liberazione si attua anche attraverso una politica di sensibilizzazione degli Stati terzi contro lo stato straniero occupante italiano. Le istituzioni straniere occupanti italiane devono sapere che ogni atto posto in essere contro il MLNV e contro ogni cittadino del Popolo Veneto che si professa tale, è registrato a ruolo e tutti i responsabili saranno perseguiti e portati in giudizio innanzi ad un Tribunale del Popolo Veneto, non appena sarà ripristinata la legalità sui nostri territori. Il MLNV non riconosce nessuna autorità italiana che eserciti qualsiasi tipo di potere nell'ambito dei territori occupati della Serenissima Repubblica di Venezia… poiché tali autorità italiane agiscono in difetto assoluto di giurisdizione. C'è inoltre da registrare l'attività apparentemente indipendentista posta in essere da Veneti che si professano tali ma che in realtà si riconoscono nelle istituzioni straniere italiane e ambiscono a incarichi e funzioni all'interno delle stesse, (partiti e movimenti politici che concorrono a elezioni amministrative e politiche italiane a qualsiasi livello). Di questi soggetti politici noi del MLNV diffidiamo assolutamente perchè illudono il Popolo Veneto di poterli portare all'indipendenza attraverso un percorso referendario nell'ambito delle istituzioni straniere italiane. Questa strada è impercorribile attualmente in italia e perderemmo solo ancora tempo. E' alto, inoltre, il rischio di ritrovarci a che fare con abili cacciatori di "careghe" e di poltrone, pronti a cavalcare la causa indipendentista pur di "galleggiare politicamente" o per godere di visibilità mediatica; questi personaggi non servono alla causa indipendentista, pur ammantati di titoli accademici, dottorati e quant'altro.
Di partiti ce ne sono fin troppi in italia e di sicuro non abbiamo bisogno di mantenere anche partiti indipendentisti… la lega nord si prefiggeva il medesimo fine ed è sotto gli occhi di tutti il palese tradimento. Vi mettiamo seriamente in guardia da questi pseudo partiti indipendentisti poiché mettono in discussione l'esistenza della Patria Veneta, accettano le istituzioni straniere italiane e ambiscono ruoli al loro interno chiedendo di essere eletti in tali istituzioni. La Regione Veneto, per esempio, è una istituzione italiana a tutti gli effetti;   essa non rappresenta né il Popolo Veneto, né governa sull'intero territorio della Repubblica di Venezia, ma solo su una parte di esso, (si sa che una Nazione ha tra gli elementi fondanti il Popolo e il territorio… abilmente lo stato straniero italiano ha smembrato amministrativamente il territorio della Repubblica di Venezia proprio a tale scopo.) Quali che siano i percorsi politici di questi pseudo partiti indipendentisti essi illudono il Popolo Veneto di portarlo all'indipendenza attraverso un referendum… E' come chiedere ad un estraneo il permesso di riappropriaci di ciò che è gia nostro, di diritto. Noi siamo ciò che decidiamo di essere, liberi di essere ciò che siamo, siamo un Popolo, siamo una Nazione.
VIVA SAN MARCO (Altro che unità d'italia)
Il Presidente del MLNV Sergio Bortotto
 
il territorio della Repubblica di Venezia:
BELLUNO, BERGAMO, BRESCIA, CREMONA, GORIZIA, MANTOVA, PADOVA, PORDENONE, ROVIGO, TRENTO, TREVISO, TRIESTE, UDINE, VENEZIA, VERONA e VICENZA.
 

2011.03.14 – DIFFIDA A PROCEDERE ESTRAZIONE DATI SU PC SEQUESTRATI

Venetie, 14 marzo 2011

O.N.U. – DIRECTOR GENERAL

Mr. Sergei ORDZHONIKIDZE

Palais des Nations Avenue de la Paix 8-14, 1211 Geneva 10, Switzerland

 

Al Sig. SARTORETTO Luca, via S. Antonino 207, 310100 Treviso

Al Tribunale italiano in Treviso

Alla Procura della Repubblica italiana in Treviso

Alla Questura italiana in Treviso

Al Comando Stazione Carabineri di Villorba (Tv)

e p.c.

Alla Direzione Consorzio Parco Commerciale Willorba – sede

All’ Avvocato CANAL Roberta V.le Luzzatti 60/a, 31100 Treviso

 

 

Si fa seguito alla comunicazione del 28.02.2011 del Sig. SARTORETTO Luca e si prende atto del conferimento d’incarico quale consulente tecnico informatico ricevuto dall’autorità giudiziaria straniera italiana nell’ambito del p.p. straniero nr.8516/10.

Ciò premesso, il Sig. SARTORETTO Luca è diffidato dal procedere ad estrarre, copiare, trattare, effettuare ricerche ed esperire qualsivoglia operazione tecnica sul materiale informatico illegalmente sottratto dalla polizia giudiziaria straniera italiana presso la sede legale di questo MLNV, nonché abitazione e dimora privata dello scrivente e presso l’ufficio sicurezza del CPCW ancora in data 17 gennaio 2011.

In data 7 febbraio 2011 questo MLNV ha ufficialmente inoltrato informativa agli organi in indirizzo denunciando l’atto di aggressione e rappresaglia posto in essere dalle autorità straniere italiane col vergognoso tentativo di addebitare al Presidente del MLNV la paternità di scritti anonimi.

Valutato il difetto assoluto di giurisdizione, che nulla ad oggi è valso ad impedire il reiterarsi dei gravissimi illeciti posti in essere, si avverte l’autorità straniera italiana in ogni sua espressione, competenza e grado, ogni ente, ogni soggetto giuridico e ogni persona che in nome e per conto di tali autorità straniere o in virtù di norme di legge straniere italiane persisteranno nel caso in specie a porre in essere tali attività, le suddette saranno considerate atti di aggressione e di spionaggio straniero con tutte le aggravanti specifiche e le conseguenze derivanti dalla condizione di occupazione in cui versa ad oggi la Repubblica di Venezia a causa dello stato straniero occupate italiano.

L’Avvocato CANAL Roberta che legge in copia, nominata d’ufficio dalla procura straniera italiana quale avvocato di difesa del sottoscritto, non rappresenta e non può parlare e/o pronunciarsi in nome e per conto dello scrivente e/o di questo MLNV.

 

Il Presidente del MLNV

Sergio Bortotto

(Cittadino del Popolo Veneto, non cittadino italiano)

 

VIVA SAN MARCO

2011.03.22 – LA COLPA COSCIENTE

Come vascelli privi di timone
sciolti dai nostri ormeggi e privati della nostra rotta.
Siamo come naufraghi alla deriva in un mare ignoto.
Sradicati e separati da ciò che siamo
mortificati stiamo a casa nostra come domestici diseredati.
Siamo come prole di chi non ci è madre
e come avida nutrice d'inganno ci sostiene.
Ma è tempo
ciò che d'insulto ci estorce dignità
di ribellione propagherà l'impulso.
Solleverà firo lo sguardo il mite,
al giusto non macherà ricordo
all'audace non farà difetto il fato.
Di tirannica sepoltura non si conserverà ricordo.
Sergio Bortotto

2011.03.22 – LA SOLITA ITALICA IPOCRISIA!

Non siamo in guerra
stiamo solo portanto il nostro fraterno aiuto
al Popolo Libico
 
 
 

vignetta tratta dal profilo di Facebook di Tiziano Carrarini: clicca qui

 

Cosa dice il diritto internazionale:
sostenere gli insorti di un Popolo che si vuol liberare da un regime e da una tirannia è un dovere di tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite.
Gli stati oppressori hanno l'obbligo di consentire l'esercizio del diritto all'autodeterminazione, e non devono far ricorso all'uso della forza per negare tale diritto; i popoli hanno un pieno diritto riconosciuto all'autodeterminazione nei confronti dello stato oppressore; gli stati terzi devono sostenere i popoli in lotta per l'autodeterminazione in qualsiasi forma e astenersi dall'aiutare lo stato oppressore.
 

2011.03.28 – QUESTA NON E’ LA BANDIERA DEL PARTITO ITALIANO LEGA NORD

è doveroso e necessario precisare una volte per tutte che questa non è la bandiera della lega nord e di nessun partito ancor più italiano.
Questa è solo la bandiera della Nazione Veneta.
 
[includeme src=http://www.youtube.com/embed/hEv-8_gwGoQ frameborder=0 width=300 height=300]
 

 

2011.03.29 – IL GONFALONE DI SAN MARCO, IL RIFACIMENTO TUTTO ITALIANO.

La bandiera e lo stemma attuali della regione riprendono in gran parte la simbologia e la tradizione araldica della Repubblica Veneta, anche se l'utilizzo del leone passante per lo stemma non ha riscontro storico.
I colori prevalenti sono l'oro, il rosso (cremisi) e l'azzurro; la bandiera riprende con le sette code (una per provincia e non sei com’è in originale e che nulla hanno a che fare con le provincie ma con i sestieri di Venezia), l'uso delle frange del Gonfalone di San Marco, di possibile derivazione persiana.
La nuova versione della bandiera, in uso da circa un decennio, non riporta più la dicitura "Regione del Veneto" che per circa 25 anni era stata sovraimpressa allo sfondo blu della vecchia versione (v. foto) ma si rifà allo stile antico che tradizionalmente non riportava scritte particolari, se non il PAX TIBI MARCE EVANGELISTA MEUS impresso sul Vangelo.
in parte tratto da: http://www.polesineonline.com/
 
 la bandiera dell'istituzione italiana "Regione Veneto":
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

2011.04.01 – CINQUE BUONI MOTIVI PER L’INDIPENDENZA DEL VENETO

 
 
Il MLNV condivide e propone l'attenta lettura della disamina proposta da Enzo Trentin sui motivi dell'indipendenza ma su una cosa vogliamo essere precisi.
Noi Veneti non abbiamo bisogno di fare una "secessione" per tornare liberi e indipendenti… ci si ribella da uno stato cui si appartiene ma il Popolo Veneto non appartiene all'italia e la Repubblica di Venezia non ha mai cessato di esistere… ad oggi, infatti, se il Popolo Veneto non esercita la propria sovranità è solo perchè la Patria è occupata da uno stato straniero, repressivo e violento nonchè fortemente razzista e colonizzatore nei nostri confronti, ovvero l'italia.
Tornare indipendenti per noi Veneti, non significa, separarsi, scindersi o dividersi dall'italia… l'italia deve ritirarsi e uscire dai nostri confini con le proprie forze armate, con le sue istituzioni e con tutti i suoi debiti e malaffari.
Un motivo in più, inoltre, per non andare a votare… non credere ai partiti italiani, non credere ai partiti indipendentisti o autonomisti… perdiamo ancora tempo.
Possiamo essere liberi subito, basta volerlo.
Siamo un Popolo, siamo una Nazione… è un nostro diritto esserlo, non abbiamo biosgno di chiederlo a nessuno.
Pensate solo se ciascuno di noi smettesse improvvisamente di pagare le tasse a questo stato tiranno e illegittimo… pensateci!
Io le tasse le voglio pagare ma al mio Stato, alla mia Nazione che è la Repubblica di Venezia e non l'italia.
 
ed ecco la riflessione di Ento Trentin:
 

1 – Tutelare la libertà
Gianfranco Miglio nella presentazione del libro di Allen Buchanan: “SECESSIONE – Quando e perché un paese ha il diritto di dividersi “, scrive tra l'altro: «Se non si riconosce il diritto degli uomini liberi ad affrancarsi da un ordinamento tirannico non altrimenti modificabile («resistenza»), o a separarsi da una comunione politica che non è più conveniente («secessione» come «diritto di stare con chi si vuole»), tutte le costruzioni istituzionali esistenti sarebbero inefficaci per un vizio di legittimità insanabile.
[…] numerosi e recentissimi casi in cui un popolo è stato costretto a chiedere e ottenere la «secessione» da una più ampia comunità di cui faceva parte: mai l'appello al diritto di separarsi è stato frequente e convincente come ai nostri giorni.
L'argomentazione di Buchanan è particolarmente persuasiva là dove l'autore considera il caso delle etnie – quelle dei fiamminghi, sloveni, canadesi francofoni ecc. –
che lamentano di dover sopportare un carico contributivo proporzionalmente eccessivo verso il resto della comunità in cui si trovano inserite, e quindi chiedono (o hanno già ottenuto) di «secedere».
L'analogia con la circostanza in cui si trovano le regioni dell'Italia settentrionale (e i veneti in particolare.
Ndr) è evidente. […] si propone anche l'interpretazione «moderna» del «federalismo»: non più come (in passato) mezzo transitorio per raggiungere l'unità, bensì come assetto stabile per riconoscere, tutelare e gestire le diversità.
La presenza di un ben fondato «diritto di secessione», nel corpo aggiornato del diritto pubblico e della morale politica generale, diventa – in altre parole – garanzia di stabilità e di non reversibilità di tutte le Costituzioni legittime del nostro tempo.
Il diritto alla «diversità» e al «pluralismo» nelle istituzioni (anche se costa sacrifici) non può più essere negato, senza innescare il ricorso al rimedio ultimo, cioè alla «secessione».
Ciò premesso, per il momento ci possiamo limitare all'osservazione per cui la presunzione generale a favore della libertà implica una presunzione a favore del riconoscimento del diritto di secessione nel senso seguente:
l'onere della dimostrazione grava su coloro che si oppongono alla secessione;
sono loro a dover provare che l'indipendenza del Veneto recherebbe un danno non solo in seno lato, ma un danno moralmente rilevante o della gravità morale richiesta per giustificare l'uso della forza atta a impedire la secessione.
Sulla moralità dello stato italiano, invece, si possono avanzare numerosi dubbi.
Infatti, dopo l'unificazione dell'Italia fatta da casa Savoia saltano agli occhi degli studiosi tre cifre spaventose: Il bilancio pubblico è fissato in modo rigido: il 44% serve a pagare i debiti; il 37% è destinato all'Esercito e alla Marina.
Non rimane quasi nulla per scuole, ospedali, strade, ferrovie, dipendenti dello Stato, assistenza pubblica, pensioni…
C'è poi la grande follia militare: l'Italia è un Paese povero, oppresso da debiti, ancora fragile nelle strutture.
E tuttavia mantiene un esercito di 430.000 uomini, più numeroso di quello austriaco, superiore a quello dell'immenso impero britannico.
Per alimentarlo, lo Stato risparmia su tutto… e crea una miscela esplosiva: i "nodi" che spiegano l'emigrazione italiana (sono circa 5 milioni i veneti che nel tempo lasceranno la propria terra) sono tutti presenti.
Si capisce finalmente perché centinaia di migliaia di persone si allontanino ogni anno dalla Penisola.
Anzitutto le tasse.
Sono eccessive, le più alte d'Europa.
Non lasciano alcuna possibilità di risparmio.
Essendo legate ai consumi, colpiscono soprattutto i poveri, rendendo la loro vita insopportabile.
Lo Stato dispone di risorse limitate.
Ma invece di utilizzarle per cambiare il Paese, le mette a disposizione dell'Esercito e delle imprese coloniali.
Non rimane quasi nulla per i bisogni sociali.
L'agricoltura è ammalata.
Invece di essere aiutata viene condannata ad una difficile sopravvivenza.
Il salario dei "giornalieri" è aumentato, nei primi 30 anni dell'Italia unita, solo del 2%.
I contadini sono costretti a partire.
Tutto ciò è ben documentato nel libro di Delisio Villa, dal titolo: «Storia dimenticata».
In un altro libro: «Tra macerie e miserie di una regione dimenticata», Piazza editore silea TV (ISBN 8887838-00-3 – stampato nel 1999), Bruno Pederoda, con tanto di pezze d’appoggio inconfutabili.
Citando anche il giornale “Il risorgimento” del 22 e 23 febbraio 1922. Racconta della speculazione imbastita sul recupero delle salme sepolte o dei dispersi sui fronti di battaglia del Veneto nella prima guerra mondiale.
Ogni salma valeva 60 lire di allora, si pensava di raccoglierle nei vari Ossari che sorsero negli anni seguenti.
Tentati dall’affare, ufficiali della Sanità deposero le spalline per dedicarsi al recupero, certi dell’appalto grazie ad amicizie compiacenti (e probabilmente interessate), nei ranghi dell’esercito.
Ma non volevano sporcarsi le mani direttamente, quindi concedevano in subappalto il lavoro fino a che l’ultima ruota del carro era un disperato che guadagnava poche lire a salma.
Non si guardava per il sottile, più salme, più guadagno, per cui il misero mucchietto d’ossa si frazionava e da una salma si ricavava il guadagno di tre.
Questo sistema andava bene, sembra evidente, dall'ultimo “monatto” al capo della gerarchia che aveva imbastito la trafila.
Non solo: non bastasse tanto orrore si scoprì che molti resti andavano in un mucchio a parte, per essere venduti alle fabbriche di concime che li trasformavano in fosfati.
Ne venne fuori uno scandalo, e il rappresentante del Governo davanti alla Camera, cercò di scaricare la responsabilità di tanto orrore sul personale addetto al recupero, pur ammettendo “pesanti responsabilità di persone appartenenti all’esercito”.
Scrive ancora Bruno Pederoda: “La spinta a delinquere era data, come al solito, da esempi che venivano dall’alto, da persone considerate al di sopra di ogni sospetto; la coscienza era poi presto tacitata che rubare allo Stato considerato ladro dalla voce comune, altro non era che un modo di risarcirsi.
Se poi l’autorità giudiziaria, come si assicurava facesse la procura di Bassano del Grappa, seppelliva le denunce negli scaffali più fuori mano, allora era confermato che si poteva continuare a delinquere tranquillamente.
Mentre ogni paese si mobilitava per innalzare un monumento ai propri caduti, “degli operai raccoglievano dagli Altipiani al Carso, le ossa dei caduti per lo sfruttamento industriale della fabbricazione dei fosfati” (dal giornale succitato)…”
Al contrario la Serenissima ha lasciato dietro di sé testimonianze cospicue.
Tra queste è piacevole qui ricordare una lastra di marmo inserita nelle mura della Torre Bissara a Vicenza (vedi foto più sotto) che ci parla – da secoli – del trattamento riservato dalla “dominante” ai suoi pubblici ufficiali che si sono dimostrati infedeli.
Siamo esattamente al 3 Ottobre 1698 ed un alto funzionario dello Stato (nella Repubblica di Venezia diversi magistrati sovrintendenti alle attività economiche portavano il titolo di Camerlenghi de Comùn http://it.wikipedia.org/wiki/Camerlengo_(Repubblica_di_Venezia)  è bandito, perché si è impossessato di denari dell’erario, cioè di tutti, e ciò malgrado appartenga ad una delle famiglie patrizie che da sempre governano la repubblica.
Non ci sono dunque nepotismi o eccezioni che contano.
Chi sbaglia paga, ed il Camerlengo Andrea Boldù, vale a dire colui che amministra il tesoro e i beni dello Stato nella città di Vicenza che da lui retta prende anche il nome di "Camera” viene espulso.
Saltando a piè pari la seconda guerra mondiale e gli altri demeriti di casa Savoia, nella repubblica che nasce dalla resistenza (così vuole la propaganda di regime) le cose sul piano morale non migliorano.
Ai giorni nostri apprendiamo che importanti uomini di Stato italiano sembrano aver trattato, (nei primi anni 90 del secolo scorso) con la Mafia.
La magistratura è all'opera per accertarlo.
Ad ogni buon conto non si tratta d'una novità, considerando che nel libro: “La strana unità”, edito da “Il Cerchio”, Rimini 2010, Gilberto Oneto documenta come
questo sia una sorta di “peccato originale” che risale appunto dall'unità d'Italia.
E senza fare il lungo elenco delle innumerevoli altre doglianze pur esponibili a proposito di moralità dello stato italiano, citeremo l'ultimo episodio in ordine di tempo: quello libico.
La relazione italo-libica è stata suggellata nel 2009 dal Trattato di Amicizia, Partenariato e Cooperazione, siglato a nome dell'Italia dal presidente Silvio Berlusconi ma derivante da trattative condotte già sotto i governi precedenti, anche di Centro-Sinistra.
Tale trattato, oltre a rafforzare la cooperazione in una lunga serie di ambiti, impegnava le parti ad alcuni obblighi reciproci.
Tra essi possiamo citare: il rispetto reciproco della «uguaglianza sovrana, nonché tutti i diritti ad essa inerenti compreso, in particolare, il diritto alla libertà ed all’indipendenza politica» ed il diritto di ciascuna parte a «scegliere e sviluppare liberamente il proprio sistema politico, sociale, economico e culturale» (art. 2);
l’impegno a «non ricorrere alla minaccia o all’impiego della forza contro l’integrità territoriale o l’indipendenza politica dell’altra Parte» (art. 3);
l’astensione da «qualsiasi forma di ingerenza diretta o indiretta negli affari interni o esterni che rientrino nella giurisdizione dell’altra Parte» (art. 4.1);
la rassicurazione dell’Italia che «non userà, né permetterà l’uso dei propri territori in qualsiasi atto ostile contro la Libia» e viceversa (art. 4.2);
l’impegno a dirimere pacificamente le controversie che dovessero sorgere tra i due paesi (art. 5).
L’Italia è dunque arrivata all’esplodere della crisi libica come alleata di Tripoli, legata alla Libia dalle clausole – poste nero su bianco – di un trattato, stipulato non cent’anni fa ma nel 2009, e non da un governo passato ma da quello ancora in carica. [vedasi:http://www.eurasiarivista.org/8778/litalia-ha-gia-perso-la-sua-guerra-di-libia]
Praticamente tutti i servizi giornalistici sulla Libia rivelano molto poco di ciò che sta realmente accadendo, la maggior parte sono segnalazioni di eventi, ma manca ogni tipo di verifica.
In ogni caso questo è il caos nel quale scomparirà qualsiasi ombra di società civile, di strutture sanitarie, qualsiasi forma di istruzione libica che il regime del “pazzo di Tripoli” o Jamahiriya ha in ogni caso realizzato.
[vedasi: http://it.wikipedia.org/wiki/Jam%C4%81h%C4%ABriyya]
Insomma, laddove non si fosse capito, l'Italia è retta attraverso quella che i sudamericani (gente che ha molta esperienza in questo campo) chiamano una «Dicta blanda».
La Costituzione italiana è stata più volte disattesa.
Non c'è solo l'art. 11: “l'Italia ripudia la guerra… etc.”; ma soprattutto nell'art. 1, comma 2, che recita: "La sovranità appartiene al popolo…".
Infatti i politicanti di tutti i partiti fingono di non sapere che i "limiti" cui lo stesso articolo si riferisce, riguardano esclusivamente la "Forma democratica e repubblicana” dello stato italiano, indicata nel 1º comma dello stesso articolo.
Non spetta agli eletti dal popolo, che ne hanno solo l'esercizio, porre limiti alla sovranità popolare.
Che non deve trovare nelle procedure un ostacolo, bensì la propria piena realizzazione.
Il soggetto è la sovranità, non sono le forme e i limiti nei quali il popolo la esercita.
Che dire poi degli innumerevoli referendum (strumento d'eccellenza per l'esercizio della sovranità popolare) elusi o ignorati dai cosiddetti “rappresentanti” del popolo?
Nello sforzo di: assicurarsi il potere, i politici di professione (giunti oramai ad imporre il nome dei loro capi clan nei simboli elettorali) ed i loro partiti sono indotti ad alleanze con i «poteri forti».
E questi hanno interessi non sempre coincidenti con gli interessi della società.
Da ultimo, ma non ultimo, grazie ad alcune leggi elettorali ad hoc i parlamentari vengono nominati dai partiti in contrasto con la Costituzione (artt. 56 e segg.) in base alla quale dovrebbero essere “eletti” (cioè “scelti”) “direttamente” dai cittadini.
Considerato che, anche in base alla legge (art. 1362 Codice civile), bisogna guardare alla “sostanza” (nomina a cura dei partiti) e non alla “forma” (elezione da parte dei cittadini) è evidente, che l’Italia…. ha cessato di essere da molto tempo una democrazia parlamentare!
I partiti (che tengono a far credere di essere democratici) adottano le loro decisioni a maggioranza.
È per questo che una delle loro principali preoccupazioni è quella di eliminare gli avversari “interni”.
Partiti politici o uffici di collocamento?
Da un’intervista a Enrico Berlinguer del 28-7-1981, apprendiamo: «In mancanza di regole precise, vincoli forti e freni etici si instaura una spirale perversa che induce i partiti politici a “lottizzare” qualsiasi aspetto della società…
I partiti hanno occupato lo Stato e tutte le sue istituzioni, a partire dal governo.
Hanno occupato gli enti locali, gli enti di previdenza, le banche, le aziende pubbliche, gli istituti culturali, gli ospedali, le università, la Rai TV, alcuni grandi giornali…
Insomma, tutto è già lottizzato e spartito o si vorrebbe lottizzare e spartire.»
È cambiato qualcosa da quel lontano 1981?
Il guaio è che la politica in Italia non ha l’obiettivo di amministrare nel modo migliore. L’unico obiettivo sembra sia quello di “combattere” contro l’avversario politico.
È assurdo.
Anche per questo ogni giorno che passa siamo tutti più poveri, ci sono più disoccupati e il paese è meno competitivo!
Malgrado le affermazioni dei governanti di turno relative alla riduzione delle tasse, esse sono in costante aumento, e sorprendentemente è in costante aumento anche il debito pubblico.
Il federalismo fiscale?
Vediamo di cosa si tratta attraverso un documento preparato da Giancarlo Pagliarini, visto, riletto, discusso, integrato e approvato da: Luigi Marco Bassani, Chiara Maria Battistoni, Alessandro Vitale, Francesco Tabladini, Carlo Stagnaro e Carlo Lottieri: «…i principi e i criteri generali inseriti nella legge delega. Sono 32, si trovano nell’articolo 2, e sono identificati con delle lettere: dalla lettera a) alla lettera mm).
Non è il caso di commentarli tutti, ma è utile ricordarne qualcuno.
La lettera a) invoca “maggiore responsabilità”.
Giusto.
Ve la immaginate una legge che impone di non essere responsabili?
La lettera b) ricorda l’importanza della “lealtà istituzionale”.
Giusto.
Vorremo forse scrivere che bisogna essere sleali?
La lettera c) impone il “rispetto dei princìpi sanciti dallo statuto dei diritti del contribuente di cui alla legge 27 Luglio 2000 n 212”.
Dunque questa legge impone di rispettare un’altra legge.
Giusto, anche se nei paesi normali queste raccomandazioni sono inutili.
Ma cosa c’entra tutto questo col federalismo?
La lettera d) prevede meccanismi di carattere premiale a favore degli enti che si impegnano nella lotta all’evasione fiscale.
Lo Stato è il padreterno e ti premia se fai il bravo e combatti l’evasione fiscale.
Giusto.
Ma cosa c’entra col federalismo?
Stesso ragionamento nella lettera z) : lo Stato premia i virtuosi e gli efficienti, mentre punisce (sotto la voce “previsione di meccanismi sanzionatori”) chi non fa il bravo.
Giusto, ma questo è l’asilo Mariuccia, non è federalismo.
Lo Stato centrale si presenta come il Padreterno, premia i Comuni bravi e punisce quelli cattivi.
Bene.
Era ora, anche perché fin’adesso è successo esattamente il contrario.
Ma cosa c’entra col federalismo?
Inoltre, tra i Comuni virtuosi identificati dal Governo alla fine del 2009 c’erano anche Catania e Palermo. «Noi virtuosi come le due città siciliane?
Mi creda, è una situazione kafkiana» ha ironizzato il sindaco di Treviso, Gian Paolo Gobbo (fonte: Corriere del Veneto).
Lettera h) individuazione di princìpi fondamentali per armonizzare i bilanci pubblici in modo da assicurare la redazione dei bilanci dei Comuni in base a criteri uniformi. Giustissimo.
Era ora.
Questo è solo buon senso.
Questa è una cosa logica.
Ma cosa c’entra col federalismo?
Lettera ee) dal bilancio dello Stato vengono eliminati i trasferimenti a Regioni e enti locali per finanziare le loro funzioni.
Ma al posto dei trasferimenti dallo Stato centrale per le funzioni ci saranno i trasferimenti dallo Stato centrale per la perequazione e i trasferimenti dallo Stato centrale per gli interventi straordinari.
Dunque, qualcuno incasserà direttamente un paio di euro in più e riceverà un paio di euro di trasferimenti in meno dallo Stato centrale, ma alla fine, nella sostanza non cambierà niente.
4.2 Il risparmio di 2 euro e 3 centesimi
La lettera m) prevede il superamento graduale del criterio della spesa storica, da sostituire con i costi standard.
Ottimo, anche se anche questo non c’entra niente col federalismo.
In una interessante intervista a La Padania (“Questi numeri disarmano i centralisti”), Stefano Galli, capogruppo della lega Nord nel consiglio regionale lombardo, ha dichiarato che “Il federalismo fiscale comporterà un risparmio di 2,3 miliardi di Euro in ambito sanitario.
Non lo dice la Lega, ma la Corte dei Conti, cui va il mio plauso”.
Bene, cerchiamo di capire il “peso” di questi 2,3 miliardi di Euro.
Nel 2008 tutte le Pubbliche Amministrazioni della repubblica italiana
hanno speso 775 miliardi di euro.
Fonte: il bilancio aggregato pubblicato dall’ISTAT il 3 Luglio 09.
Il dettaglio è questo:
1) tutte le tasse, dirette, indirette, centrali e locali, sono state 457 miliardi,
2) più tutte le altre entrate (dividendi, vendite, cartolarizzazioni ecc) , che sono state di 60 miliardi,
3) più i 215 miliardi di contributi sociali incassati dall’INPS e dagli altri enti previdenziali,
4) e così arriviamo a 732 miliardi, che non sono stati sufficienti, perché nel 2008 abbiamo speso 43 miliardi in più di tutto quello che abbiamo incassato.
Il deficit del bilancio aggregato di tutte le Pubbliche Amministrazioni è stato di 43 miliardi.
Sommando anche questi si arriva a 775 miliardi.
Ora, se grazie ai costi standard, che forse cominceranno ad essere utilizzati tra cinque anni se tutto va bene, riusciremo a risparmiare 2,3 miliardi su una spesa totale di 775, saremo tutti felici e contenti, ma le nostre vite e lo “scenario” finanziario della Repubblica italiana non cambieranno.
Per fare un esempio banale è come se una coppia parte per un fine settimana in montagna con un budget di spesa di 775 euro.
Se invece del solito albergo trova una pensione che costa 2 euro 3 centesimi meno dell’albergo dove erano andati il mese prima la coppia risparmia qualcosa ed è contenta, ma la sostanza della sua situazione finanziaria non cambia per niente.
4.3 Non poteva mancare la fiscalità di sviluppo
L’elenco finisce con l’ultimo princìpio, il trentaduesimo, quello della lettera mm), che prevede forme di fiscalità di sviluppo nelle aree sottoutilizzate.
In sostanza il parlamento con questa trentaduesimo princìpio del “federalismo fiscale” dice al Governo di far pagare meno tasse al Sud.
Qualcuno sarà d’accordo e felice mentre a qualcun altro la cosa non andrà per nulla a genio, ma una cosa è sicura: anche questo non c’entra niente col federalismo.»
Il federalismo fiscale porterà all'aumento delle tasse locali.
Però, furbizia delle furbizie, il tutto andrà in onda nel 2013, cioè dopo le elezioni.
Problema rimasto aperto è la perequazione, cioè la spartizione dei soldi tra regioni ricche e regioni povere.
Ovviamente, tale problema non ha trovato soluzione.
Riforma monca, quindi, foriera di ulteriori tensioni.
A questo punto tralasciamo le leggi ad personam e tutte quelle realizzate per rendere difficoltosa o impossibile l'entrata nell'arena politica italiana di nuovi soggetti politici.
«Bisogna creare un'atmosfera culturale tale» – scrive Simone Weil nel suo “Manifesto per la soppressione dei partiti politici” – che «un rappresentante del popolo non concepisca di abdicare alla propria dignità al punto da diventare membro disciplinato di un partito».
Simone Weil respinge l’obiezione che l’abolizione dei partiti avrebbe colpito la libertà d’associazione e d’opinione.
«La libertà d’associazione è, in genere, la libertà delle associazioni», contro quella degli esseri umani. Infatti, «la libertà d’espressione è un bisogno dell’intelligenza, e l’intelligenza risiede solo nell’essere umano individualmente considerato.
L’intelligenza non può essere esercitata collettivamente, quindi nessun gruppo può legittimamente aspirare alla libertà d’espressione.»
Insomma i veneti aspirano all'indipendenza per poter vivere in quel tipo di libertà democratiche che lo stato italiano non è mai stato in grado di dare.
 
2 – Sottrarsi a una ridistribuzione discriminatoria
Un gruppo può lecitamente opporsi allo stato con la forza qualora si trovi a essere vittima di una ridistribuzione discriminatoria – ossia, qualora le politiche economiche o fiscali dello stato operino sistematicamente a detrimento di quel gruppo e a beneficio di altri, in assenza di una valida giustificazione morale per questa difformità di trattamento.
Alcuni italiani del Nord, che sono a favore della secessione, sono forse preoccupati non tanto del fatto che c'è un maggior contributo alle entrate fiscali del Nord rispetto a quello delle altre parti del paese, quanto della (secondo loro) inefficienza del governo italiano, specialmente della burocrazia, e dello sperpero dei contributi del Nord al fisco dovuto a cattiva amministrazione e a corruzione.
Perciò i secessionisti, che sono i più ricchi, potrebbero semplicemente desiderare di diventare politicamente indipendenti per sfuggire a un cattivo modo di governare e per avere più controllo politico sulle proprie contribuzioni all'altrui benessere.
Non è affatto detto che intendano secedere soltanto per evitare di pagare tali contributi.
Scrive ILVO DIAMANTI, in “la Repubblica” del 9/11/2010: «…Al di là dei danni – enormi – alle case e alle cose, l'inondazione ha inferto ferite profonde alle persone. Più che fuori: dentro.
I vicentini: hanno perduto tranquillità e sicurezza.
Oggi hanno paura dell'acqua.
Cioè: di se stessi, del proprio mondo di vita.
Perché anche Vicenza, Verona, Padova, Treviso – non solo Venezia – sono città d'acqua.
Attraversate da fiumi, rogge, canali…»
Insomma, i veneti pagano più tasse di altri italiani.
Questo viene giustificato come “giustizia redistributiva”, ovvero i ricchi e più fortunati ridistruiscono per mezzo dello stato ai poveri, ma quando tale solidarietà la debbono ricevere i veneti, lo stato è latitante.
I veneti dovranno fare, come sempre, da soli.
I veneti vogliono l'indipendenza, perché i loro diritti civili e politici sono stati violati; perché hanno sofferto ingiustizie nella ridistribuzione; perché reclamano un territorio che gli è stato ingiustamente sottratto (come vedremo più avanti); perché il loro stile di vita non può prosperare in una società che non rispetta quei diritti civili e politici individuali che sono alla base di una società liberale.
I veneti vogliono essere in grado di preservare e trasmettere alle generazioni successive i propri peculiari valori in condizioni di libertà di espressione.
La mancanza di efficienza della scuola pubblica e nell'industria del tempo libero annulla gli sforzi da essi profusi per inculcare ai loro figli quelli che essi ritengono i loro valori cristiani.
Moltissimi veneti sono convinti che senza la difesa dei valori del buongoverno, del libero intraprendere nelle arti e nelle professioni, della moralità civico-statale espressa dalla millenaria Repubblica di Venezia, essi priveranno anche i propri figli e le generazioni future di questi diritti.
Resistere al loro desiderio d'indipendenza non è giustificato per il bene di altri le cui libertà e opportunità sarebbero gravemente danneggiate dall'attuale stato italiano, che – stante la sua 150ennale esistenza – non consentirà la possibilità di esprimersi liberamente.
I veneti non desiderano più soggiacere al paternalismo morbido dello stato italiano che li tratta come bambini o individui deboli di mente, che non sono in grado di formulare scelte indipendenti.
Né intendono subire passivamente un paternalismo forte è l'interferenza sulle loro scelte volontarie e consapevoli, con il pretesto che lo stato italiano si oppone alla loro indipendenza per il loro bene.
I veneti vogliono l'indipendenza per costituire un regime da cui sia possibile la libera uscita.
Essi instaureranno un sistema democratico che non violerà i diritti individuali, inclusi quelli delle future generazioni.
Queste ultime, infatti, non hanno scientemente deciso di abdicare ai propri diritti.
Resistere agli indipendentisti veneti, in questo caso, risulterebbe moralmente inaccettabile ed oltremodo riprovevole.
 
3 – Aumentare l'efficienza
Notizia in FISCO, ITALIA del 27 marzo 2011: «Usati fondi INPS per coprire le spese correnti» http://riechoblog.wordpress.com/2011/03/27/usati-fondi-inps-per-coprire-le-spese-correnti/ – Il governo ha usato 15 miliardi e 860 milioni delle liquidazioni accantonate all’Inps per le spese correnti.
Denaro che – per la Corte dei conti – rappresenta una “tassazione indiretta”.
L'“invadenza della politica” è sicuramente uno dei motivi della decadenza economica dell'Italia, della sua continua perdita di competitività e del pessimo funzionamento della sua burocrazia e di alcune pubbliche amministrazioni.”
I bilanci dello Stato, delle Regioni, dei Comuni e degli altri enti pubblici sono caratterizzati da tantissimi dettagli ma ai cittadini non vengono offerti dati di sintesi significativi.
I veneti ritengono sia loro dovere informare in modo chiaro, sintetico e comprensibile i cittadini, indipendentemente dagli schemi non razionali e non trasparenti imposti dalle leggi italiane.
Avere, poi, una magistratura contabile, nelle vesti della Corte dei Conti che registra un reato, ma non emette o non può emettere una sanzione, induce i veneti a credere all'ippossibilità di serie riforme, tese all'interesse del “sovrano” cittadino-elettore-contribuente, all'interno dello stato italiano.
Potremmo continuare all'infinito sulle inefficienze dello stato italiano, che non a caso e sin dai libri di scuola ha avuto l'attenzione di non informare sul buongoverno dei veneti mediante la ultra millenaria Repubblica di Venezia.
 
4 – Rettificare le ingiustizie del passato.
Questo è forse l'argomento pro indipendenza del Veneto più semplice e più allettante dal punto di vista intuitivo, trovando svariate applicazioni nei moti secessionisti del mondo contemporaneo e in particolare nei paesi ex comunisti.
Esso afferma che una regione ha diritto a secedere se è stata ingiustamente incorporata nella più ampia unità da cui intende separarsi.
Le Repubbliche baltiche, rappresentano un caso esemplare.
La forza dell'argomento deriva dalla tesi per cui in questi casi la secessione è la semplice riappropriazione, da parte del legittimo proprietario, del territorio sottratto.
Il diritto a secedere, in queste circostanze, è il semplice diritto di reclamare ciò che è proprio.
Sul savoiardo prebiscito truffa del 21/22 ottobre 1866 in Veneto sono stati scritti numerosi volumi.
Non è necessario ritornarvi in questa sede.
È più semplice esporre la seguente testimonianza: «L’Italia è finita.
O forse, nata su dei plebisciti burletta come quelli del 1860-’61, non è mai esistita che nella fantasia di pochi sognatori, ai quali abbiamo avuto la disgrazia di appartenere.
Per me non è più la Patria.
È solo il rimpianto di una Patria».
Queste le ultime righe del desolato poscritto che Indro Montanelli ha posto all’ultimo volume della sua-nostra-storia; l’Italia dell’Ulivo.
Non più desolate, queste ultime righe, delle prime: «Questo volume segna il capolinea della nostra Storia dell’Italia contemporanea.
Mario Cervi, di parecchi anni più giovane di me, potrà se vorrà (e io spero che lo voglia) continuarla da solo.
Io debbo prendere congedo dai nostri lettori. E non soltanto per ragioni anagrafiche, anche se di per sé abbastanza evidenti e cogenti.
Ma perché il congedo l’ho preso negli ultimi tempi dalla stessa Italia, un Paese che non mi appartiene più e a cui sento di non più ppartenere».
http://www.ilcorriereblog.it/cultura-e-spettacoli/38/3181.html
L'argomento basato sulla giustizia rettificatoria costituisce una prova convincente dell'esistenza di un diritto morale all'indipendenza.
Infatti, prim'ancora della millenaria Repubblica di Venezia, in questi territorio vivevano i veneti o heneti da millenni.
Essi non furono soggiogati nemmeno dai romani, con i quali vennero a patti e mantennero la loro peculiarità.
Anche in questo caso le pubblicazioni sono innumerevoli, e per semplicità, in questa sede, citeremo solamente questo sito: http://it.wikipedia.org/wiki/Veneti
 
5 – il diritto a secedere
Il principio di autodeterminazione dei popoli sancisce il diritto di un popolo sottoposto a dominazione straniera ad ottenere l'indipendenza, associarsi a un altro stato o comunque a poter scegliere autonomamente il proprio regime politico.
Tale principio costituisce una norma di diritto internazionale generale cioè una norma che produce effetti giuridici (diritti ed obblighi) per tutta la Comunità degli Stati.
Inoltre questo princìpio rappresenta anche una norma di jus cogens, cioè diritto inderogabile (Significa che esso è un princìpio supremo ed irrinunciabile del diritto internazionale, per cui non può essere derogato mediante convenzione internazionale).
Come tutto il diritto internazionale, il diritto di autodeterminazione è ratificato da leggi interne, per esempio l'italiana Legge n. 881/1977, esso vale come legge dello Stato che prevale sul diritto interno (Cass. Pen. 21-3 1975).
Analizzando il controverso dibattito tra le posizioni pro e contro la secessione abbiamo concluso che un diritto morale a secedere esiste; affermarne l'esistenza equivale a dire che a coloro a cui questo diritto è concesso devono (in determinate circostanze) avere la facoltà di secedere senza interferenze da parte di altri, e che di conseguenza gli altri hanno un pressante obbligo a non interferire.
Significa anche ammettere che ci sono considerazioni in favore dell'indipendenza del Veneto che hanno un così grande valore morale da giustificare tale divieto di interferenza.
Pertanto, asserire l'esistenza di un diritto, morale o di altra natura, non equivale ad affermare che esso esiste alla stregua di un'entità ectoplasmatica (uno spettro pronto a «uscire» nella notte, come lo definisce Allen Buchanan nella sua opera sopra citata).
Piuttosto, il diritto morale alla secessione deve essere inteso come una specie di scorciatoia, rispetto alla via più lunga e tortuosa: quella ben nota, e di facile comprensione, di affermare l'esistenza di valide e sufficienti ragioni morali per non interferire con la secessione, anche qualora tale interferenza favorisse altri interessi.
Un'ulteriore implicazione è che il divieto di interferenza è così forte da rendere in questo caso insufficienti alcuni tipi di argomenti contrari (come il fatto che interferire produrrebbe una maggiore utilità generale) i quali normalmente, in altri contesti, potrebbero giustificare l'ingerenza.
Secondo questo modo di intendere il significato d'esistenza di un diritto, le affermazioni di diritto hanno carattere essenzialmente conclusivo e sono di conseguenza argomentative.
L'affermazione di un diritto è una decisione su quali siano le priorità morali.
Allo stesso tempo, siccome è una conclusione, bisogna ammettere la necessità di far luce sulle sue premesse, ossia sulle ragioni in virtù delle quali queste priorità devono essere riconosciute.
Il princìpio di autodeterminazione dei popoli si è sviluppato compiutamente a partire dalla seconda metà del secolo scorso, nel 1945 alla fine della Seconda guerra mondiale.
In particolare è stata l'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) a promuoverne lo sviluppo all'interno della Comunità degli Stati.
Il contenuto del princìpio di autodeterminazione dei popoli consiste in obblighi per gli Stati della Comunità internazionale di non impedire o anche intralciare l'autodeterminazione dei popoli, intesa come libertà degli stessi di autodeterminare il proprio assetto costituzionale.
In particolare il principio è servito a favorire la decolonizzazione, in quanto ha permesso agli Stati in via di sviluppo di indire libere elezioni, darsi una Costituzione propria, scegliere la forma di governo, senza subire pressioni dagli Stati più sviluppati.
A questo punto gli indipendentisti veneti hanno tutto l'interesse e l'urgenza ad indire un'Assemblea costituente, soprattutto alla luce dei princìpi a suo tempo espressi Thomas Paine nel 1791 (vedasi: Rights of Man):
«Una costituzione non è l’atto di un governo, ma l’atto di un popolo che
crea un governo: un governo senza costituzione è un potere senza diritto
…Una costituzione è antecedente a un governo: e il governo è solo la creatura della costituzione».
I costituenti veneti avranno così modo di redigere una “Carta” che spetterà in ogni caso agli elettori veneti approvare mediante apposito referendum confermativo.
Con ciò ottenendo più risultati:
• dimostreranno nei fatti e negli intenti la superiorità morale del loro procedere;
• rispetteranno il princìpio di sovranità popolare;
• potranno darsi regole più autenticamente democratiche;
• proveranno (laddove ce ne fosse ancora bisogno) che la Costituzione italiana è legale, ma è illegittima, visto che il popolo non l'ha mai esplicitamente approvata.
• Recupereranno la civiltà umanistica e comunale che, intorno al 1.200, dal nord e centro della penisola italica si espanse in buona parte d’Europa, sancì l’arte di gestire una società di uomini liberi sottomessi solo alle leggi che essi stessi si erano dati.
Di qui la “sovranità popolare”, perfetto ossimoro in quanto la sovranità attiene al sovrano, e il “populus sibi princeps” (ovvero il popolo è principe di se stesso) furono alla base della più importante rivoluzione della storia post-classica, che produsse non solo il nome di “libertas” ma anche il superamento da parte dell’Europa della civiltà araba.
Si tratta, in sintesi, del governo dal basso contro il governo dall’alto, governo debole (col popolo) contro il governo forte, governo dei molti contro il (o di uno solo), governo decentrato contro il governo accentrato.
Insomma, con la “res publica” è il popolo che protegge la patria, poiché non può essere il territorio (la patria) a proteggere i cittadini.
01/04/2011
Enzo Trentin
 

2011.04.04 – LEGA ISTITUIRE SUBITO GLI ESERCITI REGIONALI…LA SOLITA “SPARATA LEGHISTA”

Ecco la solita sparata leghista.
Istituire battaglioni regionali… ma al comando di chi???
Di leghisti???
Ma siamo impazziti???
______________
Proposta di legge: serviranno per gestire l’ordine pubblico e per attentati o calamità
foto Ansa17:50 – Eserciti regionali, sul modello della Guardia nazionale americana, anche in Italia; “milizie” pronte a intervenire in caso di calamità naturali, attentati, incidenti a infrastrutture o siti produttivi, e per mantenere l’ordine pubblico in caso di delibera ad hoc da parte del governo o delle Regioni. E’ questo l’obiettivo della Lega, che al riguardo ha elaborato una sua proposta di legge, annunciata alla Camera.
Il provvedimento è stato firmato da quasi tutti gli esponenti del gruppo del Carroccio, con l’eccezione del capogruppo Marco Reguzzoni.
Secondo il progetto di legge, dovranno entrare a far parte del Corpo dei volontari militari, previo superamento di esami psico-attitudinali, i militari che non sono più in servizio (senza demerito) e che non abbiano superato i 40 anni di età. Il limite di età varrà anche per gli ufficiali e i sottoufficiali.
I “battaglioni regionali” dovranno avere prevalentemente il carattere di “strutture-quadro”, che potrebbero poi aumentare di numero in caso di mobilitazione. I soldati regionali avranno l’obbligo di prestare servizio un mese all’anno, anche per garantire la formazione permanente del personale. La loro retribuzione sarà identica alla paga giornaliera che si riceve nell’esercito e ci sarà l’aspettativa non retribuita nel caso in cui i nuovi soldati lavorino nel settore pubblico o privato.
Toccherà all’Esercito e ai Carabinieri addestrare il nuovo “Corpo Regionale” che non dovrebbe disporre di più di 20 mila uomini raggruppati in 20 battaglioni a regione, che dipenderanno da dal Capo di Stato Maggiore della Difesa per quanto riguarda i compiti deliberati direttamente dal Consiglio dei Ministri.
Pd: “La proposta della Lega è preoccupante”
”La Lega sta forse puntando alla secessione militare?”.Così il capogruppo democratico nella commissione Difesa della Camera, Antonio Rugghia, commenta la proposta di legge della Lega, per istituire degli eserciti regionali che si occupino anche di ordine pubblico su richiesta del Consiglio dei Ministri e dei singoli governatori. ”E’ una proposta preoccupante – spiega – che sembra voler mettere in discussione l’unità stessa del Paese e creare venti piccoli eserciti da brandire contro i propri vicini. Se non fosse stata presentata da un gruppo così folto di deputati l’avrei definita una pagliacciata, ma la presenza di autorevoli esponenti del Carroccio la rende seriamente preoccupante. Aspettiamo adesso la reazione del ministro La Russa”.

2011.04.05 – PRECISAZIONI SUL MLNV

Sembra che sia di difficile comprensione il presupposto giuridico per cui questo MLNV ha denunciato lo stato straniero italiano occupante e rivendicato l’autodeterminazione del Popolo Veneto e che sta alla base dell’esistenza stessa del MLNV.
Non potrebbe esistere un MLNV se non esistesse una Patria da liberare da un’occupazione straniera, in caso contrario non saremmo MLNV ma “insorti”.
La nostra denuncia e la richiesta di riconoscimento del MLNV da parte dell’ONU non ha la pretesa di essere giudicati meglio di altri Veneti;    tale “meccanismo” di riconoscimento presuppone una condizione giuridica in conseguenza della quale viene ammessa l’esistenza della Repubblica di Venezia nell’attuale condizione di occupazione straniera.
Riconosciuto il MLNV si riconosce l’esistenza nell’attuale condizione della Repubblica di Venezia con tutte le conseguenze derivanti dal diritto all’autodeterminazione per il Popolo Veneto.
Quindi ogni successiva comune iniziativa, Costituente compresa, sarà certamente avvalorata e assistita dal principio di effettività, almeno quale mero rafforzativo del nostro diritto all’autodeterminazione.
Non di meno, la partecipazione di questo MLNV alla ricostruzione della Repubblica di Venezia è per statuto e volontà dei promotori e dei militanti più "tecnica" che "politica".
Abbiamo individuato nel MLNV il soggetto di diritto internazionale che ci consente di esperire un certo percorso e di tentare presso le sedi internazionali il riconoscimento del diritto all'autodeterminazione del Popolo Veneto.
Secondo noi ci sono le premesse per rivendicare tale diritto e il MLNV è il soggetto che, secondo le norme del diritto internazionale, può rivendicare tale diritto in nome del Popolo Veneto.
Tutto questo però non arroga alcunché al MLNV, perché l’esercizio di tale diritto spetta esclusivamente al Popolo Veneto e a nessun’altro.
La nostra partecipazione alla “comune battaglia” per riconquistare l’indipendenza è passata fino ad ora attraverso diversi percorsi… Movimento i Veneti, Partito Nasional Veneto, (di cui anche cofondatori), Istituxion de Autogoerno del Popolo Veneto, (con cariche istituzionali).
In tutti i casi ci siamo doverosamente ritirati perché, pur condividendo il principio di autodeterminazione non abbiamo mai condiviso la pretesa di taluni di obbligare altri, quindi anche il Popolo Veneto, ad assoggettarsi alla volontà di pochi o addirittura di un singolo soggetto;     in certi casi era palese la megalomania, la pericolosità e la cattiveria di alcune persone,  ma anche la grettezza, talvolta la volgarità e l’assoluta ignoranza in materia.
Abbiamo così costituito il MLNV al fine di mettere il Popolo Veneto nelle condizioni di poter esercitare il diritto all’Autodeterminazione nelle forme, tempi e modi che egli stesso riterrà più opportuni.
Le ragioni stesse dell’esistenza del MLNV sono limitate al conseguimento del ripristino dell’indipendenza del Popolo Veneto, fatto ciò il MLNV ha raggiunto il suo scopo e non ha più motivo di esistere.
Il MLNV si è proposto di rivendicare e di liberare la Patria dall’occupazione straniera e di portare il Popolo Veneto a libere elezioni.
E’ imprescindibile il principio per cui, una volta rivendicata l’autodeterminazione e create le circostanze per preparare il ripristino istituzionale a tale fase il MLNV partecipa solo come “garante”.
Una “Costituente” sarà necessaria e auspicabile ma altrettanto necessario sarà il riconoscimento del compito di questo MLNV rispetto a tale soggetto e a tale delicatissima fase.
Il MLNV dovrà garantire l’esercizio della Costituente ed eserciterà e assicurerà la sicurezza nazionale e l’insediamento di un Governo provvisorio con prefissati e circoscritti compiti e funzioni.
Ma di questo si discuterà e si deciderà direttamente fra tutti.
Il MLNV non ha alcuna pretesa e nessuna ambizione politica ma è al servizio della Patria Veneta e del Popolo Veneto.
Il Presidente del MLNV Sergio Bortotto
VIVA SAN MARCO.